Skype resta fuori dalle reti cellulari

La petizione alla Commissione statunitense per le Comunicazioni, che chiedeva di "aprire" le reti senza fili, ha ricevuto una risposta negativa.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 03-04-2008]

Appellandosi a una sentenza del 1968 emessa dalla Federal Communications Commission degli Stati Uniti (che imponeva alla AT&T di permettere l'uso di apparecchi prodotti da altri sulla propria rete cablata), Skype aveva chiesto alla stessa Fcc di aprire le reti cellulari a dispositivi e applicazioni di terze parti.

Negli Usa, infatti, la maggior parte dei telefonini è fornita dagli operatori e può funzionare solo sulle reti di questi; Skype chiedeva invece che fosse possibile l'utilizzo di tali reti anche da parte di altri apparecchi. Ciò, nella fattispecie, si sarebbe tradotto nella possibilità di sfruttamento delle reti 3G per le comunicazioni Voip di Skype stessa.

A una simile richiesta tutti gli operatori mobili si sono subito opposti e ora anche il presidente della Fcc ha dato parere contrario. Le reti senza fili resteranno dunque chiuse, mentre Skype non si arrende nella battaglia che sta portando avanti - dice - per il "diritto di usare ogni applicazione e ogni dispositivo su una rete wireless".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

La vedo dura per Skype... non credo si possa molto contro la potenza dei trust USA, purtroppo.
3-4-2008 05:42

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
E' corretto utilizzare i social network in ufficio?
Sì, perché offrono numerose occasioni per migliorare la propria produttività.
Sì, perché sono strumenti validi per condividere opinioni lavorative con amici e colleghi.
Sì ma con moderazione: una pausa di cinque minuti ogni tanto allenta la tensione e migliora la produttività.
No, perché la commistione tra aspetti privati e professionali generata dall'utilizzo di questi strumenti potrebbe causare problemi sul posto di lavoro.
No, perché non è corretto scambiare opinioni relative a questioni lavorative attraverso i social media.
No, perché hanno un impatto negativo sulla produttività.
Non saprei.

Mostra i risultati (1972 voti)
Ottobre 2019
Smartphone e batteria, con la modalità scura si risparmia davvero
Il Galaxy S10 si sblocca con qualsiasi impronta
Windows 7 a fine vita, Microsoft importuna coi pop-up
Linux, seria falla nel comando sudo
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Antibufala: la Tesla della polizia rimasta a secco durante un inseguimento
Esplode lo smartphone in carica, muore ragazzina
Settembre 2019
Windows, l'aggiornamento di ottobre mette il turbo al Pc
Tutta la verità sul caso del dominio Italia Viva
Ecco perché gli aggiornamenti Windows hanno così tanti bug
A che età dare lo smartphone ai propri figli?
Tutti gli Arretrati


web metrics