Un albergo fatto di spazzatura per salvare le spiagge

Il Corona Save The Beach Hotel apre a Roma. E' interamente costituito di spazzatura raccolta in spiaggia.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-05-2010]

Corona Save The Beach Hotel spazzatura HA Schult

È un'installazione artistica - opera dell'artista tedesco HA Schult - ma anche un vero hotel, alto due piani e in grado di ospitare fino a 10 persone per notte, e gode di una particolarità: è interamente costituito di spazzatura.

Nato per la Giornata Mondiale dell'Ambiente, fissata per il prossimo 5 giugno, quest'opera è stata battezzata Corona Save The Beach Hotel, un nome che riassume lo sponsor (il produttore della birra Corona Extra) e lo scopo: sensibilizzare le persone sulla quantità di rifiuti che riempiono le spiagge, rovinandole.

HA Schult ha infatti utilizzato la spazzatura raccolta dai volontari del progetto Save The Beach sulle spiagge europee e l'ha utilizzata come "materiale edilizio" per realizzare a Roma l'albergo, che sarà aperto dal 3 al 6 giugno.

Chi vuole sfruttare il breve periodo di apertura può prenotare una notte al Save The Beach Hotel direttamente dal sito Internet.

Se l'hotel serve a rendere presente il problema, il progetto che vi sta dietro offre anche la possibilità di segnalare spiagge degradate per via della presenza di rifiuti; la più "votata" sul sito sarà completamente ripulita da Corona, che ha già compiuto la medesima operazione nel 2009 sulla spiaggia di Capocotta, vicino a Roma.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
L'hotel ricavato da un vecchio aeroplano
Ice Hotel in Svezia dovrà installare impianto antincendio

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

{utente anonimo}
bisogna fare qualcosa per le spiagge. mi sembra una buona idea segnalare a save the beach le spiagge sporche
11-6-2010 15:35

Solitamente i gesti dimostrativi servono a ben poco. In primis a soddisfare il bisogno di chi li esprime. Gli effetti sul resto del mondo per lo più sono irrilevanti o al massimo danno il via a reazioni tendenti a soffocare altri tentativi di cambiamento.
8-6-2010 09:13

Gesto dimostrativo per scuotere e sensibilizzare le menti. Ma.... chi ci va lì a fare un soggiorno? Scusate, sarò poco sensibile, sarò quello che volete, ma se avessi qualche giorno di vacanza e qualche soldo da spendere io lì non ci andrei di sicuro.
4-6-2010 17:10

No, infatti, lui è la spazzatura!
1-6-2010 12:02

leggendo velocemente la news, avevo capito che la spiaggia piu votata sarebbe stata ripulita interamente da Fabrizio Corona... :lol: mi pareva troppo strano in effetti, che quest'uomo si dedicasse a una così nobile causa..
1-6-2010 10:19

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'app che permette di noleggiare un'autovettura direttamente dallo smartphone è molto contestata dai tassisti.
Non è necessario introdurre nuove regole per l'app. I tassisti hanno torto, perché il mondo si evolve ma loro ragionano come se Internet non esistesse, difendendo ciecamente la loro casta (che ha goduto di fin troppi privilegi negli ultimi anni).
I tassisti dovranno adeguarsi e mandare giù il boccone amaro, anche se un minimo di regolamentazione per l'app è necessaria.
L'app non va vietata del tutto, ma va limitata in modo pesante così da poter salvaguardare le esigenze dei tassisti.
L'app va completamente vietata: i tassisti hanno ragione a protestare, perché Uber minaccia il loro lavoro e viola leggi e regolamenti.
Non saprei.

Mostra i risultati (2002 voti)
Novembre 2020
Seria falla in Windows 7, la patch c'è ma non è ufficiale
Clienti Amazon: i corrieri rubano le nostre PlayStation
Edge, una marea di estensioni pericolose ruba i dati degli utenti
Apple, multa milionaria per aver rallentato gli iPhone
Il malware che colpisce gli utenti dei siti porno
Google Foto, si va verso il servizio a pagamento
Expedia, Booking, Hotels e altri: dati degli utenti visibili e accessibili
L'aspirapolvere che recupera gli AirPod dalle rotaie
Open Shell riporta in vita il menu Start di Windows 7
WhatsApp, ora è più facile eliminare foto e video inutili
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Tutti gli Arretrati


web metrics