Facebook, il pulsante Mi piace assorbe Condividi

"Mi piace" si arricchisce di funzioni e permette di pubblicare contenuti in bacheca. "Condividi" è destinato all'estinzione.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-02-2011]

Facebook pulsante Mi Piace Condividi Like Share

Facebook ha potenziato il pulsante Mi piace (Like) e, con ogni probabilità, si prepara a dire addio al pulsante Condividi (Share).

Ora chi clicca su Mi piace nei siti di terze parti dà origine a un feed nella propria bacheca - con tanto di foto, titolo, link e sommario - e può commentare l'oggetto che ha mostrato di apprezzare.

In precedenza ciò era possibile solo se i gestori dei siti sceglievano la versione Like with Comment del pulsante Mi piace; la versione semplice inseriva, nella bacheca degli utenti, soltanto un link. L'articolo continua sotto

Non è detto che a tutti piaccia la novità (che si diffonderà gradualmente nei prossimi gioni), visto che con il nuovo sistema i contenuti segnalati con Mi piace ora diventano maggiormente visibili in bacheca; in ogni caso il destino del pulsante Condividi pare segnato, considerando che il suo sviluppo non è più supportato da Facebook.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
YouTube toglie il conteggio dei “Non mi piace”

Commenti all'articolo (1)

io non ho facebook, ma così è come opera youtube, li hanno spudoratamente copiati :D
1-3-2011 15:40

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te quale di queste previsioni si realizzerà per prima?
La maggior parte degli acquisti avverrà attraverso il web.
Ci sarà in media uno smartphone per ogni abitante del pianeta.
Le aziende utilizzeranno Facebook e Twitter come mezzo principale di assistenza ai clienti.
La maggior parte dei nostri dati saranno sul cloud, non sui nostri Pc.
La maggior parte degli utenti accederanno al web tramite rete mobile.

Mostra i risultati (2209 voti)
Gennaio 2022
Video porno interrompe convegno online del Senato
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Windows 11 sbaglia a mostrare i colori
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 22 gennaio


web metrics