AOL cerca la fusione con Yahoo

Le due società, insieme, tenterebbero di far concorrenza a Google e Facebook.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-09-2011]

AOL Yahoo fusione Tim Armstrong

La situazione incerta in cui sembra versare Yahoo dopo la cacciata di Carol Bartz - alla base della quale ci sarebbe stata più che altro la volontà di salvare la faccia da parte del CdA - non è sfuggita ad AOL.

L'ex colosso americano aveva già provato l'anno scorso a fare delle avance a Yahoo, ma l'allora CEO aveva rifiutato qualunque accordo.

Tim Armstrong, CEO di AOL, ora sembra avere intenzione di riprovarci: vedrebbe di buon occhio una fusione tra le due aziende con l'obiettivo di creare un soggetto abbastanza forte da fare concorrenza a Google e a Facebook.

Nei piani di Armstrong dovrebbe essere Yahoo - società che si è ridimensionata rispetto al passato e vale 18 miliardi di dollari, contro gli 80 di dieci anni fa - a inglobare la più piccola AOL (1,6 miliardi di dollari e in continua perdita); Armstrong, naturalmente, avrebbe il ruolo di CEO della nuova società.

La differenza tra le due aziende, però, potrebbe essere il primo motivo di un secondo rifiuto da parte di Yahoo. Il secondo potrebbe essere la scarsa fiducia che il CdA dell'azienda in viola nutrirebbe nelle possibilità di un piano tanto ambizioso da puntare ad attaccare i due maggiori colossi del web.

Se pare quindi difficile che l'azienda di Sunnyvale decida di imboccare proprio la strada indicata da Armstrong, l'ipotesi che vede Yahoo in cerca di un compratore diventa sempre meno improbabile.

Certamente la situazione è cambiato rispetto a pochi anni fa, quando Microsoft offrì ben 44,6 miliardi di dollari e, se anche il colosso di Redmond fosse ancora interessata, sul piatto oggi vi sarebbe una cifra decisamente minore: allora ogni azione di Yahoo valeva 33 dollari; oggi ne vale soltanto 14. Il che, alla fine, potrebbe portare davvero Yahoo ad accettare il piano in cui AOL spera.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

Sarebbe un ottima cosa! Anche se AOL (un colosso amministrato malissimo) Ŕ una ditta che mi rode lo stomaco. Ma se nella fusione si facessero fuori :basta: alcuni dirigenti di AOL non mi dispiacerebbe .... Anzi :twisted: :!: Ciao
13-9-2011 21:01

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Negli spazi per i commenti alle notizie, in che modo si comportano i maggiori siti di informazione online?
Sono eccessivamente censori. Se i loro articoli subissero lo stesso trattamento, accuserebbero di dittatura.
Mostrano una spudorata tendenza a privilegiare i commenti favorevoli alle loro linee editoriali.
Si limitano alle normali regole del vivere civile e delle leggi in vigore.
Danno importanti spazi e a volte dovrebbero contenere gli "ardori" dei commentatori con maggiore decisione.
Sodoma e Gomorra! Va bene la libertÓ d'opinione ma c'Ŕ un limite a tutto.

Mostra i risultati (1376 voti)
Aprile 2020
Violata Email.it: sottratti dati di 600.000 utenti, password comprese
5G e coronavirus, cittadini danno fuoco alle torri della telefonia
Tanti invocano l'app anti-coronavirus
Coronavirus, ragazzini si divertono a creare malware in tema
Vulnerabilità in Zoom, a rischio le password di Windows
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Tutti gli Arretrati


web metrics