Il Wi-Fi arriverà a 1 Gbit/s

Lo standard 802.11ac manderà in pensione il Wi-Fi "n". I primi dispositivi saranno in vendita già l'anno prossimo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-02-2011]

Wi-Fi 802.11ac Gigabit

Lo standard Wi.Fi 802.11n ha preso piede in tempi relativamente recenti, eppure è già tempo di pensare alla tecnologia che lo manderà in pensione.

Non è certo questione di mesi ma entro al massimo quattro anni - secondo le previsioni di In-Stat - nel mondo sarà già operativo un miliardo di dispositivi adeguati allo standard Wi-Fi 802-11ac.

Sfruttando ancora la banda al di sotto dei 6 GHz, 802.11ac promette di raggiungere una velocità di 1 Gbit/s grazie all'invio di flussi di dati multipli in contemporanea.

Al momento lo standard non è ancora stato definito, ma la sua procedura di approvazione dovrebbe marciare più spedita rispetto a quella di 802.11n: entro la fine del 2011 la bozza dovrebbe essere completa, mentre i primi prodotti compatibili con 802.11ac potrebbero arrivare sul mercato entro la fine del 2012.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Le soluzioni Netgear e Asus per un Wi-Fi superveloce
Wi-Fi a 10 Gbps con Huawei

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

Esperienza personale, misurata al cronometro: HD esterno su USB2 -velocità teorica 480Mbps- velocità reale 65%. Ma costante ed effettiva. Leggi tutto
9-2-2011 10:28

A chi si chiede a cosa serva: non ragioniamo solo in ambito domestico! Lavoro per un importante ISP italiano che opera nella mia zona con tecnologia wireless 802.11a. Ebbene, se la backbone è costruita con ponti PDH/SDH ad alta capacità, le singole BS spillano banda dalla dorsale e la ridiffondono a 5GHz a 54Mbps complessivi (che si... Leggi tutto
9-2-2011 07:56

Di solito la velocità indicata negli standard indica solo una velocità massima teorica. Nel caso del Wi-fi non si tratta nemmeno delle velocità massima del flusso di dati, ma solo quella della singola scheda di rete. Questo significa che non vengono calcolati tutti i tempi morti che ci sono fra un pacchetto e l'altro, quelli usati per... Leggi tutto
9-2-2011 00:24

Il fighettone non spende quei soldi in un router :-) Leggi tutto
8-2-2011 22:31

e poi simili velocità servono solo a chi deve scaricare o inviare contenuti ad alta velocità ad esempio ad un NAS, e non il solito fighettone che spenderà 300 euro di nuovo router e 1000 euro di nuovo computer solo per connettersi ad internet.
8-2-2011 21:54

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
I bambini sempre più spesso entrano in contatto con la tecnologia a una tenera età (per giocare, comunicare e cercare informazioni), anche grazie alla diffusione di smartphone e tablet. Quale dovrebbe essere la maggiore preoccupazione dei genitori?
Potrebbero visionare materiale inappropriato o visitare siti inopportuni.
Potrebbero comunicare con sconosciuti o persone non ritenute affidabili.
Potrebbero essere vittime di cyberbullismo, sui social network o altrove.
Potrebbero spendere denaro online senza che i genitori lo sappiano, anche a causa delle app che richiedono acquisti online durante i giochi.
Potrebbero diffondere dati personali (compresi foto e filmati) senza essere coscienti dei rischi.
Potrebbero incorrere in difficoltà a relazionarsi con amici dal vivo, nascondendosi dietro relazioni disintermediate dal mezzo informatico.

Mostra i risultati (1384 voti)
Settembre 2021
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Agosto 2021
La barra di Windows 11 è di proposito peggiore di quella di Windows 10
Violati i server TIM, password degli utenti a rischio
Windows 11, disponibile la prima ISO ufficiale
Microsoft: disabilitate il sistema di stampa di Windows (di nuovo)
Google taglia gli stipendi a chi sceglie il telelavoro
Gli iPhone scansioneranno tutte le foto alla ricerca di pedopornografia
Due parole sull’attacco informatico “terroristico” alla Regione Lazio
Windows 365 è già disponibile e costa meno di 30 euro al mese
Luglio 2021
Nuovo digitale terrestre, tutto rimandato
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 16 settembre


web metrics