L'Enisa: l'Europa rischia un 11 settembre digitale

L'Agenzia europea per la sicurezza informatica è preoccupata per lo scarso grado di preparazione della nazioni della Ue in materia di sicurezza.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-05-2008]

L'Europa rischia un undici settembre digitale

Proprio mentre la Commissione Europea si è accorta che gli indirizzi Ipv4 stanno finendo e i tempi sono ormai maturi per passare a Ipv6, l'Enisa lancia l'allarme: l'Europa è impreparata a fronteggiare un attacco informatico su larga scala.

"L'Europa deve prendere le minacce alla sicurezza più sul serio e deve investire più risorse" se si vuole evitare "un undici settembre digitale", ha detto Andrea Pirotti, che dell'Enisa è il direttore esecutivo.

Per chi non lo sapesse, l'Enisa è un'Agenzia europea di istituzione recente: è nata infatti nel 2004 e il suo nome sta per Agenzia Europea per la Sicurezza delle Reti e dei Sistemi Informatici.

Lo scopo è il miglioramento della sicurezza delle reti di comunicazione e dei sistemi informatici dell'Unione Europea, ottenuto sensibilizzando su questi temi tutti i soggetti (imprese, settore pubblico, istituzioni).

Il grosso problema è che l'alfabetizzazione informatica non è a un livello sufficiente, né lo sono le direttive comunitarie in materia. Alcuni Stati, poi, non sono per niente pronti a fronteggiare un attacco informatico.

"L'Enisa chiede che l'Ue introduca la segnalazione obbligatoria delle brecce nella sicurezza e degli incidenti da parte delle imprese. Gli Stati membri dovrebbero intraprendere sofrzi congiunti per ridurre gli squilibri nei livelli di sicurezza tramite più operazioni che superano i confini".

Solo lo spam è costato alle imprese europee 64,5 miliardi di euro nel 2007, dicono le stime dell'Agenzia: il doppio di quanto era costato nel 2005; non è questa, però, l'unica minaccia.

I siti di social networking, per esempio, possono essere un'ottima fonte per chi va a caccia di informazioni personali, così da poter studiare attacchi di phishing mirati, anche tramite l'uso di worm che scandagliano piattaforme come MySpace in cerca di dati da consegnare ai loro creatori.

I provider, i siti, le banche: questi e tutti gli altri fornitori di servizi online gestiscono e archiviano dati sensibili su salute, lavoro, situazione economica e vita sociale dei loro iscritti. Se la rete non viene resa sicura e usata e gestita con consapevolezza, chiunque può sfruttare le falle per avere un profilo completo di un utente, senza contare la possibilità di arrecare danno diretto (furti dai conti correnti online piuttosto che sottrazione del numero della carta di credito, giusto per citare due esempi).

Per questo diventa importante non solo che i singoli cittadini siano informati e istruiti sui rischi che corrono e su come prevenirli, ma ancor più che i dipendenti di aziende e istituzioni vengano istruiti a dovere. L'Europa, ora come ora, non è pronta.

Tutto ciò riguarda dunque in modo particolare gli Stati membri, che spesso non hanno disposto contromisure adeguate né hanno ritenuto necessario istituire un team di esperti per fronteggiare le emergenze.

Non è dunque più tempo per le soluzioni casalinghe o improvvisate, ma bisogna lavorare per rendere sicure le reti "per salvaguardare l'economia europea"; per questo obiettivo serve la stretta collaborazione di tutti gli Stati.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

Concordo sul fatto che mediamente soprattutto i dipendenti di aziende di servizio e istituzioni.. il privato in prima istanza arreca danno a se stesso (ok, tralasciamo per un momento la visione di pc zombie asserviti per uno scopo delinquenziale) Il dipendente di una societÓ o di istituzioni che gestiscono come poc'anzi detto la... Leggi tutto
29-5-2008 20:42

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Come passi maggiormente il tuo tempo online?
Sui social network
Leggendo e scrivendo email
Guardando filmati
Cercando e leggendo informazioni
Giocando online
Leggendo i blog
Sui forum
Ascoltando musica e radio online
Leggendo quotidiani e riviste
Altro (specificare nei commenti)

Mostra i risultati (1939 voti)
Settembre 2020
Ransomware blocca ospedale, muore una paziente
Veicolo autonomo investe e uccide; guidatore accusato di omicidio colposo
Il bug più serio mai scoperto in Windows
Bug in Immuni vanifica l'efficacia dell'app
Facebook ti paga se disattivi l'account
Amazon cancella 20.000 recensioni fake
Samsung brevetta lo smartphone completamente trasparente
L'app che abilita il God Mode in Windows 10
Intel, i Core di undicesima generazione sorpassano Amd
Windows 10 e il bug che deframmenta di continuo gli Ssd
Agosto 2020
Windows 10 rimuoverà automaticamente le app meno utilizzate
Malware negli smartphone a basso costo ruba dati e denaro
Duplicare una chiave col microfono dello smartphone
Chrome, Url troncati per combattere il phishing
Tim e Wind Tre, crescono le tariffe
Tutti gli Arretrati


web metrics