Ruba l'identità alla figlia per fare la cheerleader

Una donna di 33 anni s'iscrive alle superiori e si fa passare per la figlia.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 19-09-2008]

Cheerleader furto d'identità

Ora sostiene di averlo fatto perché non ha mai avuto una vera infanzia e voleva indietro il tempo perduto: per questo ha finto di essere la figlia e si è iscritta alle superiori, dove avrebbe voluto prendere il diploma e diventare una cheerleader.

Per un breve periodo la cosa ha funzionato; mentre la figlia viveva in un altro stato con il padre, Wendy Brown le ha rubato l'identità e si è iscritta alla locale scuola superiore, dove ha anche iniziato il corso di cheerleader.

Secondo una degli impiegati della scuola, la donna trentatreenne appariva più vecchia di una studentessa "vera", ma si comportava proprio come un'adolescente timida.

I dubbi - e le indagini - sono iniziati dopo che Wendy Brown ha smesso di seguire i corsi dopo il primo giorno; è stata così scoperta la vera identità della donna, che ha una storia di furti d'identità alle spalle.

Ora si trova in attesa di giudizio; se verrà condannata, rischia fino a sei anni di prigione e una multa di 10.000 dollari.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

Ma col suo nome vero non poteva iscriversi? O era già diplomata? Non ditemi "perché aveva bisogno di sembrare che avesse 15 anni", perché prima o poi l'avrebbero guardata in faccia. (Tra l'altro, per scegliere le cheerleader, farrano dei provini, no?)
18-9-2008 23:19

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
I bambini sempre più spesso entrano in contatto con la tecnologia a una tenera età (per giocare, comunicare e cercare informazioni), anche grazie alla diffusione di smartphone e tablet. Quale dovrebbe essere la maggiore preoccupazione dei genitori?
Potrebbero visionare materiale inappropriato o visitare siti inopportuni.
Potrebbero comunicare con sconosciuti o persone non ritenute affidabili.
Potrebbero essere vittime di cyberbullismo, sui social network o altrove.
Potrebbero spendere denaro online senza che i genitori lo sappiano, anche a causa delle app che richiedono acquisti online durante i giochi.
Potrebbero diffondere dati personali (compresi foto e filmati) senza essere coscienti dei rischi.
Potrebbero incorrere in difficoltà a relazionarsi con amici dal vivo, nascondendosi dietro relazioni disintermediate dal mezzo informatico.

Mostra i risultati (1336 voti)
Luglio 2020
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Hai installato Immuni?
Windows 10 rinnova il menu Start
Arriva Edge, e i computer rallentano
Giugno 2020
Favicon sfruttate per rubare i dati delle carte di credito
Windows 10, dov'è finita l'opzione per rimandare gli aggiornamenti?
Windows 10, l'ultimo aggiornamento riavvia i Pc a forza
La Casa Bianca e il video delle cataste di mattoni
Pornografia, il Parlamento prepara un filtro al web
La foto che paralizza alcuni smartphone Android
Il trucco che elimina la pubblicità da YouTube
L'Italia censura il progetto Gutenberg
Immuni, chiedete e vi sarà dato
Altro che Immuni: il Bluetooth va tenuto spento!
Tutti gli Arretrati


web metrics