Yahoo lascerà a casa 2.000 dipendenti

Il 14% della forza lavoro perderà il posto: Yahoo deve diventare più agile se vuole sopravvivere.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-04-2012]

Scott Thompson Yahoo licenzia

Yahoo si sta preparando a licenziare circa 2.000 persone, ossia circa il 14% dei dipendenti che attualmente lavorano per l'azienda.

La mossa, stando a quanto dichiarato, si è resa necessaria per ridurre i costi, che in questo modo caleranno di 375 milioni di dollari all'anno.

È evidente come non sia un buon periodo per Yahoo, che si trova nella necessità di definire una propria identità per sopravvivere confrontandosi con gli attuali giganti del web.

Le cose peraltro non vanno troppo bene da tempo, e il licenziamento del CEO Carol Bartz, avvenuto lo scorso settembre, è stato il segnale che indicava quanto cattive siano le acque in cui l'azienda sta navigando.

L'attuale CEO, Scott Thompson, afferma che la riduzione di personale e attività è necessaria per creare una «nuova Yahoo - più piccola, più agile, più redditizia e meglio equipaggiata per innovare al ritmo veloce richiesto dagli utenti e dall'industria».

Sondaggio
Se ti fosse data l'occasione di andare a cena con uno di questi personaggi, chi sceglieresti?
Steve Jobs, fondatore di Apple
Bill Gates, fondatore di Microsoft
Richard Stallman, fondatore della Free Software Foundation e del movimento del software libero
Sergey Brin o Larry Page, fondatori di Google
Tim Berners Lee, ideatore del world wide web
Vorrei suggerire un altro nome (nei commenti qui sotto)

Mostra i risultati (3562 voti)
Leggi i commenti (30)

«Il nostro obiettivo» - spiega ancora Thompson - «è di tornare al nostro scopo centrale - mettere al centro utenti e inserzionisti - e ci stiamo muovendo in questa direzione in maniera aggressiva. Sfortunatamente, raggiungere questo obiettivo richiede la dura decisione di eliminare delle posizioni».

Il modo in cui Yahoo intende risollevarsi, al di là dell'eliminazione di tutto ciò che non è core business, non è stato dichiarato, ma la dichiarazione d'intenti è stata apprezzata dagli azionisti, mentre il valore delle azioni immediatamente dopo l'annuncio è salito di 7 centesimi (arrivando a 15,25 dollari).

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Yahoo, basta telelavoro: i dipendenti producono poco e male

Commenti all'articolo (3)

Visto che sono concorrenti! Sia come messenger che come servizi-Web, ecc. :roll: Per questo che dico che la dirigenza Yahoo aveva svenduto la ditta al concorrente. Ma pare anche che la nuova non sia da meno... Ciao Leggi tutto
8-4-2012 13:57

Non è che non lo capiscono... E' che si fa prima in ogni caso a far pagare il conto ai lavoratori, tanto quelli non possono difendersi. E agli utenti, anch'essi sostanzialmente muti e passivi. Ci si può scommettere che l'idea di una "Yahoo più piccola e più agile" (ma soprattutto PIU' PICCOLA) era nelle postille non scritte... Leggi tutto
8-4-2012 07:28

Ovvero meno servizi per i clienti! Già sono calati di molto questi servizi.... Dunque meno introiti! Non capiscono che la fuga di clienti è dovuta anche al mortale abbraccio con Microsoft che la limita in tutto (solo IE e poi abbandono Linux e Apple) e succhia (esempio:MS-messenger copiò Yahoo-Messenger) tecnologia e partnership pagate... Leggi tutto
8-4-2012 05:14

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
La rete ha reso famosi due personaggi per certi versi simili anche se molto diversi: secondo te chi è il più grande?
Julian Assange. Prende informazioni dalle grandi aziende e dai governi e le rende pubbliche gratuitamente. È stato accusato - tra le altre cose - di terrorismo.
Mark Zuckerberg. Prende informazioni e dati personali e li vende alle grandi aziende e ai governi. È diventato l'uomo dell'anno.

Mostra i risultati (1959 voti)
Ottobre 2020
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Windows 10 avvisa l'utente se un SSD sta per morire
Tutti gli Arretrati


web metrics