Goosh, la linea di comando di Google

Sembra una shell come quella cui sono abituati gli utenti di Linux, ma gira in un browser. Per interrogare Google rapidamente e senza fronzoli.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 16-06-2008]

goosh

Un'interfaccia grafica è generalmente bella da vedere e a volte sembra il motivo principale per cui è stato realizzato un prodotto (qualcuno ha detto Windows Vista?), ma molti degli utenti più smaliziati apprezzano la rapidità e la sintesi che sono proprie di un'interfaccia testuale.

Non a caso i vari Unix e Linux si amministrano facilmente proprio da riga di comando, e anche Windows 7 - pare - avrà finalmente una shell degna di questo nome. Non poteva quindi mancare chi desiderasse dotare il motore di ricerca più usato di un sistema di interrogazione spartano ed efficiente: così è nata Goosh, la shell non ufficiale di Google, realizzata da Stefan Grothkropp.

Sembra proprio una normale shell, non fosse che viene eseguita all'interno di un browser e che il suo unico scopo è interrogare i database di Google. Goosh supporta una lista di comandi - accessibile scrivendo help o h - e restituisce risultati in formato testo.

Niente fronzoli ma una buona velocità sono le caratteristiche principali, ed è anche possibile fare una ricerca tra le immagini, che verranno visualizzate nella pagina, o tra le notizie, o tra i blog, o nelle pagine di Wikipedia.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

l'ho provato ed Ŕ veramente ottimo velocitÓ spettacolare ora si che si fanno le ricerche
16-6-2008 14:46

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual Ŕ il maggior problema tra questi?
La gente comune non capisce molto di scienza.
La stampa e i media non mettono in risalto le scoperte veramente importanti.
La stampa e i media semplificano troppo le scoperte scientifiche.
La gente comune si aspetta soluzioni semplici e veloci.

Mostra i risultati (1814 voti)
Novembre 2020
Edge, una marea di estensioni pericolose ruba i dati degli utenti
Apple, multa milionaria per aver rallentato gli iPhone
Il malware che colpisce gli utenti dei siti porno
Google Foto, si va verso il servizio a pagamento
Expedia, Booking, Hotels e altri: dati degli utenti visibili e accessibili
L'aspirapolvere che recupera gli AirPod dalle rotaie
Open Shell riporta in vita il menu Start di Windows 7
WhatsApp, ora è più facile eliminare foto e video inutili
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
Tutti gli Arretrati


web metrics