Le batterie flessibili al grafene

Durano più a lungo e hanno una densità di carica maggiore delle batterie agli ioni di litio. E in più sono flessibili.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-03-2011]

Batterie flessibili al grafene

Il grafene, materiale che è valso ai suoi scopritori il Nobel per la Fisica, potrebbe essere la via che porterà alla produzione di batterie ricaricabili flessibili.

La scoperta è stata fatta da un gruppo di ricercatori coreani, il quale ha presentato una soluzione che promette di essere migliore e più economica da realizzare rispetto alle batterie agli ioni di litio.

Il catodo è costituito da uno strato di ossido di vanadio che ricopre un foglio di grafene; l'anodo, invece, è dato da uno strato di grafene coperto di litio; tra i due, c'è un materiale separatore.

Questa batteria dovrebbe garantire densità energetica e di carica maggiori e un ciclo di vita molto più lungo rispetto alle tecnologie attuali. In più sarebbe flessibile.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
La superbatteria al grafene che si ricarica in pochi secondi
Da Samsung una batteria flessibile per smartwatch
La batteria al grafene che estrae l'idrogeno dall'aria
La batteria al grafene che ricarica l'auto in pochi minuti
Carbyne, più resistente del grafene (e del diamante)

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

beh, ma per questo NON deve essere necessariamente flessibile! :D
11-3-2011 18:07

Ed era solo la prima idea che era venuta mentre scrivevo, fai tu... Leggi tutto
11-3-2011 16:35

Beh, questo lo sapevo anche io, ma non volevo farla "troppo palloccorosa" come si dice dalle mie parti. Però, ancora non vedo il motivo di fare una batteria, meglio, un accumulatore, FLESSIBILE :-k
9-3-2011 11:05

In realtà ciò che dici è corretto solo in parte. Ogni materiale ha il proprio diagramma di resistenza alle sollecitazioni da piegatura, ma tutti hanno un limite minimo al di sotto del quale la sollecitazione è sufficientemente bassa da non provocare alcuna modifica ai legami atomici. Per fare un esempio banale, se prendi il filo di... Leggi tutto
8-3-2011 21:30

è il "flessibile" che non mi convince... ogni cosa flessibile, prima o poi si rompe, la flessibilità ha un prezzo, in pratica ad ogni flessione, qualche legame atomico si rompe, quindi un oggetto flessibile NON è che non si spezza, semplicemente si spezza... a rate! Ma c'è proprio bisogno di rendere tutto... Leggi tutto
8-3-2011 17:39

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
I bambini sempre più spesso entrano in contatto con la tecnologia a una tenera età (per giocare, comunicare e cercare informazioni), anche grazie alla diffusione di smartphone e tablet. Quale dovrebbe essere la maggiore preoccupazione dei genitori?
Potrebbero visionare materiale inappropriato o visitare siti inopportuni.
Potrebbero comunicare con sconosciuti o persone non ritenute affidabili.
Potrebbero essere vittime di cyberbullismo, sui social network o altrove.
Potrebbero spendere denaro online senza che i genitori lo sappiano, anche a causa delle app che richiedono acquisti online durante i giochi.
Potrebbero diffondere dati personali (compresi foto e filmati) senza essere coscienti dei rischi.
Potrebbero incorrere in difficoltà a relazionarsi con amici dal vivo, nascondendosi dietro relazioni disintermediate dal mezzo informatico.

Mostra i risultati (1302 voti)
Gennaio 2020
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Il water inclinato che impedisce ai dipendenti di stare troppo in bagno
Se i poliziotti vendono nel dark web l'accesso alle telecamere di sicurezza
Il preservativo per i dispositivi USB
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Il malware fileless che attacca i Mac
Tutti gli Arretrati


web metrics