Scarichi materiale pirata? L'AGCOM ti taglia la connessione

Pubblicata la bozza del testo che dà all'AGCOM i pieni poteri sulla difesa del diritto d'autore in Rete.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-03-2012]

agcom copyright connessione bozza

Mentre i deputati europei pretendono di riavere il controllo sulle norme che regolano il diritto d'autore nell'Unione (con particolare riferimento all'ACTA), in Italia la marcia dell'AGCOM verso i pieni poteri in materia di copyright sembra procedere senza soste.

Dopo le discussioni innescata dal parere esposto dal professor Onida e le dichiarazioni d'intenti di Corrado Calabrò davanti al Senato, a quanto pare la svolta è vicina.

Sul sito de La Stampa è infatti apparso un documento che parrebbe contenere - ancora non vi è stata conferma ufficiale - le norme con le quali il Governo assegna all'AGCOM piena libertà d'azione per la repressione delle violazioni al copyright perpetrate in Rete.

Stando a quanto si legge, tutte le peggiori paure che aleggiavano quando si parlava della famigerata delibera AGCOM in materia si concretizzeranno, forse anche in maniera peggiore del previsto.

Non solo il potere di decidere le misure da prendere circa il delicato rapporto tra legittima tutela del diritto d'autore e libertà di accesso a Internet viene assegnato a un'Autorità, scavalcando il parlamento, ma alla stessa Autorità vengono anche conferiti i poteri di attuazione di dette norme e di repressione delle violazioni.

Il testo parla precisamente di «disabilitazione dell'accesso al servizio» quale misura primaria, cui fa seguito «solo se possibile» la disabilitazione dell'accesso «ai contenuti resi accessibili in violazione della legge».

In sostanza, l'AGCOM potrà ordinare in autonomia - senza l'intervento di un giudice - la disconnessione da Internet di chi viene scoperto in violazione «nei casi di particolare gravità o di reiterazione delle condotte illecite»: una formulazione che ricorda molto quanto avviene in Francia con l'HADOPI, sebbene nel nostro caso non si faccia riferimento al numero di reiterazioni necessarie perché scatti il provvedimento.

Sondaggio
Saresti favorevole a una "tassa sull'ADSL" per poter scaricare film e musica liberamente?
S
No
Non lo so.

Mostra i risultati (13142 voti)
Leggi i commenti (20)

È interessante e preoccupante notare come la disconnessione sia la prima azione prevista, mentre solo in seconda battuta si parli di blocco dei contenuti in violazione (tramite l'oscuramento dei siti pirata, per esempio): tutto ciò nonostante l'ONU abbia definito Internet un diritto inviolabile, affermando che la negazione dell'accesso «è una misura sproporzionata qualunque ne sia il motivo, compresa la tutela del copyright».

Che qualcosa non quadri si evince poi da diversi particolari, come il fatto che un testo che si presenta meramente come «disposizioni interpretative» arrivi ad abrogare una parte della legislazione, in particolare due commi del decreto legge 22 marzo 2004, n. 72 (convertito nella legge 21 maggio 2004, n.128), ossia quelli relativi all'intervento dell'autorità giudiziaria per quanto riguarda la segnalazione da parte dei provider di chi sia in violazione della legge e l'oscuramento dei contenuti pirata.

Il testo pubblicato da La Stampa, come dicevamo, non è stato riconosciuto come ufficiale; ci sarebbe da sperare che si tratti soltanto di uno scherzo, ma visti i precedenti non sono molte le possibilità in questo senso.

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Catricalà: l'AGCOM non diventerà l'HADOPI italiana

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
AGCOM, le nuove regole sul copyright ispirano fiducia

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 38)

Zievatron QUOTONE! :wink:
3-4-2012 02:38

@ Danielix E chi ha detto no? Anche il Movimento 5 Stelle buono. Una coalizione Movimento 5 Stelle e Partito Pirata sarebbe anche meglio. :wink: Te li immagini come coalizione di governo? :D Leggi tutto
1-4-2012 21:36

Pienamente d'accordo: c' anche quello. Ma... "vada come vada", perch non il Movimento 5 Stelle? proprio l'entit di cui tu hai appena delineato le caratteristiche ;) Prima dell'"assalto" ci si mette d'accordo, e una volta sbattuti fuori i parassiti ci schiaffiamo a forza loro, e vediamo che succede... (e tu... Leggi tutto
1-4-2012 20:52

@ Danielix In linea generale, sono certamente daccordo con te. Quello che manca al tuo discorso la spiegazione, che pure semplice. I popoli europei e noi italiani pi degli altri siamo stati sottoposti ad un processo di deresponsabilizzazione sistematica, si pu dire anche rammollizzazione ed ottundimento sistematici. Man mano che il... Leggi tutto
1-4-2012 13:27

Ma v? Mi sembrate due filosofi che disquisiscono sull'ovvio: prima Germania e Francia fanno deliberatamente e palesemente a pezzi la Grecia, poi passano all'Italia (efficace grimaldello per destabilizzare l'Europa intera), e le intenzioni molto poco nascoste sono quelle di continuare con Portogallo e compagnia bella... L'avete capito,... Leggi tutto
1-4-2012 01:43

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Se il telefonino generalmente personale, spesso il tablet condiviso in casa. E' cos?
Ho un tablet e lo uso solo io.
Ho un tablet e lo condivido con i miei familiari.
Non ho un tablet ma utilizzo quello di un mio familiare.
Non ho un tablet.

Mostra i risultati (1760 voti)
Marzo 2020
Windows 10, l'aggiornamento causa problemi di connessione
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Tutti gli Arretrati


web metrics