Sony, asta per carte di credito rubate dal PSN

I dati di oltre 2 milioni di utenti finiscono all'asta in rete.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-04-2011]

Sony PSN asta 2,2 milioni numeri carte credito

Nonostante le rassicurazioni di Sony, pare che i numeri delle carte di credito che erano ospitati sui server bucati del PlayStation Network siano stati rubati davvero, almeno in parte.

A rendere nota questa possibilità è Kevin Stevens, di TrendMicro, che via Twitter fa sapere di aver visto dei messaggi in un forum di discussione in cui un utente offriva all'asta un database contente i dati di alcuni utenti Sony.

Stevens afferma però di non aver messo personalmente le mani sul database. Potrebbe quindi anche darsi che qualcuno stia cercando di vendere qualcosa che non possiede: difficilmente un incauto compratore andrà a lamentarsi dalla polizia perché truffato mentre stava compiendo un reato.

In questo caso, dunque, bisognerebbe dare ragione a Sony, secondo la quale i dati delle carte di credito sono crittografati e non esiste alcuna prova del fatto che siano stati sottratti.

Se invece avesse ragione il banditore dell'asta, l'acquirente si troverebbe tra le mani 2,2 milioni di record, relativi ad altrettanti utenti del PSN, ciascuno contente nome, indirizzo, codice postale, nazione, telefono, email, password, codice della carta di credito, codice di sicurezza e data di scadenza.

La presenza del codice di sicurezza è un po' sospetta: Sony ha dichiarato apertamente che tale informazione non è conservata nel database violata.

È difficile che l'azienda abbia mentito proprio quando le associazioni di consumatori vogliono farle la pelle per la mancanza di tempestività nelle informazioni, aggiungendo così volontariamente altra legna al proprio rogo.

Il tutto potrebbe quindi rivelarsi una truffa condotta da malintenzionati ai danni altri malintenzionati, senza per fortuna alcun danno per gli utenti di Sony.

Eppure non si può esserne proprio sicuri: iniziano infatti ad apparire le prime notizie di frodi effettuate con carte di credito appartenenti a iscritti al PSN.

Non è chiaro, però, se i dati di queste carte siano stati sottratti proprio a Sony o, magari, da altri servizi o con altri sistemi: su 77 milioni di utenti, ai 50 che hanno denunciato il fatto può anche capitare.

Indipendentemente dalla veridicità o meno di tutto ciò, i membri del PlayStation Network faranno bene a tenere la guardia alzata ancora a lungo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (4)

il codice di sicurezza č quello di 3 cifre dietro la carta di credito, quindi c'č una possibilitā su mille di beccare il codice giusto.... Con 2 milioni di account facendo solo 1 tentativo per ogni carta, stasticamente si azzeccano 2000 carte di credito....non male :D
30-4-2011 11:43

E 77 milioni di account a quanti milioni di carte di credito equivalgono? Leggi tutto
29-4-2011 15:30

{psnuser}
2.2 milioni di account non sono 2.2 milioni di carte di credito. Io ho due account e i miei colleghi di lavoro altrettanti, esclusi quelli che ne hanno 3 o più (tutti creati per gt5); e nessuno di noi ha mai usato la carta di credito. Quanti come noi hanno un account, ma lo usano solo per giocare online senza spendere alcunchè?
29-4-2011 15:28

Se magari facessero mettere mani all' account io la password, la mail e il resto li cambierei volentieri. Per ora mi sono limitato a bloccare la carta di credito (che tanto era una poste pay), non si sa mai.
29-4-2011 11:34

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Wikileaks (con il suo fondatore Julian Assange)...
č un sito pirata, pericolo per l'occidente.
č un paladino della libera informazione e della trasparenza.

Mostra i risultati (3200 voti)
Ottobre 2019
Linux, seria falla nel comando sudo
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Antibufala: la Tesla della polizia rimasta a secco durante un inseguimento
Esplode lo smartphone in carica, muore ragazzina
Settembre 2019
Windows, l'aggiornamento di ottobre mette il turbo al Pc
Tutta la verità sul caso del dominio Italia Viva
Ecco perché gli aggiornamenti Windows hanno così tanti bug
A che età dare lo smartphone ai propri figli?
Usa NULL come targa pensando di beffare il sistema informatico delle multe
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
Tutti gli Arretrati


web metrics