Facebook Places arriva in Italia

Con "Luoghi" è possibile condividere la propria posizione con gli amici. Rinunciando però alla privacy.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 01-10-2010]

Facebook Places Luoghi Italia privacy GPS

Facebook Places, l'applicazione che permette di far conoscere agli amici la propria posizione usando la localizzazione GPS degli smartphone, è arrivata anche in Italia: per l'occasione ha adattato il nome in Luoghi, mentre le perplessità circa la protezione della privacy sono sempre le stesse.

Per utilizzare Luoghi occorre fare il check-in, ossia permettere a Facebook di rendere pubblica la propria posizione: basta premere un tasto e aggiungere qualche dettaglio sul luogo; si può così anche sapere dove si trovano gli amici, e se passano nelle vicinanze.

Il tagging è una funzione relativamente più pericolosa, almeno dal punto di vista della riservatezza: permette infatti di taggare gli amici presenti nello stesso luogo in cui ci sitrova, ossia fare il check-in al posto loro, facendo conoscere la loro posizione.

Per evitare polemiche sulla privacy come quelle avvenute in passato, Luoghi richiede sempre l'autorizzazione esplicita da parte dell'utente che desidera utilizzarlo, e può essere completamente disattivato; si può poi decidere di condividere la propria posizione con tutti gli amici, ma anche restringere ulteriormente il campo; si può inoltre impedire la possibilità di farsi taggare dagli amici.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

Ma soprattutto non vedo come ci si possa lamentare: i concetti di condivisione e privacy sono quasi opposti, forse troppa gente vorrebbe la botte piena e la moglie ubriaca... Piuttosto, sarebbe coretto che fosse disabilitata in default la possibilità che altri possano taggare la posizione altrui.
2-10-2010 16:41

ah ecco, son previdenti in anticipo :mrgreen: Comunque, battute a parte....per chi utilizza Facebook in maniera ludica può essere simpatico Leggi tutto
1-10-2010 18:14

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sei favorevole all'utilizzo dei tablet al posto dei libri di scuola?
Sì. L'iPad con i libri multimediali è una figata.
No. È una spesa in più a carico delle famiglie.
Sì. Salviamo gli alberi e inquiniamo con l'e-garbage.
No. I tablet hanno un'obsolescenza tecnologica che galoppa: dopo cinque anni, usati tutti i giorni, sarebbero completamente da buttare.
Sì. Cambia la forma ma non la sostanza e la qualità dell'insegnamento.
No. Gli studenti non imparerebbero più a prendere appunti su carta, a scrivere e a fare i conti a mente.
Sì, ma dalle scuole medie in avanti: alle elementari un bambino dovrebbe imparare a leggere su libri veri. Dovrebbe imparare a consultare l'indice in fondo al libro e a cercare dei documenti in una biblioteca vera e organizzarli, non a fare copia e incolla da internet.
No. Gli stessi docenti, in molti casi, non avrebbero la più pallida idea di come utilizzarli. Per non parlare del Ministero che dovrebbe decidere quali programmi si devono o non si devono usare.

Mostra i risultati (2734 voti)
Giugno 2022
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Grave falla in Windows, occhio ai documenti di Word
Toyota: cartucce di idrogeno per alimentare auto, case, droni
Maggio 2022
La Rete esce da TIM: nasce la Open Access italiana
DuckDuckGo consente a Microsoft di tracciare gli utenti
Russi saccheggiano trattori ucraini, che vengono brickati da remoto
Necrofinanza e criptovalute: lo scoppio di Terra/Luna
Pwn2Own 2022, Windows 11 e Ubuntu cadono il primo giorno
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Radio a onde corte: davvero?
UE, tutte le chat saranno esaminate in cerca di pedopornografia
Le IA di Facebook e Twitter contro la disinformazione russa
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 29 giugno


web metrics