Star Office diventa Open Office

Oracle rilascia la versione 3.3, che comprende un'edizione cloud.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-12-2010]

Oracle Open Office Cloud 3.3

La defezione dei programmatori che hanno dato vita a LibreOffice non ha spaventato Oracle, che ha appena rilasciato Open Office 3.3.

A questo punto, però, è proprio necessario fare un po' di chiarezza. Sul mercato ci sono infatti attualmente almeno tre suite per ufficio simili - se non identiche - in moti punti: OpenOffice.org, Oracle Open Office e LibreOffice.

La prima è la suite libera e gratuita nata dall'apertura del codice di Sun StarOffice. L'ultima è il frutto del recente fork, che è nato in seguito alla preoccupazione circa le politiche di Oracle.

Oracle Open Office, invece, è una suite a pagamento e disponibile in due versioni: la Stadard Edtion e la Enterprise Edition. Si tratta quindi della nuova incarnazione di StarOffice.

La Standard Edition, in vendita a 39 euro, può essere installata da un massimo di 99 utenti su un solo sistema operativo e non comprende il supporto; la licenza della Enterprise Edition - che costa 71 euro - permette invece l'installazione a più di 100 utenti su ogni sistema per cui esiste la suite e comprende il supporto.

In più, nella versione Enterprise sono presenti 5 connector per l'utilizzo insieme ad altre applicazioni aziendali (E-Business Suite, Business Intelligence Server, SharePoint Server, Alfresco e MySQL).

Oracle ha fatto debuttare anche Cloud Office 1.0 che, come dice il nome, è una versione della suite che sfrutta le potenzialità del cloud computing ed è compatibile con il formato OpenDocument.

Anche Cloud Office sarà disponibile a pagamento: la versione per le aziende si chiamerà Cloud Office Professional Edition, mentre gli ISP potranno offrire ai propri clienti le versioni Home, Standard o Professional a prezzi da definire.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

Non c'Ŕ il pericolo, come dicevo in post precedente, la differenza Ŕ minima e tutto lo sviluppo Ŕ solo della comunitÓ. Se la fagocita poi rimane senza sviluppo! La domanda vera Ŕ "Quelli della Oracle saranno intelligenti?" Fin ora non mi pare.... "Carlone il macellaio" (inteso come commerciante generico non... Leggi tutto
20-12-2010 19:37

Esatto ! Se proprio vogliono avere un nome unico potevano chiamare OO Premium la vecchia Star e OO Free la nostra OOo. Comunque, al di lÓ dei nomi, speriamo che il progetto OOo non faccia una brutta fine e non venga fagocitato dal nuovo pacchetto/suite. Certo il fatto che abbiano dato vita al progetto Libre Ŕ un bene, come vedrei... Leggi tutto
20-12-2010 19:04

Leggi tutto
20-12-2010 15:11

Ma il nome genererÓ molta confusione, specialmente tra i non strettamente addetti ai lavori. Leggi tutto
20-12-2010 11:19

Solo che adesso Star Office si chiamerÓ Open Office, che sarÓ ben diverso da OpenOffice.org.
20-12-2010 08:38

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
In Islanda, paese protestante con 320.000 abitanti tutti on line, nei mesi scorsi si Ŕ molto parlato di una legge che proibisca completamente la pornografia on line (quella stampata Ŕ giÓ proibita) attraverso filtri centralizzati. Secondo te...
E' giusto. Anche in Italia si dovrebbe fare lo stesso.
Non Ŕ giusto, perchÚ limita la libertÓ.
E' giusto, ma tanto ci sarÓ chi riuscirÓ ugualmente a scaricare materiale pornografico.
Ci sono problemi molto pi¨ importanti.
Aumenteranno ancora di pi¨ i suicidi e gli alcolizzati

Mostra i risultati (5377 voti)
Agosto 2022
Microsoft avvisa: attenzione all'aggiornamento KB501270
WhatsApp, arriva il blocco degli screenshot
Le chiavi dell'auto? Al sicuro nel microonde
Intel, 5 miliardi per costruire uno stabilimento in Italia
E Spot prese il fucile
Gmail, la nuova interfaccia adesso è per tutti
Luglio 2022
Istruzioni per il voto: la busta
Il Tribunale di Milano ordina a Cloudflare di censurare tre siti
Microsoft, un nuovo Windows ogni tre anni
TIM: 9.000 esuberi e un ultimatum al Governo
L'algoritmo che predice i crimini con una settimana d'anticipo
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 20 agosto


web metrics