Bando ai sacchetti di plastica, petizione sul Web

Dal 2011 scatta il bando alle buste di plastica usa e getta. Una petizione online per scongiurare il rischio di una proroga.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-09-2010]

Petizione online sacchetti plastica bando 2011

Con il primo gennaio 2011 finisce l'era dei sacchetti di plastica per la spesa: una buona notizia sia dal punto di vista del risparmio che del rispetto dell'ambiente, eppure non è ancora il caso di abbandonarsi ai festeggiamenti abbassando la guardia.

I sacchetti avrebbero dovuto scomparire già all'inizio di quest'anno; poi s'è deciso di tollerare la loro presenza ancora per un anno, rimandando il bando all'anno prossimo.

Ora Legambiente teme che, nell'imminenza delle data, spunti un'altra proroga. Per scongiurare questo pericolo ha dato vita a una petizione, che si può sottoscrivere sul sito di Legambiente stessa e su quello di Puliamo il mondo e che ha già superato le 2.200 adesioni.

In Italia ogni anno si consuma una media di 300 sacchetti di plastica monouso a testa, una cifra che fa del nostro Paese il peggior Stato europeo da questo punto di vista.

Eliminare i sacchetti significa risparmiare ogni anno le 180.000 tonnellate di petrolio usate per produrli ed eliminare le emissioni di CO2 causate dal processo.

La alternative per chi va a fare la spesa, già adottate in diversi negozi e supermercati, sono le vecchie sporte riutilizzabili, i sacchetti in tela e quelli realizzati in materiale plastico ricavato dall'amido di mais, meno resistente della plastica tradizionale ma con un impatto infinitamente inferiore sull'ambiente.

Non bisogna infatti dimenticare che i consueti sacchetti di plastica che finiscono dispersi nell'ambiente durano per secoli e possono rappresentare un pericolo mortale per gli animali.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (5)


{Rita Rompikazz}
Mi piacerebbe sapere quale sia la buona notizia, visto che i sacchetti Mater-BI costano di più e non durano...
15-10-2010 09:05

Bravo, questa e' la solita ecobufala che fa il paio con quella delle lampadine a risparmio energetico. Soprattutto i sacchetti in Mater-bi non sono inquinanti se abbandonati nell'ambiente VUOTI. Se invece sono pieni di rifiuti non biodegradabili (lattine, vetro) non abbiamo concluso nulla. Da ultimo vorrei sapere perche' i sacchetti... Leggi tutto
13-9-2010 17:03

{utente anonimo}
qui prodest? Eliminare i sacchetti per la spesa in plastica significa costringerci a comprarne di nuovi appositamente per buttare la spazzatura, perché quelli in mater-bi non durano nemmeno dal supermercato a casa. Così dovremo buttare nel cassonetto dei sacchetti perfettamente nuovi, invece di riciclare i vecchi. Davvero una scelta... Leggi tutto
13-9-2010 10:44

{Cla}
Mater-Bi ma soprattutto borse riutilizzabili praticamente all'infinito. Una possibile soluzione, già oggi praticabile.
10-9-2010 17:37

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'Italia e gli italiani sono pronti per il (video)gioco online?
I giocatori sarebbero anche pronti, ma il problema è il digital divide. Senza una connessione broadband il gioco online è una chimera.
In Italia più che in altri paesi ha ampia diffusione la pirateria. Il fatto che buona parte dei giocatori utilizzi prodotti contraffatti limiterà la crescita dell'online gaming.
Barriere linguistiche e ritardi nella diffusione di giochi e tecnologie online ci hanno penalizzato nel passato, ma oggi le possibilità di sviluppo sono rosee.
Non ci sono barriere tecniche, ma solo culturali. Il videogioco è tradizionalmente visto come un prodotto da fruire individualmente o in compagnia di amici.
La comunità di giocatori online italiana non ha nulla da invidiare per qualità e quantità a quelle degli altri paesi.

Mostra i risultati (779 voti)
Agosto 2022
WhatsApp, arriva il blocco degli screenshot
Le chiavi dell'auto? Al sicuro nel microonde
Intel, 5 miliardi per costruire uno stabilimento in Italia
E Spot prese il fucile
Gmail, la nuova interfaccia adesso è per tutti
Luglio 2022
Istruzioni per il voto: la busta
Il Tribunale di Milano ordina a Cloudflare di censurare tre siti
Microsoft, un nuovo Windows ogni tre anni
TIM: 9.000 esuberi e un ultimatum al Governo
L'algoritmo che predice i crimini con una settimana d'anticipo
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 15 agosto


web metrics