Tutti abbandonano Yahoo?

Il fondatore di Delicious lascia Yahoo, come hanno fatto anche i fondatori di Flickr.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 21-06-2008]

Yahoo rilascia il plugin di Delicious per IE

Gli strascichi della vicenda che ha visto Microsoft e Yahoo parlare e corteggiarsi per mesi, salvo poi concludersi con una brusca interruzione delle trattative a tutto vantaggio di Google, non sono certo finiti e anzi sembrano far presagire un fosco futuro.

Forse Yahoo non sarà la proverbiale nave che affonda, ma recentemente si sta assistendo a una notevole fuga di persone, che pare interpretabile in un modo solo: gli azionisti e i dirigenti non sono per niente d'accordo con le decisioni del Ceo, Jerry Yang, come peraltro già si sapeva.

Già a febbraio, quando Yahoo aveva licenziato mille dipendenti, erano andate perse figure importanti come il Vicepresidente esecutivo Bradley Horovitz, che aveva trovato rifugio presso Google. Più recentemente, un altro Vicepresidente se ne è andato, Usama Fayyad, e altri ne hanno seguito l'esempio, ma l'emorragia non si è fermata.

Appena pochi giorni fa, il 18 giugno, i due fondatori di Flickr, il servizio di condivisione di immagini acquistato da Yahoo nel 2005, hanno annunciato la propria decisione dei abbandonare la compagnia. Caterina Fake e Stewart Buttefield, che sembravano elementi chiave per la transizione di Yahoo al cosiddetto Web 2.0, lasciano i loro posti di direttore dello sviluppo tecnologico e di general manager.

Ora è la volta del fondatore di Delicious, il servizio di social bookmarking anch'esso acquisito nel 2005, di partire verso altri lidi. Joshua Schacter ha semplicemente detto che secondo lui "è semplicemente arrivato il momento di traslocare", senza specificare ulteriormente.

Yahoo, tramite i propri portavoce, non si dice preoccupata di tutte queste defezioni perchè ritiene di possedere ancora un team motivato e in grado di continuare a lavorare su progetti di grande successo come Delicious e Flickr.

In curiosa concomitanza con l'abbandono di Schacter, Yahoo ha rilasciato la versione per Internet Explorer del proprio plug-in per Delicious, che già da tempo esiste per Firefox. Scopo dell'estensione è semplificare la gestione e la condivisione dei segnalibri online integrando gli strumenti direttamente nel browser.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

chiudo qui il discorso su Vista, se vogliamo continuare è meglio proseguire in sede opportuna perchè è irrimediabilmente OT, ma rispondo comunque al tuo ultimo post il mio discorso non era riferito ad ambiti aziendali ma a semplice uso dei privati...non avevo capito che tu ne facevi un discorso a livello imprenditoriale.... capisco poi... Leggi tutto
9-7-2008 22:44

Peccato che mia sorella sappia benissimo che sta parlando al responsabile IT per le infrastrutture in Italia, della multinazionale di cui prima. Vista lo conosco benino, ci ho speso sopra svariate risorse e abbiamo fatto parecchi test: passare a Vista ci costerebbe in italia (licenze di vista escluse, cal, e quant'altro) circa 1.5... Leggi tutto
9-7-2008 22:21

inizio OT io sono una affezionata di Vista e non ho mai avuto un problema e tanto meno un virus... :wink: e comunque per certi versi sono daccordo con tua sorella....chi non ne vuole sapere di Vista perchè ha dei preconcetti non imparerà mai ad usarlo.... fine OT tutti possono fallire a questo mondo...... se no non si spiegherebbe... Leggi tutto
9-7-2008 21:44

Ok, detto cosi' suona molto diverso - significa "in microsoft fino a poco fa c'era ancora chi combatteva contro i mulini a vento" Ti auguro di non lavorare mai per una multinazionale - ti capiterebbe MOLTE VOLTE di dover fare delle cose assolutamente "contro gli interessi della compagnia" perche' qualche altissimo... Leggi tutto
9-7-2008 19:29

e se parla così uno che ci lavorava dentro... tra parentesi dirigente di punta di Microsoft, andato in pensione il 30 gennaio 2007, curiosamente in coincidenza con il lancio ufficiale del sistema operativo Vista.... :shock: Leggi tutto
9-7-2008 18:32

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Che lavoro fai?
Agente di commercio
Operaio
Personale medico
Dirigente - Funzionario
Libero professionista
Forze Armate / Guardia / Vigile
Insegnante
Pensionato
Studente
In cerca di occupazione
Casalinga
Commerciante
Imprenditore
Artigiano
Ecclesiastico
Impiegato

Mostra i risultati (4295 voti)
Marzo 2020
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Tutti gli Arretrati


web metrics