Ruba l'identità alla figlia per fare la cheerleader

Una donna di 33 anni s'iscrive alle superiori e si fa passare per la figlia.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 19-09-2008]

Cheerleader furto d'identità

Ora sostiene di averlo fatto perché non ha mai avuto una vera infanzia e voleva indietro il tempo perduto: per questo ha finto di essere la figlia e si è iscritta alle superiori, dove avrebbe voluto prendere il diploma e diventare una cheerleader.

Per un breve periodo la cosa ha funzionato; mentre la figlia viveva in un altro stato con il padre, Wendy Brown le ha rubato l'identità e si è iscritta alla locale scuola superiore, dove ha anche iniziato il corso di cheerleader.

Secondo una degli impiegati della scuola, la donna trentatreenne appariva più vecchia di una studentessa "vera", ma si comportava proprio come un'adolescente timida.

I dubbi - e le indagini - sono iniziati dopo che Wendy Brown ha smesso di seguire i corsi dopo il primo giorno; è stata così scoperta la vera identità della donna, che ha una storia di furti d'identità alle spalle.

Ora si trova in attesa di giudizio; se verrà condannata, rischia fino a sei anni di prigione e una multa di 10.000 dollari.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

Ma col suo nome vero non poteva iscriversi? O era già diplomata? Non ditemi "perché aveva bisogno di sembrare che avesse 15 anni", perché prima o poi l'avrebbero guardata in faccia. (Tra l'altro, per scegliere le cheerleader, farrano dei provini, no?)
18-9-2008 23:19

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'app che permette di noleggiare un'autovettura direttamente dallo smartphone è molto contestata dai tassisti.
Non è necessario introdurre nuove regole per l'app. I tassisti hanno torto, perché il mondo si evolve ma loro ragionano come se Internet non esistesse, difendendo ciecamente la loro casta (che ha goduto di fin troppi privilegi negli ultimi anni).
I tassisti dovranno adeguarsi e mandare giù il boccone amaro, anche se un minimo di regolamentazione per l'app è necessaria.
L'app non va vietata del tutto, ma va limitata in modo pesante così da poter salvaguardare le esigenze dei tassisti.
L'app va completamente vietata: i tassisti hanno ragione a protestare, perché Uber minaccia il loro lavoro e viola leggi e regolamenti.
Non saprei.

Mostra i risultati (1818 voti)
Gennaio 2019
Il sito Torrent distribuito e impossibile da censurare
Un futuro senza chiavette USB
Facebook sotto accusa: giochini per ''spennare'' gli utenti più giovani
Pubblicata la ''master list'' degli hacker
Il Pc con schermo e tastiera dentro il mouse
Non è reato filmare una donna nuda in casa sua se non usa le tende
Sei consigli per difendersi dal ransomware
Windows 7 riconosciuto come contraffatto dopo le ultime patch
IoT sotto attacco: ora tocca alle vasche idromassaggio
Apple taglia la produzione di iPhone: l'obsolescenza programmata non funziona più
Il primo computer quantistico progettato per applicazioni commerciali
Il bat-sonar Microsoft usa gli altoparlanti intelligenti per mappare intere stanze
Otter Browser, il vero successore di Opera Classic
Mozilla sperimenta gli spot in Firefox. Gli utenti insorgono
Richard Stallman fa i complimenti a Microsoft
Tutti gli Arretrati


web metrics