Google e Verizon svelano il documento sulla Net Neutrality

Torna lo spettro di una Internet a due velocità. Formalmente si rispetta la neutralità della Rete, ma non per la banda larga mobile.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-08-2010]

Google Verizon Net Neutrality

"È imperativo trovare i modi per proteggere la futura apertura di Internet e incoraggiare il rapido sviluppo della banda larga": con queste parole Alan Davidson e Tom Tauke, rappresentanti rispettivamente di Google e Verizon, annunciano la pubblicazione del frutto di quell'accordo tra le due società di cui si parla da un po'.

Un anno di lavoro ha portato alla creazione di una Legislative Framework Proposal, ossia la proposta di una regolamentazione per Internet e la banda larga che ridefinisce la Net Neutrality.

Il documento si articola in diversi punti e si apre affermando la necessità di proibire ai provider di discriminare i diversi servizi forniti tramite Internet: in pratica si afferma che tutto il traffico in Rete ha pari dignità e non esistono dati "di serie A" e dati "di serie B".

La trasparenza e la non-discriminazione sono i punti chiave dell'inizio della proposta, che affida alla FCC il compito di vigilare su ogni aspetto della sua applicazione. È il seguito, però, a sollevare qualche preoccupazione.

Nella seconda parte si parla infatti in particolare delle reti wireless, con un'ovvia attenzione alla banda larga mobile. È su questi punti che si concentrano le critiche dei paladini statunitensi della Net Neutrality, preoccupati dalle idee espresse da Google e Verizon.

Se per quanto riguarda le reti cablate il documento è perentorio nel tutelare la neutralità della rete, quando si passa alle reti senza fili tutto diventa più sfumato; per dirla con le parole di Save the Internet: "Promettono la Net Neutrality solo per una determinata parte di Internet, quella sulla quale non hanno più intenzione di investire".

Google e Verizon collaborano infatti nel mercato della telefonia mobile, dove i dispositivi con Android rappresentano un'ottima possibilità di investimento per entrambe le aziende.

Il divieto a imporre blocchi o rallentamenti a certi tipi di traffico Internet sembra infatti non riguardare le reti wireless ("non riteniamo che si debbano applicare i principi relativi alle reti cablate anche alle reti wireless", si legge), né si fa peraltro menzione della necessità di difendere la privacy degli utenti della banda larga mobile.

C'è poi un ulteriore punto oscuro o, meglio, ambiguo. Si parla infatti della possibilità per i provider di offrire "Servizi Online Addizionali". Che cosa questa definizione comprenda non è chiaro; il documento afferma solo che si tratta di servizi che "dovrebbero distinguersi negli obiettivi dall'accesso a Internet a banda larga ma che potrebbero fare uso dei contenuti di Internet e potrebbero includere l'attribuzione di una priorità al traffico".

Torna quindi ad affacciarsi, anche se sotto forma leggermente diversa, l'idea di una Internet a due velocità, dove i provider potrebbero per esempio fornire un pacchetto base contenente l'accesso alla Rete a banda larga, e poi un pacchetto Plus che abiliti una corsia preferenziale per i video o le piattaforme di gioco online.

L'accoglienza che i legislatori americani riserveranno a questo documento - che costituisce soltanto una proposta, priva di qualsiasi valore normativo - anche solo a livello di idee da prendere in considerazione potrà avere conseguenze di ampia portata sull'intera Internet.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Internet a due velocità, c'è il primo sì

Commenti all'articolo (1)

Ancora nessun commento? La questione è cruciale! Qui un approfondimento (che concorda con quanto dice Zeus) Ma davvero possiamo pensare che qualcuno investa milioni di euro/dollari e poi lasciare che il suo business navighi nelle stesse acque dell'informazione libero/anarchica? Mah! :old: Leggi tutto
12-8-2010 11:05

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è il motivo principale che ti può far desistere (oppure no) dal compiere un acquisto online?
La scarsa accessibilità del sito di ecommerce.
I tempi di consegna non certi.
La scomodità di dover rimanere a casa o di dover concordare la consegna con il corriere.
La possibilità che il pacco vada perso, se la spedizione non è tracciata.
La poca fiducia riposta nel negozio online.
Il prezzo maggiore del prodotto.
Le spese di spedizione elevate.
Il sovrapprezzo applicato per la spedizione contrassegno.
La scomodità di dover rispedire il pacco qualora la merce ricevuta sia danneggiata o difettosa.
La maggior difficoltà a far valere le condizioni di garanzia.
L'impossibilità di trattare sul prezzo o di chiedere uno sconto.
La poca fiducia riposta nei sistemi di pagamento online disponibili.

Mostra i risultati (2276 voti)
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Tutti gli Arretrati


web metrics