Telecom Italia presenta il piano industriale ma pensa solo agli azionisti

L'ex monopolista nella bufera dopo la vicenda giudiziaria. Tagli ai dipendenti per mantenere i profitti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 13-04-2010]

Bernabè piano industriale Telecom azionisti

Doveva essere il momento in cui Bernabè avrebbe annunciato la vendita - totale o parziale - di Telecom Italia Sparkle, con una presumibile entrata nel bilancio di Telecom di 800 milioni o anche 1 miliardo di euro.

È stata invece la presentazione di come, per ora, lo scandalo del riciclaggio illegale di denaro, legato agli 899, sia costato almeno 500 milioni di euro agli azionisti Telecom, per scongiurare il commissariamento da parte dell'autorità giudiziaria e per pagare risarcimenti al fisco e multe milionarie.

Per lo stress, probabilmente, l'attuale amministratore di Telecom Italia Sparkle Andrea Mangoni (assolutamente estraneo alle vicende giudiziarie) si è sentito male e non ha potuto essere presente alla conferenza con gli investitori.

Tutto lo sforzo di Galteri di Genola e di Bernabè è stato volto a rassicurare gli azionisti: nonostante scandali, crisi e riduzione dei ricavi, i dividendi non vengono toccati ora e si cercherà di non farlo in futuro.

Si ridurranno ancora i costi, magari a scapito degli investimenti già ridotti come dimostra in questi giorni la vicenda di Italtel, principale fornitrice di Telecom e in parte controllata dalla stessa Telecom, che mette in cassa integrazione a zero ore i suoi dipendenti.

Il personale di Telecom Italia è sceso in 2 anni del 10% - ha comunicato, entusiasticamente, Bernabè agli azionisti - e dovrà scendere ancora, per ridurre i costi.

L'alternativa di ricorrere al mercato per ricapitalizzare l'azienda (approfittando del ribasso dei tassi di interesse) e aumentare gli investimenti sulla banda larga - riducendo almeno per qualche anno il dividendo in misura consistente - non è stata presa nemmeno in considerazione.

I grandi investitori, già adirati per il costo della vicenda Sparkle, avrebbero potuto chiedere, in caso di riduzione troppo pesante del dividendo, la testa dello stesso Bernabè; per ora, invece, non lo faranno.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

si ETA, può darsi che tutta questa mia acredine sia solo gelosia :roll: eheheh :wink:
17-4-2010 00:53

Ehi digi ma solo noi non siamo ItaGliani che le bustarelle e le tangenti non ce le da nessuno?? :lol: Leggi tutto
16-4-2010 20:14

vedrai che con i soliti ammanigliamenti, riusciranno a far fuori il magazzino, appioppandolo alle poste, come hanno sempre fatto, da decenni, con le loro macchinacce obsolete ancor prima di essere vendute! :evil: siamo in itaGlia, patria delle tangenti e bustarelle, non dimenticartelo :roll:
15-4-2010 13:07

mi piacerebbe sapere quanti netbook fatti a Taiwan col marchio Olivetti sono riusciti a vendere,non tanto per tirar su un po' di grano, ma per dimostrare al mondo che, intanto che il tempo (giudiziario) trascorreva, Telecom investiva in "nuovi servizi/prodotti".... Mi auguro che abbiano speso dieci volte di più in pubblicità...... Leggi tutto
15-4-2010 02:18

:clap: :clap: :clap: :clap: :clap: propongo anche di riprenderci quanto ci hanno rubato, scendendo NON in campo, come usa dire il nano, ma per strada, con i forconi e i fucili, e fare la prima rivoluzione itaGliana, tanto grande da obnubilare quella francese! :twisted: P.S. io di mio, metto la "solita" LOUISETTE ... Leggi tutto
14-4-2010 20:34

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sei favorevole all'utilizzo dei tablet al posto dei libri di scuola?
Sì. L'iPad con i libri multimediali è una figata.
No. È una spesa in più a carico delle famiglie.
Sì. Salviamo gli alberi e inquiniamo con l'e-garbage.
No. I tablet hanno un'obsolescenza tecnologica che galoppa: dopo cinque anni, usati tutti i giorni, sarebbero completamente da buttare.
Sì. Cambia la forma ma non la sostanza e la qualità dell'insegnamento.
No. Gli studenti non imparerebbero più a prendere appunti su carta, a scrivere e a fare i conti a mente.
Sì, ma dalle scuole medie in avanti: alle elementari un bambino dovrebbe imparare a leggere su libri veri. Dovrebbe imparare a consultare l'indice in fondo al libro e a cercare dei documenti in una biblioteca vera e organizzarli, non a fare copia e incolla da internet.
No. Gli stessi docenti, in molti casi, non avrebbero la più pallida idea di come utilizzarli. Per non parlare del Ministero che dovrebbe decidere quali programmi si devono o non si devono usare.

Mostra i risultati (2509 voti)
Aprile 2020
Tanti invocano l'app anti-coronavirus
Coronavirus, ragazzini si divertono a creare malware in tema
Vulnerabilità in Zoom, a rischio le password di Windows
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Tutti gli Arretrati


web metrics