L'app che ti ricorda dove hai parcheggiato l'auto

Memorizza automaticamente la posizione dell'auto, eliminando il panico di chi parcheggia in luoghi sconosciuti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-12-2011]

find my car smart

Di applicazioni per iPhone che servono a ritrovare l'auto dopo averla parcheggiata in un posto sconosciuto ne esiste già un certo numero.

Find My Car Smart offre però qualcosa di più. In aggiunta all'applicazione, il kit comprende anche un piccolo dispositivo Bluetooth 4.0 (l'ultima versione del protocollo, approvata non troppo tempo fa).

Se le app già esistenti richiedono di indicare manualmente la posizione dell'auto ogni volta che la si lascia, Find My Car Smart non richiede alcun intervento da parte dell'utente, se non il setup iniziale. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
L'auto che si guida da sola... (completa la frase)
ci permetterà di sfruttare il tempo perso guidando, magari in coda.
ci toglierà l'ultimo brandello di privacy.
ci farà viaggiare più sicuri.
ci esporrà a nuovi pericoli, dovuti ai bug o agli attacchi degli hacker.
ci consentirà di ridurre l'inquinamento.
ci priverà dell'autonomia.
sarà accettabile solo se ci permetterà sempre di scegliere la guida manuale.
sarà sicura solo se non permetterà mai la guida manuale.

Mostra i risultati (5857 voti)
Leggi i commenti (11)
Il dispositivo Bluetooth, infatti, resta sempre sull'auto, mentre l'app per iPhone (il modello 4S supporta Bluetooth 4.0) si occupa di registrarne l'ultima posizione utilizzando il GPS integrato.

In questo modo occorre avviare l'app soltanto se e quando non ci si ricorda più dove si è parcheggiato, certi che il sistema ha provveduto da sé a memorizzare la posizione del veicolo.

Tutto ciò richiede un consumo leggermente superiore alla norma della batteria dell'iPhone.

Mentre l'app è già presente nell'App Store (dove è venduta a 0,99 dollari), i dongle Bluetooth saranno in vendita a partire da gennaio: il progetto, che ha raccolto finanziamenti tramite Kickstart, ha infatti già superato la quota minima indicata.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Da BMW l'auto che si cerca il parcheggio da sola
Google ricorda dove hai parcheggiato l'auto
Il tracciamento degli amici anche su Facebook

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Come vedi il futuro dell'umanità, in ambito scientifico?
Il futuro è nella condivisione delle conoscenze. L'arroganza delle multinazionali nei confronti della proprietà intellettuale è solo il canto del cigno: infatti grazie alle tecnologie il sapere non potrà più essere detenuto da pochi potenti.
Per tutelare ricerche che richiedono investimenti cospicui, la proprietà intellettuale è uno strumento equo e ragionevole. Lo strapotere attuale della grande industria va solo limitato nel tempo ed emendato dagli aspetti più truci.
Lo scenario più probabile è un doppio binario tra scienza proprietaria e open source. La prima coprirà i settori che richiedono investimenti a lungo termine, la seconda quelli in cui la cooperazione raggiunge i risultati migliori.
Il potere si concentra dove c'è il denaro. Volenti, o nolenti, i big dell'economia mondiale si accaparreranno tutte le fonti di conoscenza, e sapranno farle fruttare a dovere, per il bene dell'umanità.

Mostra i risultati (1477 voti)
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Tutti gli Arretrati


web metrics