Clonate le tessere della metropolitana

I trasporti londinesi usano un sistema insicuro per garantire l'accesso agli utenti: gli hacker possono così viaggiare gratis.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 30-06-2008]

Clonate le tessere della metropolitana di Londra

Le tessere che consentono l'accesso alla metropolitana di Londra possono essere clonate senza troppe difficoltà, come ha dimostrato Bart Jacobs, ricercatore della Radboud University, in Olanda.

Il guaio è che il sistema usato a Londra, noto come Mifare Classic, è il più diffuso al mondo: i dati di vendita parlano di 500 milioni di smart card vendute. Il sistema Mifare (ma in una versione differente dalla "Classic") è utilizzato anche da ATM Milano per la metropolitana e per i mezzi di superficie.

Il dottor Jacobs ha dunque potuto viaggiare gratis nel sottosuolo di Londra clonando la tessera di un passeggero: prima ha ottenuto la chiave usata dal sistema dei trasporti londinese; poi, via wireless, ha raccolto i dati della tessera del passeggero vittima e li ha registrati nel proprio laptop. A quel punto li ha riversati su una tessera vergine ed ecco che l'accesso gratuito ai trasporti londinesi è diventata una realtà.

La stessa tecnica può essere usata con buona parte di quei sistemi di controllo degli accessi che non richiedono contatto fisico tra la tessera e il lettore: quelli dotati di tecnologia Mifare sono vulnerabili.

Il governo olandese, resosi conto del pericolo, è già corso ai ripari sostituendo le tessere di 120.000 dipendenti, mentre la direzione della metropolitana di Londra ha preso la cosa meno seriamente: "Non si tratta di un attacco al sistema Oyster (quello usato dai trasporti della capitale inglese, ndr). Si trattava della manipolazione di una singola carta".

Le ultime versioni del sistema Mifare, in realtà, sono più sicure; la versione Classic, però, resta la più popolare nonostante la crittografia usata sia già stata forzata.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

Perché wireless? Leggi tutto
1-7-2008 17:50

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (400 voti)
Dicembre 2021
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
La Rete telefonica italiana agli americani di KKR
Se il furgone di Amazon ti tampona... la colpa è di Amazon!
Il Blue Screen of Death... ritorna blu
MediaWorld sotto attacco ransomware: hacker vogliono 200 milioni in bitcoin
SPID con le Poste, il riconoscimento adesso si paga
Facebook rinuncia ufficialmente al riconoscimento facciale
Ottobre 2021
Il Nobel ad Assange
Windows 11, finalmente si possono eseguire anche le app Android
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 4 dicembre


web metrics