Commodore 64, di chi è il marchio?

A giugno il Commodore 64 torna sugli scaffali. Ma la paternità del marchio è contesa.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 21-04-2010]

Commodore 64 Barry Altman marchio C=

Il nuovo Commodore 64, ideato dalla società americana Commodore Usa, vedrà certamente la luce il prossimo giugno; quel che è meno certo è se si chiamerà proprio Commodore.

Il problema relativo al marchio è infatti tutt'altro che semplice: dopo il fallimento dell'originale Commodore International esso è passato di mano in mano così tante volte che riesce un po' difficile, a oggi, stabilire con assoluta certezza chi lo detenga e possa concederne l'uso.

Barry Altman, l'uomo dietro a Commodore Usa e che da tempo voleva tentare l'operazione di "revival" dello storico marchio, ha tentato così di prendere una scorciatoia: piazzare nome e simbolo su un sito, annunciare un prodotto e aspettare che saltasse fuori il detentore dei diritti a reclamare ciò che è suo.

L'inizio è stato promettente: si è fatto vivo Taco van Sambeek, rappresentante dell'azienda olandese Commodore Gaming, con il quale Altman ha negoziato un accordo per l'uso del marchio.

Il problema è che Commodore Gaming ha sì il potere di usare il nome e anche di trasferirlo a terzi, ma limitatamente a prodotti che riguardino il mercato dei videogiochi; così l'accordo non è andato in porto, essendo per Altman inutile.

L'esperienza con Commodore Gaming non è stata tuttavia completamente vana: van Sambeek è stato infatti in grado di indicare la Commodore Licensing BV (una divisione, ultima superstite, di Commodore International, azienda con lo stesso nome dell'originale ma che con essa non aveva nulla a che fare) quale vera detentrice dei diritti.

Altman e la Commodore Licensing hanno così stretto un accordo temporaneo, in base al quale il primo può utilizzare il marchio finché non ne verrà stilato uno definitivo, oppure finché i negoziati finiranno nel nulla. In quest'ultimo caso, naturalmente, Altman dovrà rinunciare al glorioso nome.

Se le trattative andranno bene, la macchina che debutterà a giugno si chiamerà Commodore, forse addirittura Commodore 64 (in riferimento al processore a 64 bit) e magari riguadagnerà i colori originali, rosso e blu; in caso contrario arriverà lo stesso sul mercato, ma sarà un prodotto anonimo tra altri simili.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il marchio Commodore adesso parla italiano

Commenti all'articolo (5)

Malgrado tutto è un marchio di grande richiamo, la riuscita dipenderà naturalmente dal prezzo al quale sarà venduto: Con un prezzo accessibile e quel nome lì potrebbe davvero funzionare... Bello il fatto che sia disponibile con Ubuntu... Sperando che alla lunga non sia una mezza farsa come per tutti i netbook che vantavano Linux e poi... Leggi tutto
24-4-2010 03:55

{Shingo Tamai}
Ma quale commodore... Si tratta di un furbone che vuole vendere un prodotto di terze parti mettendoci sopra un adesivo.
22-4-2010 14:04

Come non quotare... è triste che marchi storici oggi vengano riciclati malamente spero che almeno venga un buon prodotto per non dissacrare il marchio... Oltre a commodore e olivetti aggiungo anche nordmende come storico marchio riciclato dopo che thomson se ne è liberata :(( Leggi tutto
21-4-2010 19:02

nel dubbio, se dovessi comprare un pc-keyboard, comprerei questo.
21-4-2010 17:52

Tutto il mondo è paese... Leggi tutto
21-4-2010 02:39

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
E' corretto utilizzare i social network in ufficio?
Sì, perché offrono numerose occasioni per migliorare la propria produttività.
Sì, perché sono strumenti validi per condividere opinioni lavorative con amici e colleghi.
Sì ma con moderazione: una pausa di cinque minuti ogni tanto allenta la tensione e migliora la produttività.
No, perché la commistione tra aspetti privati e professionali generata dall'utilizzo di questi strumenti potrebbe causare problemi sul posto di lavoro.
No, perché non è corretto scambiare opinioni relative a questioni lavorative attraverso i social media.
No, perché hanno un impatto negativo sulla produttività.
Non saprei.

Mostra i risultati (2095 voti)
Gennaio 2022
Nvidia e Arm, l'accordo è vicino a saltare
Iliad e Vodafone, fusione in vista
Video porno interrompe convegno online del Senato
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Windows 11 sbaglia a mostrare i colori
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 28 gennaio


web metrics