Screensaver per il Kindle

Quando il dispositivo è spento, è possibile mostrare uno screensaver, grazie alla tecnologia e-ink.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-11-2011]

screensaver_kindle

Gli screensaver del Kindle esistono grazie all'E-Ink. Sull'iPad, per esempio, gli screensaver non si vedono quando il dispositivo è ibernato. Lo schermo diventa semplicemente nero.

Su un Kindle (o altri lettori di e-book), invece, si vedono gli screensaver quando il dispositivo è spento. Questo succede perché la tecnologia dello schermo di un Kindle è completamente diversa da quella di un laptop o di un iPad.

I lettori di E-book hano uno schermo basato sulla tecnologia E-Ink (electronic ink, ovvero inchiostro elettronico) che, dal punto di vista ottico, funziona come la carta stampata. Gli schermi convenzionali, ad esempio LCD, OLED, etc... (a volte chiamati retro-illuminati) emettono luce, mentre gli schermi E-Ink (e la carta) riflettono luce. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Pensi di acquistare un dispositivo per leggere gli e-book?
Sì, un lettore con e-ink in toni di grigio - 25.4%
Sì, ma aspetto l'e-ink a colori - 17.1%
Sì, un tablet - 15.5%
Sì, un netbook - 2.8%
No, preferisco i libri cartacei - 39.2%
  Voti totali: 2429
 
Leggi i commenti (16)
Una conseguenza fondamentale è che si può leggere un Kindle per ore senza affaticare gli occhi, anche in ambienti molto illuminati, ad esempio all'aperto quando c'è il sole, dove uno schermo convenzionale (come quello di un PC o di una macchina fotografica digitale, etc...) sarebbe quasi impossibile e molto faticoso da leggere, perché gli occhi si abituano alla luce forte (le pupille si restringono) e la luce emessa dai cristalli liquidi è troppo debole. Al contrario, con l'E-Ink, più luminoso è l'ambiente e più luminoso è il display, che riflette la luce circostante invece di emettere luce sempre con la stessa intensità, indipendentemente dall'ambiente.

Le foto sotto danno un esempio (Kindle 3 a sinistra, un Blackberry Bold 9700 a destra). Al buio, lo schermo retroilluminato rende il Blackberry molto più visibile:

In una situazione intermedia (al chiuso, con luce artificiale), entrambi gli schermi si leggono facilmente:

All'aperto, al sole, il Kindle è molto più facile da leggere:

Un'altra conseguenza fondamentale relativamente agli screensaver è che gli schermi E-Ink non hanno bisogno di energia elettrica per mostrare un'immagine fissa. E' necessario alimentare lo schermo solo per i "refresh", ovvero quando l'immagine cambia. Questo spiega la durata della batteria degli ebook reader (molto maggiore che con iPad, iPhone, e simili) e rende anche possibile l'esistenza degli screensaver. Quando il dispositivo è spento, lo schermo può mostrare una foto senza consumare corrente. Ecco perché si vedono gli screensaver quando il Kindle è ibernato.

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Un po' di storia: il Kindle e i suoi screensaver

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il ritorno dei tostapane volanti

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

Non so... dopo una breve esperienza con Linux durante l'università, sono un fedelissimo di Windows. :-) Buona notte!
13-12-2011 23:32

Proposito! Io lo istallai su Linux ma parecchi cose non funzionavano di dovere. Probabile qualche lib dimenticata oppure è ancora una prova? Ciao Leggi tutto
13-12-2011 07:18

Rimane perchè salva lo schermo dagli occhi indiscreti! :lol: :lol: :lol: Ciao Leggi tutto
13-12-2011 07:15

XnView è il migliore per la gestione dei batch! Intuitivo, semplice, molto meglio di tutte le alternative gratuite, compreso IrfanView, e più semplice da usare di PS, che per i batch è un po' complicatino. Buon utilizzo! PS: ho reentemente caricato sul sito gli screensaver di XKCD e dei Peanuts! Volevo mettere anche Dilbert, ma ho... Leggi tutto
12-12-2011 11:28

Xnview... Davide sei un mito. È dal 1996 che conosco xnview come il miglior programma di gestione immagini ovviamente in ambiente linux. Funzionava perfettamente con Pentium a 75Mhz e con 8 mega di ram. Meno del cellulare che uso in questo momento. Con le distribuzioni successive è stato sempre più difficile trovarlo pre-impacchettato,... Leggi tutto
11-12-2011 19:48

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Immaginiamo un mondo popolato dalle auto di Google: senza pilota, senza sterzo e senza pedali. Qual è il maggior svantaggio? (vedi anche i vantaggi)
L'auto di Google è veramente brutta! Più che un auto è un'ovovia.
Ci toglierà il piacere di guidare e la nostra vita sarà un po' più triste.
Avrà un costo non sostenibile per la maggior parte degli utenti.
Ci sarà maggior traffico: con un'auto senza pilota il trasporto privato verrebbe incentivato rispetto al trasporto pubblico.
Il Gps incorporato potrebbe non essere efficiente, costringendoci a fare percorsi più lunghi o più lenti o addirittura non portandoci mai a destinazione.
Ho timori soprattutto per la privacy: le auto di Google potranno collezionare dati su come mi sposto e quando.
In caso di incidente con nessuno al volante, non è chiaro di chi sarà la responsabilità civile. E a chi tocca pagare l'assicurazione? All'utente o a Google? O allo Stato?
Sarà esposta ad attacchi hacker o terroristici: di fatto avremo minore sicurezza sulle strade.
Se il sistema prevede un urto inevitabile, potrebbe trovarsi di fronte a scelte etiche insormontabili. Uccidere un anziano o un bambino? Due uomini o un bambino? Un uomo o una donna? Uscire di strada o urtare altri veicoli o pedoni? Andare addosso a un SUV o a un'utilitaria?
Rispetto alle auto tradizionali impiegheranno troppo tempo ad arrivare a destinazione, non potendo superare i limiti di velocità o fare manovre azzardate.
I tassisti non esisteranno più: già immagino le loro legittime proteste.

Mostra i risultati (1577 voti)
Settembre 2017
Violazione di CCleaner, guai più gravi del previsto
Il primo smartphone con Linux davvero libero
Falla nel Bluetooth, vulnerabili 5 miliardi di dispositivi
Se il robot sessuale diventa un terminator
I consigli di Linus Torvalds per gli hacker
L'appuntamento online più imbarazzante della storia?
Bug in Android Oreo consuma tutto il traffico dati
Addio torrent, i pirati ora sono su Google Drive
YouTube Mp3 si arrende alle major
iPhone 8, Apple fissa la data di lancio
Agosto 2017
Il BlackBerry che soppianterà iPhone e Galaxy
40 anni di ''segnale Wow''
Antibufala: Barcellona, venditori ambulanti preavvisati dell’attentato!
Il ''cop button'' di iOS 11 dà manforte ai criminali
Motorola brevetta lo schermo che si ripara da solo
Tutti gli Arretrati


web metrics