Licenziata perché usava Facebook in malattia

Una donna ha perso il posto: era a casa in malattia ma si è connessa al social network. "Chi usa la Rete può anche lavorare", secondo l'azienda che l'ha licenziata.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 27-04-2009]

Licenziata usava Facebook emicrania Suisse

Pare che in ufficio Facebook migliori la produttività. Se invece viene usato a casa mentre si è in malattia, fa perdere il posto di lavoro.

È questa la storia di una dipendente di una compagnia di assicurazioni svizzera, la Nationale Suisse, che un paio di settimane fa è rimasta a casa dal lavoro lamentando una forte emicrania che le impediva di guardare lo schermo del Pc e l'avrebbe costretta a passare la giornata al buio.

Tornata al lavoro il giorno successivo, è stata chiamata dal capo del personale che le ha comunicato il licenziamento, dicendole che aveva cinque minuti per lasciare l'edificio: durante la giornata di malattia era stata scoperta mentre usava Facebook e, secondo l'azienda, "chi sta abbastanza bene per usare Facebook con un'emicrania sta abbastanza bene per venire al lavoro con un'emicrania".

Non sono proprio chiarissime le modalità con cui la compagnia si è accorta delle attività della dipendente: la spiegazione più semplice coinvolge una collega che, collegatasi al social network dall'ufficio, l'avrebbe notata; la spiegazione "cospiratoria", avallata dalla dipendente stessa, coinvolge la creazione di un'identità fittizia da parte dell'assicurazione, usata per coglierla in flagrante chiedendole l'amicizia e poi subito cancellata.

Comunqe sia andata, la donna sostiene di essersi connessa al social network dal proprio iPhone e stando a letto; in ogni caso non ha alcuna intenzione di combattere per riavere indietro il proprio posto, considerato com'è stata trattata.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Licenziato per aver detto la verità
Licenziata per un post su Facebook sul cibo della mensa scolastica
Espulso dal sindacato per un'email critica sugli stipendi d'oro
Nestlé-Perugina licenzia dipendente per un post su Facebook
Facebook e dipendenti pubblici, è lecito criticare?

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 35)

a) d'accordo sulla solidarietà purchè sia meritata. Sono d'accordo sul fatto che il lavoratore debba essere più tutelato in quanto parte debole ma non parto da presunzioni di colpevolezza per nessuno. b) è irrilevante se qualcuno cerca di approfittare della situazione o meno? non credo proprio, anzi il fatto che qualcuno ne approfitti... Leggi tutto
29-3-2010 21:35

Leggi tutto
29-3-2010 16:43

Per questa ultima domanda appunto ti rimando a quello che ho scritto sui "ragazzini precoci e furbi" ossia profilo falso con iudati di un adulto vero, e di famiglia che sicuramente anche se lo scoprisse, non lo denuncerebbe, o addirittura consenziente in quanto c'è l'impunità di solito.-! Quello che della signora non si è... Leggi tutto
25-3-2010 18:02

Un breve commento... ma come facciamo ad esprimerci SE non sappiamo: a) TIPOLOGIA DI LAVORO DEL DIPENDENTE: ci sono dei lavori anche in Italia dove il rapporto fiduciario è preponderante. Se quello cade (per un qualunque motivo) si ha il licenziamento b) NORMATIVA SVIZZERA IN MATERIA: a quanto ne sappiamo noi (o perlomeno io) ci sono... Leggi tutto
25-3-2010 17:26

Licenziamento in tronco e privacy Leggi tutto
25-3-2010 04:49

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è la politica della tua azienda nei confronti dei dispositivi mobili dei dipendenti? Bring Your Own Device oppure Corporate Owned, Personally Enabled?
BYOD
COPE
Non c'è una policy dominante, dipende dagli utenti
Non lo so
Non lavoro in un'azienda

Mostra i risultati (885 voti)
Settembre 2021
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Agosto 2021
La barra di Windows 11 è di proposito peggiore di quella di Windows 10
Violati i server TIM, password degli utenti a rischio
Windows 11, disponibile la prima ISO ufficiale
Microsoft: disabilitate il sistema di stampa di Windows (di nuovo)
Google taglia gli stipendi a chi sceglie il telelavoro
Gli iPhone scansioneranno tutte le foto alla ricerca di pedopornografia
Due parole sull’attacco informatico “terroristico” alla Regione Lazio
Windows 365 è già disponibile e costa meno di 30 euro al mese
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 21 settembre


web metrics