The Pirate Bay semplifica l'accesso aggirando i blocchi

Un indirizzo IP non censurato restituisce la Baia dei Pirati a tutti i navigatori.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 23-05-2012]

the pirate bay blocchi

Nella partita a scacchi tra The Pirate Bay e i detentori del copyright, l'ultima mossa è toccata ai pirati della baia.

In questi giorni i provider britannici stanno provvedendo a bloccare il sito, imitando così quanto già fanno i loro colleghi in Belgio, nei Paesi Bassi e in Olanda a causa delle ordinanze ottenute dalle case discografiche e cinematografiche.

The Pirate Bay non è tuttavia rimasta a guardare e ha preso un'immediata contromisura, che vanifica i blocchi non solo nel Regno Unito ma praticamente ovunque, anche da noi.

Ha infatti attivato un nuovo indirizzo IP dal quale è raggiungibile: scrivendo direttamente nella barra di qualsiasi browser l'indirizzo 194.71.107.80, in un attimo si verrà accolti dal familiare galeone pirata.

Chiaramente la soluzione funzionerà sino a che qualcuno non otterrà una nuova ordinanza in base alla quale gli ISP dovranno bloccare anche quell'indirizzo; i pirati, tuttavia, hanno pensato anche a questo.

Sondaggio
Secondo te, sul copyright e il filesharing in Rete, che cosa proporrà il Governo Monti?
Una normativa equilibrata e rispettosa della libertà di comunicazione. - 3.4%
Si farà condizionare pesantemente dall'industria editoriale e multimediale, criminalizzando pesantemente il filesharing. - 65.3%
Non produrrà nessuna normativa in materia, perché impegnato in altro. - 22.9%
Proporrà un suo testo di legge ma farà decidere al Parlamento. - 8.4%
  Voti totali: 908
 
Leggi i commenti (6)

Quello raggiungibile all'indirizzo sopra indicato, infatti, non è il sito standard, ma una versione appositamente realizzata - e, se vogliamo, basilare - per essere compatibile con i moltissimi siti proxy che permettono di aggirare i vari blocchi imposti nei diversi Paesi.

«È realizzato in maniera tale che la gente che mantiene i proxy possa usare il nuovo indirizzo IP anziché doversi districare tra complicate riscritture di contenuti statici e roba del genere. Invece di puntare i loro proxy su thepiratebay.se dovrebbero puntare a quell'indirizzo» ha dichiarato un portavoce del sito a TorrentFreak.

Le differenze rispetto al sito principale stanno nel fatto che quello che risponde al nuovo indirizzo per esempio mostra solo i link ai file magnet e non dispone delle funzioni di login, registrazione, commento e upload, disabilitate per ragioni di sicurezza.

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Un'infinità di modi per bypassare la censura

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

sostanzialmente TOR è imbloccabile.....proprio perchè puoi far fare da server a qualunque utente (io lo faccio spesso), e perchè il traffico può essere criptato affinchè non sia distinguibile da altro traffico.... Ovvio che questo lo fai solo quando c'è necessità.
14-6-2012 10:54

@ dany88: Teoricamente hai ragione su TOR, ma fino a quando? :roll:
14-6-2012 05:09

credo che TOR sia la soluzione con miglior rapporto semplicità\protezione. Lo apri, ti avvia il suo browser, digiti il sito, prendi il torrent, e lo apri con il tuo client, chiudi tor, fine.
13-6-2012 11:44

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quanto impieghi per andare al lavoro? (one-way, ovvero: sola andata)
Da 1 a 15 minuti
Da 15 a 30 minuti
Da 30 a 45 minuti
Da 45 a 60 minuti
Più di 60 minuti

Mostra i risultati (2230 voti)
Novembre 2022
Da Intel i processori con gli optional a pagamento
La scorciatoia che sblocca Windows
Amazon Drive chiude i battenti
Le cinque migliori alternative a Z Library
Il visore VR che uccide i giocatori quando perdono
Gli Stati Uniti oscurano Z Library
Vodafone, sottratti oltre 300 GB di dati degli utenti
Pochi o tanti, ma contanti
Ottobre 2022
Chrome si prepara ad abbandonare i Windows ''vecchi''
iPhone 14, nessuno lo vuole?
Windows 11, in arrivo il primo "Momento"
TikTok, arrivano i contenuti per soli adulti
Addio Office, benvenuta Microsoft 365
La truffa del cosmonauta bloccato nello spazio
Windows 11, inizia la seconda fase degli update
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 26 novembre


web metrics