Un numero verde contro il telemarketing

Diventa realtà il Registro delle Opposizioni. Iscrizione obbligatoria per chi non vuole ricevere chiamate indesiderate.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 15-04-2010]

Registro opposizioni chiamate indesiderate

Nonostante le perplessità espresse a suo tempo dal Garante per la Privacy, il Registro delle Opposizioni sta per diventare una realtà: è infatti stato messo all'ordine del giorno per il Consiglio dei Ministri del 16 aprile.

Il Registro è l'ultima arma escogitata contro le telefonate indesiderate, a tutt'oggi consentite - grazie all'ennesima proroga - fino a maggio 2010.

Si tratta però di un'arma al contrario: l'idea del Ministero per lo Sviluppo Economico è che chi non vuole ricevere le chiamate del telemarketing debba dirlo esplicitamente - iscrivendosi al registro - mentre sarebbe stato più sensato vietare le chiamate in linea generale e permetterle solo dietro autorizzazione.

Chi non vuole più essere disturbato - a casa o sul telefonino - dovrà notificare la propria intenzione fornendo nome e cognome, codice fiscale, indirizzo email (se posseduto) e i numeri telefonici da difendere.

Per farlo sono previste quattro possibilità: l'invio di un'email, di una raccomandata o di un fax, oppure una telefonata al numero verde che sarà istituito.

Chi completerà la procedura sarà al riparo dalle chiamate indesiderate, in teoria. In pratica, tutto ciò serve a evitare che i call center possano prelevare il numero dall'elenco telefonico; se tuttavia riusciranno a ottenerlo in altro modo (purché legale, naturalmente), potranno continuare a chiamare.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 12)

Tra l'altro, se non vado errato, l'iscrizione a questo registro dura un solo anno e va rinnovata ogni anno... Insomma, ne verrà fuori un altro scandalo come i famosi numeri a sovrapprezzo... Ufficio Complicazione Affari Semplici... è l'ufficio che lavora di più qui in Italia! :evil:
17-4-2010 19:34

Cari colleghi di lista perché ci meravigliamo? Siamo in Italia e quanto esposto nell'articolo è perfettamente in linea con il nostro essere italiani. Se poi pensiamo un minuto a chi legifera e a chi dovrebbe opporsi allora appare chiaro che è l'ennesima presa per il :inc: a nostro danno. Quando Telecom inviò il modulo, come molti di... Leggi tutto
16-4-2010 17:29

{SILVIO_KO}
Invece sarebbe stato meglio... Leggi tutto
16-4-2010 12:41

il bello è che la maggior parte degli itaGliani, ammaestrati dalla tv, non lo sa e se glielo dici.... NON CI CREDE! :evil: Leggi tutto
16-4-2010 11:39

Infatti presumo che il nostro stimato magister abbia esternato fra il serio e il faceto, d'altra parte siamo o non siamo uno Stato-macchietta cui tutto il resto del mondo civile ride dietro...? :lol:
16-4-2010 11:24

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Come vedi il futuro dell'umanità, in ambito scientifico?
Il futuro è nella condivisione delle conoscenze. L'arroganza delle multinazionali nei confronti della proprietà intellettuale è solo il canto del cigno: infatti grazie alle tecnologie il sapere non potrà più essere detenuto da pochi potenti.
Per tutelare ricerche che richiedono investimenti cospicui, la proprietà intellettuale è uno strumento equo e ragionevole. Lo strapotere attuale della grande industria va solo limitato nel tempo ed emendato dagli aspetti più truci.
Lo scenario più probabile è un doppio binario tra scienza proprietaria e open source. La prima coprirà i settori che richiedono investimenti a lungo termine, la seconda quelli in cui la cooperazione raggiunge i risultati migliori.
Il potere si concentra dove c'è il denaro. Volenti, o nolenti, i big dell'economia mondiale si accaparreranno tutte le fonti di conoscenza, e sapranno farle fruttare a dovere, per il bene dell'umanità.

Mostra i risultati (1490 voti)
Gennaio 2021
Fregare Big Pharma con il vaccino
Alternative a WhatsApp
Un'opera da fantascienza costruita a tempo di record per scopi militari
Ho-mobile ammette la violazione dei dati dei clienti
Dicembre 2020
Il sito che svela quali tracce lasci quando navighi nel web
Zoom, arrivano l'email e il calendario
Spid creepshow, la sospensione
Windows 10, Cpu al 100% e molti problemi dopo l'ultimo update
Pirati che usano satelliti militari per comunicare e come ascoltarli
Google, i disservizi mostrano tutta la fragilità della tecnologia
CentOS, c'è un successore
La gabbia per il router che elimina le radiazioni elettromagnetiche
Falla spettacolare negli iPhone
La storia segreta di un gioiello scientifico
Microsoft brevetta la tecnologia per eliminare le riunioni inutili
Tutti gli Arretrati


web metrics