Restituiti a Kim Dotcom 750.000 dollari

Parte del denaro servirà a pagare le parcelle degli avvocati che stanno tentando di evitare al fondatore di Megaupload l'estradizione negli USA.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-05-2012]

kim dotcom dissequestro

L'Alta Corte della Nuova Zelanda ha deciso di sbloccare una parte del patrimonio sequestrato a Kim Dotcom, fondatore di Megaupload.

Il valore totale dei beni restituiti è di circa 750.000 dollari: di questi, 301.000 sono costituiti dal denaro depositato su un conto corrente; il resto consiste nella Mercedes-Benz G55AMG (un'auto del valore di 250.000 dollari) e in varie altre proprietà.

Nonostante la restituzione, la maggior parte del patrimonio di Dotcom resta tuttora sotto sequestro.

Buona parte del denaro tornato nelle mani del fondatore di Megaupload servirà per pagare le ingenti parcelle degli avvocati difensori (in Nuova Zelanda e negli Stati Uniti), i quali stanno lavorando anche per evitare l'estradizione negli USA del loro assistito.

Sondaggio
Con quale delle seguenti affermazioni concordi maggiormente?
Il cloud computing può migliorare il contributo della funzione IT alla strategia aziendale.
Il cloud computing può aumentare la capacità di innovazione dei dipartimenti IT.
La mia azienda ha già implementato servizi cloud o progetta di farlo.
I servizi cloud sarà una componente importante per il successo della mia azienda nei prossimi 12 mesi.
Il cloud computing consente una riduzione dei costi di manutenzione dell'IT.
Il cloud computing consente una diminuzione dei costi IT e di gestione e miglioramento nell'efficienza dei processi.
Il cloud computing offre maggiori vantaggi per il business rispetto all'outsourcing tradizionale.

Mostra i risultati (562 voti)
Leggi i commenti (50)

L'udienza per l'estradizione è fissata per settembre ma Ira Rothken, avvocato di Kim Dotcom negli USA, si dice fiducioso: ritiene che i capi d'accusa mossi contro Dotcom non siano tali da giustificare la richiesta degli Stati Uniti.

In ogni caso, la vicenda legale resta complessa: ancora non è chiaro se, anche in caso di estradizione, il processo negli USA si potrà svolgere o se i problemi rilevati dal giudice il mese scorso manderanno a monte l'intero procedimento.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Mega fallisce l'ingresso in Borsa

Commenti all'articolo (2)

Aaahh!!! :o Adesso ho capito perchè ce l'hanno tanto con Kim Dotcom! :lol:
3-5-2012 18:02

Agli americani gli rode che qualcuno che non sia americano possa diventare un ciccione alle spalle del mondo...
3-5-2012 16:18

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Negli ultimi 12 mesi hai danneggiato accidentalmente un oggetto tecnologico portatile? (per esempio smartphone, fotocamera, notebook, tablet, ebook reader)
Sì, mi è caduto a terra.
Sì, mi è caduto in acqua (o ci ho versato dei liquidi).
Sì, ci ho lasciato giocare un bambino.
Sì, mi ci sono seduto sopra.
Sì, mentre lo lanciavo a un amico (o sulla scrivania).
No.

Mostra i risultati (1854 voti)
Dicembre 2018
Italia, carta d'identità obbligatoria per iscriversi ai social network
Mail di porno-estorsione, versione italiana: siamo ai saldi
L'open Internet rischia di chiudersi
Robot di Amazon manda all'ospedale 24 dipendenti
Le aziende si preparano a sostituire il Wi-Fi con reti 5G private
Lo smartphone con Linux e KDE che non è un telefono cellulare
Hacker viola 50.000 stampanti per invitare tutti su un canale Youtube
Novembre 2018
Facebook e il caso dei messaggi zombie
Malware nei portatili Lenovo, utenti risarciti con 7,3 milioni di dollari
Gioca dal vivo a PUBG e uccide l'amico
Amazon, nomi e indirizzi email degli utenti rivelati per errore
Bethesda e la patch da quasi 50 gigabyte per Fallout 76
Sai che cos'è il phishing? Allora hai più probabilità di cascarci
Il Garante privacy boccia la fattura elettronica
Windows 10, ritorna l'October Update
Tutti gli Arretrati


web metrics