Motorola, la compagnia si divide in due

Nel 2011 nasceranno due aziende distinte: una sarà dedicata all'utenza consumer, l'altra al settore enterprise.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-02-2010]

Motorola nel 2011 si divide in due

Tra meno di un anno, nel primo trimestre del 2011, Motorola si dividerà in due società distinte: una si dedicherà al settore domestico e alla comunicazione mobile, l'altra produrrà soluzioni per le aziende.

Attualmente, Motorola è guidata da due amministratori delegati, Sanjay Jha e Greg Brown; dopo la separazione, il primo si occuperà della società Consumer (che erediterà la divisione Mobile Devices e la metà Home della divisione Home & Networks Mobility) mentre il secondo andrà alla società Enterprise (cui spetteranno la divisione Enterprise Mobility Solutions e la metà Networks della divisione Home & Networks Mobility).

La missione della Motorola Consumer (che possiederà il marchio, concesso in uso gratuito alla sorella) sarà risollevare le sorti dell'azienda nel campo della telefonia cellulare anche grazie all'unione con i terminali dedicati all'home entertainment; tra le due classi di apparecchi ci sarà una sostanziale identità di interfacce utente.

"I consumatori apprezzeranno la possibilità di godere di un'esperienza omogenea", ha spiegato Sanjay Jha, chiarendo che l'annuncio della separazione, fatto con tanto anticipo, ha lo scopo di preparare gli utenti, gli azionisti e i dipendenti al cambiamento.

Greg Brown ha invece illustrato quali saranno i prodotti della Motorola Enterprise: laptop, chip Rfid, sistemi per la pubblica sicurezza, ricetrasmittenti e infrastrutture di rete wireless.

Durante il 2010, in ogni caso, Motorola non resterà inoperativa: nel corso dell'anno appariranno 20 nuovi modelli di telefonini, che avranno il non facile compito di riportare in attivo la divisione Mobile, la quale ha chiuso l'ultimo trimestre del 2009 con una perdita di 132 milioni di dollari.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

Ricordo ai tempi della nascita dell'uso dei cellulari che la motorola era leader del settore almeno in italia, ora Ŕ qui a cercare di resuscitare. :innocente:
13-2-2010 19:01

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Immaginiamo un mondo popolato dalle auto di Google: senza pilota, senza sterzo e senza pedali. Qual Ŕ il maggior svantaggio? (vedi anche i vantaggi)
L'auto di Google Ŕ veramente brutta! Pi¨ che un auto Ŕ un'ovovia.
Ci toglierÓ il piacere di guidare e la nostra vita sarÓ un po' pi¨ triste.
AvrÓ un costo non sostenibile per la maggior parte degli utenti.
Ci sarÓ maggior traffico: con un'auto senza pilota il trasporto privato verrebbe incentivato rispetto al trasporto pubblico.
Il Gps incorporato potrebbe non essere efficiente, costringendoci a fare percorsi pi¨ lunghi o pi¨ lenti o addirittura non portandoci mai a destinazione.
Ho timori soprattutto per la privacy: le auto di Google potranno collezionare dati su come mi sposto e quando.
In caso di incidente con nessuno al volante, non Ŕ chiaro di chi sarÓ la responsabilitÓ civile. E a chi tocca pagare l'assicurazione? All'utente o a Google? O allo Stato?
SarÓ esposta ad attacchi hacker o terroristici: di fatto avremo minore sicurezza sulle strade.
Se il sistema prevede un urto inevitabile, potrebbe trovarsi di fronte a scelte etiche insormontabili. Uccidere un anziano o un bambino? Due uomini o un bambino? Un uomo o una donna? Uscire di strada o urtare altri veicoli o pedoni? Andare addosso a un SUV o a un'utilitaria?
Rispetto alle auto tradizionali impiegheranno troppo tempo ad arrivare a destinazione, non potendo superare i limiti di velocitÓ o fare manovre azzardate.
I tassisti non esisteranno pi¨: giÓ immagino le loro legittime proteste.

Mostra i risultati (1861 voti)
Marzo 2020
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Tutti gli Arretrati


web metrics