Cassa integrazione da marzo per dipendenti Telecom Italia

L'ex monopolista potrebbe introdurre una misura di cassa integrazione finalizzata alla formazione, come è stato fatto in Almaviva e Comdata.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-02-2009]

poverta

Il capo del personale di Telecom Italia ha annunciato al sindacato, a fine gennaio, l'intenzione di applicare al personale in esubero del servizio 1254 la cassa integrazione a partire addirittura dal mese di marzo.

Contro questa decisione è stata proclamata una giornata di sciopero nazionale dei lavoratori per il 13 marzo. L'intenzione del vertice aziendale, ancora non esplicitata e non formalizzata ad alcun tavolo di trattativa, sarebbe quello di applicare la stesso tipo di cassa integrazione adottata, alla fine di gennaio, nelle due aziende di call center che gestiscono in outsourcing 187 e 191.

Infatti nel sito Comdata di La Spezia è stata da poco introdotta la cassa integrazione per gli operatori di call center, finalizzata alla frequenza di corsi per la gestione del 187 di Telecom Italia.

Ancora più importante ed estesa è la cassa integrazione per circa 800 lavoratori di Almaviva (già Atesia), che frequenteranno corsi di formazione, finanziati da fondi europei assegnati dalla regione Lazio.

I lavoratori di La Spezia non perderanno un euro perché la differenza tra il trattamento di cassa integrazione fino al 100% dell'attuale reddito sarà a carico dell'azienda.

Per Telecom sarebbe un remake di un analogo intervento formativo a carico della cassa integrazione che alla fine degli anni novanta aveva interessato circa seicento lavoratori.

L'alternativa alla Cig potrebbe essere un contratto di solidarietà per i lavoratori del 1254 che potrebbero godere di un'integrazione salariale a carico di Telecom.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (5)

Secondo me gli ammortizzatori sociali stanno diventando una piaga dilagante, sembra che serve a dare un contentin o al lavoratore ma gli da di più un contentone alle aziende che appena vedono la possibilità chiedono la cassa integrazione così il loro capitale rimane invariato e lo stato paga al posto suo senza averne ricambio. Anzi,... Leggi tutto
25-2-2009 10:56

in questo momento di crisi le enormi risorse del fondo sociale europeo per la formazione fanno gola. i soldi potrebbero essere destinati direttamente ai lavoratori, senza fare alcuna formazione, aggiungendo poi dei mesi di cassa integrazione ordinaria, in modo da aumentare il periodo di copertura. ma l'idea di usare il fondo sociale... Leggi tutto
25-2-2009 08:43

Al momento Almaviva ha comunicato al Sindacato unicamente la sospensione della richiesta di Cassa Integrazione che non signufica un annullamento mentre il modello concordato con il sindacato di una Cig finalizzata alla formazione non è stato di per sè, finora, sconfessato nè dall'azienda nè dal sindacato.
24-2-2009 19:13

{utente anonimo}
Almaviva Contact (ex Atesia) non ha nessuna procedura di cassa integrazione aperta su Roma/Regione Lazio... L'ipotesi, sottoscritta già con i sindacati, è stata sospesa prima della partenza.
24-2-2009 17:29

Non dovrei commentare notizie riguardanti Telecom Italia, vista la mia esperienza diretta ed il dente avvelenato che ho in questione :evil: Se la cassa integrazione, ha lo scopo di utilizzare i soldi della collettività, per dare la possibilità a dipendenti di telecom italia che non sono più utili in una certa mansione, di essere... Leggi tutto
24-2-2009 17:11

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
I bambini sempre più spesso entrano in contatto con la tecnologia a una tenera età (per giocare, comunicare e cercare informazioni), anche grazie alla diffusione di smartphone e tablet. Quale dovrebbe essere la maggiore preoccupazione dei genitori?
Potrebbero visionare materiale inappropriato o visitare siti inopportuni.
Potrebbero comunicare con sconosciuti o persone non ritenute affidabili.
Potrebbero essere vittime di cyberbullismo, sui social network o altrove.
Potrebbero spendere denaro online senza che i genitori lo sappiano, anche a causa delle app che richiedono acquisti online durante i giochi.
Potrebbero diffondere dati personali (compresi foto e filmati) senza essere coscienti dei rischi.
Potrebbero incorrere in difficoltà a relazionarsi con amici dal vivo, nascondendosi dietro relazioni disintermediate dal mezzo informatico.

Mostra i risultati (1028 voti)
Ottobre 2017
Ceo di GitHub: i programmatori sono condannati all'estinzione
Il ransomware per Android che blocca lo smartphone due volte
Il falso Adblock che ha ingannato decine di migliaia di utenti
Windows Media Player sparisce da Windows 10
Disqus violato, rubati i dati di 17,5 milioni di utenti
Il caso dell'iPhone 8 che si gonfia mentre è in carica
Gli auricolari di Google che traducono le conversazioni in tempo reale
La falla in Windows Defender che a Microsoft non interessa
Con un salto quantico, Firefox diventa più veloce di Chrome
Settembre 2017
Internet Explorer spiffera quel che digitiamo nella barra
Windows, gli ultimi aggiornamenti bloccano gli account utente
Violazione di CCleaner, guai più gravi del previsto
Il primo smartphone con Linux davvero libero
Falla nel Bluetooth, vulnerabili 5 miliardi di dispositivi
Se il robot sessuale diventa un terminator
Tutti gli Arretrati


web metrics