Wikileaks scompare anche dall'App Store

Apple rimuove l'applicazione che permetteva di accedere alle rivelazioni.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 22-12-2010]

Apple rimuove Wikileaks app

È durata solo qualche giorno la presenza di un'applicazione dedicata a Wikileaks sull'App Store di Apple.

Il 17 dicembre era infatti apparsa - e venduta a 1,99 dollari - un'app che permetteva di visualizzare i tweet ufficiali di Wikileaks e consultare i contenuti del sito.

Non si trattava insomma di un'applicazione particolarmente elaborata o in grado di fornire "valore aggiunto" alle rivelazioni di Wikileaks, che oltretutto forniva a pagamento mentre tramite altre vie sono disponibili gratuitamente.

Igor Barinov, lo sviluppatore, aveva anche spiegato che l'app era un modo per sostenere Wikileaks: del prezzo di vendita 60 centesimi finivano a Apple, 30 restavano a lui e il dollaro rimanente era destinato proprio a Wikileaks.

Ora l'app è stata rimossa, ma non vi sono spiegazioni per la sua sparizione, per cui si possono soltanto avanzare delle ipotesi.

La prima potrebbe essere quella più semplice: Apple avrebbe preferito rimuovere un'applicazione "controversa".

La seconda prende in considerazione l'ipotesi che l'app sia stata tolta perché chiedeva dei soldi per fornire informazioni gratuite mentre Wikileaks è un'organizzazione non-profit e non sia un'app ufficiale.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (4)

Ah perchè non lo era??? :shock: :shock: :shock: Leggi tutto
2-1-2011 19:06

{utente anonimo}
Chi ha l'installus può scaricarlo ancora liberamente alla faccia dei bavagli , chi pensava di conquistarsi la libertà con un iPhone è un povero illuso
24-12-2010 13:29

Ci sono mai state grosse differenze negli ultimi anni? :P Non so.. di ipotesi se ne posson far tante, ma sicuramente questa notizia farà sorvolare un gran polverone tra i sostenitori di wikileaks che non mancheranno di mandare frecciate anche ad apple ora. Leggi tutto
24-12-2010 01:32

...Oppure Apple sta diventando come Microsoft?
23-12-2010 11:57

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Come vedi il futuro dell'umanità, in ambito scientifico?
Il futuro è nella condivisione delle conoscenze. L'arroganza delle multinazionali nei confronti della proprietà intellettuale è solo il canto del cigno: infatti grazie alle tecnologie il sapere non potrà più essere detenuto da pochi potenti.
Per tutelare ricerche che richiedono investimenti cospicui, la proprietà intellettuale è uno strumento equo e ragionevole. Lo strapotere attuale della grande industria va solo limitato nel tempo ed emendato dagli aspetti più truci.
Lo scenario più probabile è un doppio binario tra scienza proprietaria e open source. La prima coprirà i settori che richiedono investimenti a lungo termine, la seconda quelli in cui la cooperazione raggiunge i risultati migliori.
Il potere si concentra dove c'è il denaro. Volenti, o nolenti, i big dell'economia mondiale si accaparreranno tutte le fonti di conoscenza, e sapranno farle fruttare a dovere, per il bene dell'umanità.

Mostra i risultati (1467 voti)
Agosto 2020
Falla nei chip Qualcomm, a rischio centinaia di milioni di smartphone
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Tutti gli Arretrati


web metrics