Facebook e la (presunta?) decrescita

Il social network sta semplicemente decelerando nella sua crescita, o gli utenti sono davvero in calo?



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 15-06-2011]

Da un paio di giorni stanno rimbalzando in rete notizie preoccupanti a proposito della salute di Facebook: c'è chi dice che gli utenti siano addirittura in calo, chi afferma che ci sia stato soltanto un rallentamento e che i frequentatori del più famoso social network non crescano più come un tempo.

Lo stesso ufficio stampa di Facebook Italia, piccato, già ieri mattina ci inviava un comunicato che adduceva la colpa della notizia a una non corretta interpretazione dei dati relativi agli annunci pubblicitari, invitandoci a "valutare se e come integrare il contenuto del vostro pezzo".

Il comunicato recitava: "Di tanto in tanto compaiono articoli in cui si sostiene che Facebook sta perdendo utenti in alcuni paesi o sta registrando una riduzione della crescita complessiva. Alcune di queste notizie usano dati estrapolati utilizzando il nostro strumento pubblicitario che fornisce soltanto una stima approssimativa del reach degli annunci pubblicitari e non è stato progettato per monitorare la crescita complessiva di Facebook".

E poi ancora l'ufficio stampa precisava: "Riteniamo il nostro trend di crescita molto soddisfacente così come le modalità con cui le persone interagiscono con Facebook. Più del 50% dei nostri utenti attivi si collegano a Facebook ogni giorno."

Ma ancora stamattina - ben oltre quindi la precisazione di Facebook Italia - un comunicato dell'Ansa annunciava: "Facebook perde utenti, lasciano in 6 milioni" citando dati ben precisi: gli utenti negli Usa sarebbero passati da circa 155 milioni all'inizio di maggio a 149 milioni alla fine del mese.

Analoga tendenza sarebbe stata registrata in Canada, e a fornire questi dati sarebbe stata un'unica fonte: il blog Inside Facebook.

Dove sta la verità? Dati ufficiali non ce ne sono, ma soltanto stime. E mentre proprio ieri l'AgCom bacchettava l'Italia e il suo digital divide, promuoveva proprio Facebook: secondo il presidente Calabrò nel nostro Paese 20 milioni di italiani sono registrati sul social network e ci passano mediamente 9 ore a settimana.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Dario Meoli (ZEUS)

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

E'fuori di senno? e quando l'avrebbe detto? serve un url nelle affermazioni. In ogni caso abbiamo 30 milioni e rotti di connessioni in rete, incluse ditte, pubblica amministrazione e uffici vari. Di queste connessioni il 45% ha puntate sui SN. Pari a 13 milioni e rotti. Ma se io mi connetto in ufficio lo faccio probabilmente anche a... Leggi tutto
22-11-2011 16:14

Facebook è un prodotto farsa. Se avesse mantenuta una serietà, avrebbe raggiunto uno standard qualitativo e mantenuto tale, invece di rincorrere il più ampio ingresso popolare per infondergli pubblicità a go go e perdersi in "chiacchiere". Io non lo uso. L'ho provato. E col tempo diventerà una contenitore piena di spot e... Leggi tutto
28-10-2011 11:55

Interessante come Meoli si affretti a recepire la richiesta di rettifica di FB. :old:
2-9-2011 10:53

Non solo, ma adesso spuntano pure i concorrenti! :shock: :twisted: Ciao Leggi tutto
16-6-2011 22:00

non potrà crescere a ritmi assurdi per sempre!
16-6-2011 13:52

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Cosa fai se non usi un'applicazione da molto tempo?
La lascio nel dispositivo, potrei averne bisogno un giorno
La eliminano. Quando ne avrò bisogno, la scaricherò di nuovo

Mostra i risultati (1176 voti)
Luglio 2020
Hai installato Immuni?
Windows 10 rinnova il menu Start
Arriva Edge, e i computer rallentano
Giugno 2020
Favicon sfruttate per rubare i dati delle carte di credito
Windows 10, dov'è finita l'opzione per rimandare gli aggiornamenti?
Windows 10, l'ultimo aggiornamento riavvia i Pc a forza
La Casa Bianca e il video delle cataste di mattoni
Pornografia, il Parlamento prepara un filtro al web
La foto che paralizza alcuni smartphone Android
Il trucco che elimina la pubblicità da YouTube
L'Italia censura il progetto Gutenberg
Immuni, chiedete e vi sarà dato
Altro che Immuni: il Bluetooth va tenuto spento!
Maggio 2020
Windows 10, rilasciato l'update di maggio. Microsoft: ''Non aggiornate''
Immuni, rilasciati i sorgenti
Tutti gli Arretrati


web metrics