Un'infinità di modi per bypassare la censura

Pirate Bay semplifica l'accesso aggirando i blocchi.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-06-2012]

piratebay

Questo è un articolo su più pagine: ti invitiamo a leggere la pagina iniziale
The Pirate Bay semplifica l'accesso aggirando i blocchi

Nonostante gli sforzi profusi, è ormai stato ampiamente dimostrato che bloccare sul serio The Pirate Bay è sostanzialmente impossibile: l'unico modo per fermarlo è spegnerlo, o portarvi contro un attacco DDoS.

A dimostrazione di quanto affermato vi sono i vari sistemi disponibili per accedere alla Baia anche dai Paesi nei quali questa è ufficialmente bloccata, tra i quali c'è, come sappiamo, anche il nostro.

Quando il Regno Unito ha annunciato l'imminente applicazione dei blocchi, infatti, è stata The Pirate Bay stessa a suggerire i modi per accedere ugualmente al sito.

Il più semplice - hanno spiegato pirati - è utilizzare una VPN (rete privata virtuale) come iPredator o servizi analoghi, che non conservano log delle connessioni; certamente un servizio del genere si paga, ma esistono anche soluzioni gratuite come quella offerta da VPNReactor, che può essere utilizzata senza pagare per sessioni da 30 minuti, più che sufficienti per individuare i torrent da scaricare.

Un'altra possibilità è utilizzare il servizio TOR, avendo cura di adoperarlo soltanto per l'accesso al sito e non per il download dei file: TOR non è stato progettato per l'utilizzo con BitTorrent e, in ogni caso, la velocità sarebbe molto bassa.

Sempre parlando di servizi che permettono di ottenere un certo anonimato, The Pirate Bay suggerisce la possibilità di appoggiarsi a I2P; in qualche caso, però, tutto ciò non è nemmeno necessario.

Alcuni blocchi si basano infatti semplicemente sulla modifica dei registri DNS dei provider: in questo caso è sufficiente cambiare DNS (utilizzando per esempio quelli di OpenDNS, o quelli di Google) per tornare a visualizzare la Baia. Questo sistema non funziona sempre (dipendende da quanto si è impegnato il provider) ma vale la pena tentare.

Sondaggio
I provider che filtrano il peer to peer
consentono a tutti gli utenti di usufruire della banda larga
ledono i diritti degli utenti che hanno acquistato un abbonamento a banda piena

Mostra i risultati (6010 voti)
Leggi i commenti (10)

La lista dei sistemi che permettono di aggirare la censura non è certo finita qui: una menzione merita MAFIAAFire, un'estensione per Firefox che rende semplice l'utilizzo dei proxy che permettono l'accesso a The PIrate Bay.

Vi sono poi, per l'appunto, tutti i vari siti proxy tramite i quali oltrepassare i blocchi: a solo titolo di esempio si possono citare quello mantenuto dal Partito Pirata britannico o l'italiano LaBaia.ws, senza dimenticare il sito The Pirate Bay Italia che offre quattro alternative per raggiungere l'obiettivo.

Segnaliamo nuovamente il già citato nuovo indirizzo IP fornito da The Pirate Bay e che per ora non è stato bloccato.

Infine merita una menzione un metodo semplicissimo riservato agli utenti del browser Opera: attivando l'opzione "Opera Turbo" si scavalcano agevolmente i blocchi.

Questa veloce carrellata dovrebbe essere riuscita a dimostrare come i blocchi che i provider sono obbligati a mettere in atto non servano in realtà a nulla, certamente non a fermare la pirateria: probabilmente la questione va affrontata da un'altra angolazione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Cloudflare, il Dns è più veloce di quello di Google. E rispetta la privacy
L'Italia blocca Popcorn Time
I siti di torrent proxy infettano gli utenti iniettando malware
NSA accede a TOR e agli smartphone
Gli arresti di Anonymous e la nomina del capo della Polizia
Giustiziere attacca siti pirata con ripetuti DDoS

Commenti all'articolo (3)

sostanzialmente TOR è imbloccabile.....proprio perchè puoi far fare da server a qualunque utente (io lo faccio spesso), e perchè il traffico può essere criptato affinchè non sia distinguibile da altro traffico.... Ovvio che questo lo fai solo quando c'è necessità.
14-6-2012 10:54

@ dany88: Teoricamente hai ragione su TOR, ma fino a quando? :roll:
14-6-2012 05:09

credo che TOR sia la soluzione con miglior rapporto semplicità\protezione. Lo apri, ti avvia il suo browser, digiti il sito, prendi il torrent, e lo apri con il tuo client, chiudi tor, fine.
13-6-2012 11:44

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Il file di cui hai bisogno si trova su di un sito di file-sharing. Quando clicchi per scaricarlo, hai l'opzione di effettuare il download a velocità normale o di provare gratis il download ad alta velocità. Quale opzione scegli?
Utilizzo l'opzione velocità normale
Perché aspettare? Vado per l'opzione ad alta velocità
Scarico il file da un'altra fonte
Non uso questo genere di siti Internet

Mostra i risultati (1702 voti)
Febbraio 2020
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Tutti gli Arretrati


web metrics