Apple e l'iPhone a prova di ladro

iPhone e iPad sapranno riconoscere gli utenti autorizzati dal viso, dalla voce e persino dal battito cardiaco.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 23-08-2010]

iPhone iPad brevetto riconoscimento utente ladro

Un nuovo brevetto, appena presentato da Apple all'Ufficio Brevetti americano, garantirà la sicurezza dei prossimi iPhone e iPad: tablet e telefonino saranno in grado di riconoscere l'utente e, se questi non rientrerà tra le persone autorizzate, prendere le dovute iniziative.

Per identificare l'utente, il dispositivo prenderà in considerazione alcuni parametri. Il volto, ripresto attraverso la fotocamera integrata, sarà il primo ma non l'unico: il brevetto indica anche sistemi di riconoscimento basati sul tono della voce e persino sul battito cardiaco.

Se il confronto dei dati raccolti con quelli contenuti nel database non sarà positivo, scatteranno le misure di protezione: esse andranno dalla possibilità di avvisare il legittimo proprietario via email, Sms o telefono fino al blocco di alcune funzionalità e alla cancellazione dell'intero contenuto dell'iPhone o iPad indebitamente sottratto.

Grazie al Gps, poi, sarà possibile la localizzazione del dispositivo; tali dati potranno essere inviati ancora al proprietario oppure direttamente alle forze dell'ordine.

Fin qui le idee messe in campo da Apple per proteggere iPhone e iPad dai furti. A questo punto comincia però il balletto delle ipotesi, che contemplano anche altri scenari: che cosa succederà - si chiede qualcuno - quando Apple avrà sugli utenti dati così precisi da poter identificare facilmente quelli dediti a pratiche non tollerate dall'azienda, come il jailbreaking?

Non succederà niente, dicono molti analisti. Apple non è intenzionata a rincorrere coloro che si dilettano nello sblocco dei dispositivi, che oltretutto in America è ormai diventato legale, seppure non coperto dalla garanzia.

Resta tuttavia concreta la possibilità di "classificare" gli utenti con estrema precisione; anche perché tra le possibilità elencate nel brevetto per identificare gli utenti non autorizzati ci sono anche i "tentativi di hacking" e "il rilevamento di particolari attività che possono indicare un comportamento sospetto".

Apple forse non avrà intenzione di andare a caccia dei jailbreaker ma, qualora questa tecnologia venga implementata, quanti iPhone smetteranno di funzionare perché il loro proprietario ha coscientemente deciso di sbloccarli? In altre parole: quanti saranno i falsi positivi?

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

Magari quegli utenti smanettoni compreranno un altro dispositivo, in fin dei conti nessuno ti obbliga ad acquistare i prodotti Apple (o vogliamo forse arrivare a dire cha Zio Steve controlla le nostre menti e dirige le nostre scelte d'acquisto...?). Trovo che al giorno d'oggi non esista termine o concetto più abusato di quello di... Leggi tutto
24-8-2010 10:12

{Filippo}
Secondo me Apple può fare ciò che vuole, come chiunque altro. Nessuno può avere il benché minimo potere se gli altri non glielo danno... Jobs è un tiranno e il fascino della tirannia lo subiscono in tanti. La maggior parte senza nemmeno rendersene conto. Se gli utenti Apple hanno comprato un telefono costosissimo e assolutamente... Leggi tutto
24-8-2010 09:58

Sono molto scettico, in fin dei conti questa versione dell' iphon non fa telefonare i mancini... Voglio proprio vedere come faccia il telefono a riconoscere il proprietario con gli occhiali da sole mentre corre dietro al pulman...
24-8-2010 02:41

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
In quale di questi campi necessiti di maggiore aiuto per il tuo business online personale o aziendale?
SEO, ranking e analytics.
Link Html, generazione sitemap, metatag e generazione QR Code.
Logo, foto, grafica e temi.
Progettazione del sito e organizzazione.
Normativa fiscale.
Soluzioni di pagamento, Paypal e Google Merchant.
Business plan.
Creazione del negozio virtuale o dell'app.
Pagina Facebook collegata.
Pagine di affiliazione.

Mostra i risultati (379 voti)
Agosto 2020
Mozilla licenzia il 25% dei dipendenti
Falla nei chip Qualcomm, a rischio centinaia di milioni di smartphone
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Tutti gli Arretrati


web metrics