OpenSuSE raggiunge la versione 11.0

La distribuzione Linux sponsorizzata da Novell mira alla semplicità d'uso ed è indicata per gli utenti alle prime armi.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 19-06-2008]

OpenSuSE raggiunge la versione 11.0

Non ha mai ricevuto le attenzioni di una Ubuntu ma nemmeno di una Fedora, forse perché gli intrallazzi di Novell con Microsoft rendono sospettosi gli appassionati di open source, ma ha comunque la propria schiera di fedeli e l'apparizione di una nuova versione merita almeno una menzione.

Stiamo parlando di OpenSuSE, la distribuzione patrocinata da Novell e sostenuta da una comunità di sviluppatore che qualcuno definisce sorella minore di SuSE Professional, solo perché le manca il supporto diretto della società (anche se OpenSuSE garantisce un supporto tecnico gratuito per 90 giorni dopo la registrazione).

In realtà OpenSuSE è una distribuzione che mira alla semplicità d'uso e alla semplificazione delle operazioni di configurazione, così che l'utente alle prime armi possa subito essere produttivo e l'utente esperto possa sfruttare i tool grafici per aiutarsi nelle operazioni. Se poi riesca a centrare l'obiettivo, è tutto da vedere.

La versione 11.0, appena rilasciata, si basa sul kernel 2.6.25.4 e sul server grafico X.org 7.3; incorpora gli ambienti grafici Gnome 2.22 e Kde 4, ma è anche disponibile anche Kde 3.5.9.

Particolare attenzione è stata posta nel porting di YaST, il sistema di installazione e manutenzione, a Qt 4, l'ultima versione delle librerie su cui è costruito Kde; lo stesso è accaduto a SaX2, il modulo che semplifica la configurazione dell'interfaccia grafica.

Il processo di installazione è abbastanza semplice, anche se la selezione dei pacchetti da installare risulta un po' macchinosa rispetto - per esempio - a una Fedora; in una decina di minuti su un Pc non troppo vecchio il setup è completo e l'interfaccia grafica prescelta accoglie l'utente con l'onnipresente e familiare tinta verde.

Una delle modifiche più interessanti riguarda il sistema di pacchetti Rpm (lo stesso delle altre derivate da Red Hat): anziché il formato di compressione bzip2 ora viene usato Lzma, che rende più rapida l'installazione dei pacchetti; in qualche caso, la velocità è addirittura doppia rispetto alle versioni precedenti della distribuzione.

Per quanto riguarda il reparto grafico, Compiz Fusion viene installato di default, così che siano immediatamente attive tutte le trasparenze e gli effetti grafici che ormai paiono indispensabili e che, ogni tanto, sono anche utili oltre che effettivamente gradevoli alla vista.

Tra i lati positivi di OpenSuSE c'è da ricordare che il supporto (inteso come rilascio di patch e correzioni) è garantito per due anni, dove altre distribuzioni preferiscono fermarsi prima: Ubuntu fornisce un supporto di 18 mesi per le versioni standard (tre anni per quelle Lts), mentre Fedora usa una formula complicata che fa arrivare il supporto fino a un mese dopo il rilascio della seconda versione successiva a quella presa in esame.

Ciò che lascia un po' perplessi quando si parla di OpenSuSE in realtà è che in un modo o nell'altro la distribuzione sembra sempre uguale a sé stessa, senza sostanziali innovazioni o miglioramenti se non l'integrazione di pacchetti più aggioranti. Yast, per dirne una, continua a non soddisfare pienamente e a non subire una seria revisione che lo renda modulare mentre Slab, il menù alternativo, è più seccante che utile, sebbene provi a rendersi utile in tutti i modi cercando di ricordare le applicazioni più usate.

Purtroppo resta sempre l'impressione che - più di quanto accade per Fedora e Red Hat Enterprise - OpenSuSE venga considerata da Novell la "sorella povera" di SuSE Professional, una sorta di versione beta prima di confezionare il prodotto finito. D'altra parte, per chi non necessita di particolari configurazioni e desidera un sistema Linux aggiornato, dotato di un supporto biennale, sul quale non mettere troppo le mani, OpenSuSE può essere la scelta giusta.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

Anche se ormai mi sono stabilizzato su Debian devo riconoscere che dalle prime Suse che avevo provato si Ŕ fatto un enorme passo avanti.Ho provato la 10.3 e devo dire che era ben fatta.Certo se si vuole capire alla base il funzionamento di Linux Ŕ quella meno indicata,ma sicuramente un'ottima alternativa a windows. Ciao a tutti
6-7-2008 09:08

L'ho scaricata qualche giorno fa ma non ho ancora avuto il tempo di installarla e provarla. Mi piacerebbe vederla girare con kde4 ma ho provato sulla mia pelle che non Ŕ ancora proprio stabile. Mi sa che appena posso la metto su con kde 3.x.y e poi vedr˛. So che finalmente yast riesce a sincronizzare i cataloghi dei repositories senza... Leggi tutto
28-6-2008 19:17

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Worm, virus, trojan horse, spyware, rootkit, dialer, hijacker. Chi li produce?
Smanettoni che vogliono provare la loro abilitÓ
Pirati informatici professionisti con lo scopo di trarne profitto
Gli stessi che poi fanno gli antivirus
Gruppi con finalitÓ politiche di destabilizzazione

Mostra i risultati (5212 voti)
Ottobre 2020
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Windows 10 avvisa l'utente se un SSD sta per morire
Windows 10 e i driver che vengono dal passato
Settembre 2020
Se tutte le auto fossero elettriche, quanta energia in più servirebbe?
Windows XP, il codice sorgente finisce in Rete
Tutti gli Arretrati


web metrics