Da Apple il contrordine: i Mac non hanno bisogno di antivirus

Apple rimuove la pagina che consigliava l'installazione dei programmi di sicurezza, ritenuta "vecchia e inaccurata": i Mac sono sicuri già così.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 03-12-2008]

Apple rimuove la pagina sugli antivirus Macintosh

Apple ha rimosso dal sito la pagina che consigliava l'adozione di software antivirus sui sistemi Macintosh "perché era vecchia e inaccurata": così l'ha definita il portavoce della società Bill Evans.

Il recente aggiornamento di quella particolare pagina della Knowledge Base (che risale nella sua prima stesura a un anno fa) aveva scatenato un piccolo putiferio in Rete: ma come - si sono chiesti tutti - Apple ha sempre detto che i Mac sono sistemi sicuri, a prova di virus, e ora ci invita a installare un antivirus?

In realtà l'intenzione era un'altra; sfortunatamente il modo scelto per esprimerla non era dei più felici e si prestava a diverse interpretazioni. È ancora Evans a spiegare quali siano le reali convinzioni della società.

"I Mac sono progettati con tecnologie integrate che forniscono protezione contro i software malevoli e le minacce alla sicurezza. Comunque, dato che nessun sistema può essere al 100% immune da ogni minaccia, usare un software antivirus può offire una protezione aggiuntiva".

Tutto come prima, insomma: al Mac non serve l'antivirus. Al limite, i più scrupolosi possono installarne uno, giusto perché esistono e perché anche i produttori di software devono mangiare. Inoltre, dicendo così, Evans mette Apple al riparo dalle rimostranza di chi dovesse davvero incappare in un malware.

E' vero che i creatori di virus si concentrano su Windows e che attualmente non ci sono in libertà programmi che sfruttino vulnerabilità in Mac Os, ma è anche vero che la prudenza non è mai troppa.

Inoltre, ultimamente la tendenza è sfruttare le falle presenti nei browser e creare minacce indipendenti dalla piattaforma che prendono di mira altre applicazioni: Flash, per esempio, essendo installato praticamente ovunque diventa un bersaglio estremamente appetibile, qualora venga scoperta una vulnerabilità.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Malware, attacchi al Mac moltiplicati nel 2015

Commenti all'articolo (3)

Sto cercando APPLE MACBOOK,il+ economico costa su listino apple ? 949,poi c'è lo sconto contanti,studente universitario,iva 4%, per cui sto cercando offerte valide. 1 Negoziante me lo procura a ? 735 prezzo finale 2 Gb ram,oppure pagando qualcosa in + prenderei quello ke su listino costa ? 1200 circa,fatemi sapere delle varie offerte. Mi... Leggi tutto
7-12-2008 16:26

Certo. Tutto sta nel voler fare o non voler fare certe cose. Leggi tutto
4-12-2008 07:32

{MaXXX}
Be nessumo ha mai messo in dubbio che mac os x sia un sistema molto sicuro... dopotutto è basato su unix e se vogliamo allargarci potremmo quasi dire che sia un linux commerciale creato da apple.
3-12-2008 12:50

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'Italia e gli italiani sono pronti per il (video)gioco online?
I giocatori sarebbero anche pronti, ma il problema è il digital divide. Senza una connessione broadband il gioco online è una chimera.
In Italia più che in altri paesi ha ampia diffusione la pirateria. Il fatto che buona parte dei giocatori utilizzi prodotti contraffatti limiterà la crescita dell'online gaming.
Barriere linguistiche e ritardi nella diffusione di giochi e tecnologie online ci hanno penalizzato nel passato, ma oggi le possibilità di sviluppo sono rosee.
Non ci sono barriere tecniche, ma solo culturali. Il videogioco è tradizionalmente visto come un prodotto da fruire individualmente o in compagnia di amici.
La comunità di giocatori online italiana non ha nulla da invidiare per qualità e quantità a quelle degli altri paesi.

Mostra i risultati (728 voti)
Settembre 2020
Veicolo autonomo investe e uccide; guidatore accusato di omicidio colposo
Il bug più serio mai scoperto in Windows
Bug in Immuni vanifica l'efficacia dell'app
Facebook ti paga se disattivi l'account
Amazon cancella 20.000 recensioni fake
Samsung brevetta lo smartphone completamente trasparente
L'app che abilita il God Mode in Windows 10
Intel, i Core di undicesima generazione sorpassano Amd
Windows 10 e il bug che deframmenta di continuo gli Ssd
Agosto 2020
Windows 10 rimuoverà automaticamente le app meno utilizzate
Malware negli smartphone a basso costo ruba dati e denaro
Duplicare una chiave col microfono dello smartphone
Chrome, Url troncati per combattere il phishing
Tim e Wind Tre, crescono le tariffe
Il chip nel cervello di Elon Musk
Tutti gli Arretrati


web metrics