Multa da un miliardo di euro a Intel dall'Antitrust

"Ha danneggiato milioni di consumatori". La società è stata riconosciuta colpevole di abuso di posizione dominante. Il Ceo già annuncia il ricorso.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 13-05-2009]

Antitrust Europeo multa 1,06 miliardi euro Otellin

La Commissione Europea ha mantenuto la parola e ha multato Intel per abuso di posizione dominante e pratiche anticoncorrenziali illegali: l'azienda di Santa Clara dovrà sborsare 1,06 miliardi di euro, una cifra da capogiro anche se inferiore alle peggiori previsioni.

L'Antitrust europeo ha riconosciuto Intel colpevole: avrebbe fornito ai produttori Cpu a prezzi inferiori a quelli ufficiali assicurandosi in cambio l'esclusiva della fornitura.

Inoltre avrebbe anche versato direttamente Media Saturn Holding (la società che possiede le catene MediaWorld e MediaMarket) tra i 15 e i 20 milioni di dollari affinché le macchine con processori prodotti dalla concorrenza sparissero dagli scaffali.

Infine avrebbe allungato bustarelle anche a diversi noti produttori (da Acer a Lenovo, da Hp a Dell), sempre al fine di ricacciare Amd in un angolino.

Tutto ciò - dice l'Unione Europea - "ha danneggiato i consumatori in tutto lo spazio economico europeo, riducendo la capacità dei concorrenti di fare concorrenza attraverso la qualità intrinseca dei loro prodotto, e hanno minato la concorrenza e l'innovazione".

Neelie Kroes, Commissario alla Concorrenza, è durissima: "un'infrazione così grave e così sostenuta nel tempo delle regole Antitrust non può essere tollerata".

Ad opporsi, ovviamente, è Paul Otellini, Ceo di Intel, che annuncia un ricorso ("Intel non ha mai venduto prodotti a basso costo. Abbiamo invece costantemente investito in innovazione, produzione e sviluppo di tecnologie all'avanguardia. Il risultato è che possiamo applicare sconti ai nostri prodotti per competere nel mercato" ha dichiarato)

Amd - dalla cui denuncia tutto aveva avuto inizio - è soddisfatta della decisione europea.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Intel, svolta verso il mobile

Commenti all'articolo (5)

{pippolo}
fare lo spezzatino ... Leggi tutto
15-5-2009 00:04

{rakos}
Non esiste il monopolio nel mondo dei processori.. Leggi tutto
14-5-2009 15:31

Il PC dal quale sto scrivendo è un vecchio Athlon 64 AMD (o almeno il processore) funziona da anni senza problemi, ne più ne meno degli altri che ho, con all'interno INTEL. Trovo PROFONDAMENTE INGIUSTO, quello che ha fatto INTEL a danno di AMD SPERO che debba pagare altrettanto in favore di AMD, in modo che quest'ultima possa rimettersi... Leggi tutto
14-5-2009 11:46

Finalmente!!!! era ora che iniziassero ad aprire un tantino gli occhi,ha ragione Fulmine, altro che miliardo i danni da recare a questa azienda dovrebbeo essere di molto supeiori,comunque è già un inizio vediamo sotto questo punto di vista.
14-5-2009 11:24

Non è mai abbastanza in confronto al danno fatto agli altri concorrenti e ai consumatori. Ma non si è mai accorto mai nessuno della stragrande maggioranza di componente intel in quasi tutti i pc? Altro che un miliardo, e i rimborsi delle perdite alle aziende che sono state danneggiate?
14-5-2009 10:04

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i benefici maggiori che deriverebbero da una politica e una pubblica amministrazione più aperta e trasparente ai cittadini?
I giornalisti potrebbero informarsi più facilmente sulle attività di politici e amministratori e l'informazione al pubblico sarebbe più ampia e dettagliata.
Politici e amministratori renderebbero maggiormente conto ai cittadini del loro operato.
La qualità dei servizi in generale migliorerebbe.
L'opinione pubblica avrebbe più peso nelle decisioni amministrative e politiche.
In generale i nostri rappresentanti avrebbero elementi per prendere decisioni più appropriate.

Mostra i risultati (819 voti)
Settembre 2020
Veicolo autonomo investe e uccide; guidatore accusato di omicidio colposo
Il bug più serio mai scoperto in Windows
Bug in Immuni vanifica l'efficacia dell'app
Facebook ti paga se disattivi l'account
Amazon cancella 20.000 recensioni fake
Samsung brevetta lo smartphone completamente trasparente
L'app che abilita il God Mode in Windows 10
Intel, i Core di undicesima generazione sorpassano Amd
Windows 10 e il bug che deframmenta di continuo gli Ssd
Agosto 2020
Windows 10 rimuoverà automaticamente le app meno utilizzate
Malware negli smartphone a basso costo ruba dati e denaro
Duplicare una chiave col microfono dello smartphone
Chrome, Url troncati per combattere il phishing
Tim e Wind Tre, crescono le tariffe
Il chip nel cervello di Elon Musk
Tutti gli Arretrati


web metrics