Android vestito da Windows XP

Grazie a XP Mod, il familiare desktop di Windows appare in tutto il suo splendore su smartphone e tablet Android.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 22-06-2012]

xpmod

I nostalgici di Windows XP - che vedono il loro amato sistema operativo sempre più abbandonato da mamma Microsoft - saranno soddisfatti: ora esiste un'app che riproduce l'aspetto di XP sugli smartphone Android.

Si chiama XP Mod e, pur funzionando già, è ancora incompleta (dopotutto si trova in beta).

Sostituisce l'Android Launcher (la schermata principale di Android) con un home screen che richiama in tutto il desktop di un PC con Windows XP, comprensivo di tono di avvio.

Sul desktop vi sono quattro icone (per ora aggiungerne altre non è possibile, ma lo sarà in seguito): My Documents, My Computer, Recycle Bin e Internet Explorer. Ognuna di esse permette di avviare una versione Android dell'applicazione che si avvierebbe con il "vero" Windows XP.

C'è anche il pulsante Start, che si comporta proprio come ci si aspetterebbe, e un Windows Explorer che permette di navigare all'interno della memoria del telefonino e nelle eventuali schede microSD inserite.

Sondaggio
Qual è il peggior difetto del tuo smartphone?
Ha il display troppo piccolo per navigare comodamente.
Le app che vorrei utilizzare non sono disponibili il mio OS.
La tastiera virtuale è scomoda.
E' troppo lento e le app girano a fatica.
Non è dual Sim.
La batteria dura troppo poco.
E' troppo pesante da portare in giro.
Altro (spiegalo nel forum)

Mostra i risultati (3705 voti)
Leggi i commenti (18)

Come abbiamo detto, alcune parti non sono completamente funzionanti: per esempio alcune voci del Pannello di Controllo non sono ancora utilizzabili, ma il team di sviluppo è al lavoro.

L'utilizzo su uno smartphone potrebbe essere un po' complicato perché le icone risultano piccole, mentre su un tablet si avrà quasi l'impressione di adoperare un netbook (che però supporta il touch).

XP Mod si può scaricare liberamente dalla pagina ufficiale di Google Play.

C:akepathxpmod 0
xpmod 1
xpmod 2

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

Confermo. Non c'è nel google play e il link dell'articolo da l'errore "We're sorry, the requested URL was not found on this server."
25-6-2012 01:20

{Luca}
Non è disponibile l'app nel play store è stata eliminata?
24-6-2012 19:18

Eh eh... io l'ho fatto con Ubuntu, grazie a una mod che ho scovato per caso... :P
22-6-2012 23:06

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1043 voti)
Ottobre 2017
Il ransomware per Android che blocca lo smartphone due volte
Il falso Adblock che ha ingannato decine di migliaia di utenti
Windows Media Player sparisce da Windows 10
Disqus violato, rubati i dati di 17,5 milioni di utenti
Il caso dell'iPhone 8 che si gonfia mentre è in carica
Gli auricolari di Google che traducono le conversazioni in tempo reale
La falla in Windows Defender che a Microsoft non interessa
Con un salto quantico, Firefox diventa più veloce di Chrome
Settembre 2017
Internet Explorer spiffera quel che digitiamo nella barra
Windows, gli ultimi aggiornamenti bloccano gli account utente
Violazione di CCleaner, guai più gravi del previsto
Il primo smartphone con Linux davvero libero
Falla nel Bluetooth, vulnerabili 5 miliardi di dispositivi
Se il robot sessuale diventa un terminator
I consigli di Linus Torvalds per gli hacker
Tutti gli Arretrati


web metrics