La strategia IFPI in una roadmap riservata

Pubblicato un documento confidenziale che svela le strategie antipirateria elaborate dall'industria musicale internazionale.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-07-2012]

IFPI Logo

Un documento della IFPI (la Federazione Internazionale dell'Industria Fonografica) che sarebbe dovuto rimanere riservato è finito in Rete ed è stato reso noto dal sito TorrentFreak.

Tale documento, che risale all'aprile 2012, contiene la descrizione dei «problemi» e delle «minacce presenti e future» che l'IFPI ritiene di dover affrontare nel campo della pirateria musicale, e le risposte pensate dalla Federazione. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Alle prossime elezioni, voteresti il Partito Pirata, per le libertà digitali?
No, perché ho già un partito preferito. - 13.3%
Sì, perché è quello che ci vuole per difendere la libertà della Rete, e gli altri partiti sono vecchi. - 65.7%
No, perché credo che su questi temi ci si debba battere fuori dalle istituzioni. - 10.1%
No, perché ho deciso di non andare a votare. - 10.9%
  Voti totali: 3441
 
Leggi i commenti (40)
La lista della minacce è varia e dettagliata, ma la prima in ordine di importanza è costituita dal peer to peer, nella fattispecie dal traffico dei circuiti «BitTorrent, Gnutella, DirectConnect, eDonkey e Ares».

In questo campo, l'IFPI afferma di aver intrapreso «azioni strategiche» contro The Pirate Bay, LimeWire e Demonoid, pur senza dettagliarle.

La seconda minaccia proviene dai cyberlocker; la parte più interessante è il diagramma pubblicato e riguardante il 2011, dunque prima della chiusura di Megaupload.

IFPILocker

Ebbene, proprio Megaupload, spesso accusato di essere una delle centrali della pirateria mondiale, ha in questo senso un ruolo davvero marginale, mentre la maggior parte degli URL illegali sarebbe ospitata da Filesonic.

La Federazione sostiene di non aver niente contro i cyberlocker in sé, a patto che seguano le regole ossia, nella fattispecie, disporre di un sistema per filtrare attivamente i contenuti illegali, rispondere immediatamente alle richieste di rimozione o, se nessuno dei due metodi è praticabile, chiudere.

I problemi che angosciano l'IFPI non finiscono qui: il rapporto cita anche gli attacchi di phishing e di hacking rivolti verso gli artisti e le major, tramite i quali finiscono in rete le opere inedite (come il caso di Sony ha dimostrato), i siti che fanno scaricare MP3 a pagamento ma illegalmente (per lo più nell'Europa dell'est) e la diffusione dello streaming su piattaforma mobile.

A tutto ciò, la Federazione progetta di rispondere in maniera variegata. Innanzitutto, l'obiettivo è «distruggere le fonti di reddito» di quanti forniscono contenuti di cui non detengono i diritti, cercando la collaborazione delle piattaforme di advertising (Google AdSense e DoubleClick in primis) e dei sistemi di pagamento, da PayPal a VISA, da MasterCard a PhonePayPlus.

ifpiblock

Qualora chiudere i rubinetti del denaro non sia sufficiente, o comunque come strategia complementare, il piano prevede l'imposizione agli ISP di un piano affinché blocchino l'accesso ai siti in violazione e mettano sotto controllo, avvertendoli, gli utenti che scaricano in violazione, come la francese dottrina dei tre schiaffi insegna.

Non viene dimenticato, poi, l'immortale blocco dei siti basandosi sull'indirizzo IP o alterando i DNS; l'IFPI non sembra aver colto quanto questi sistemi siano inefficaci, e anzi il rapporto ospita un orgoglioso elenco dei blocchi ordinati dai tribunali dei vari Paesi.

Il motivo di tanta fiducia in questo sistema è spiegato nel testo stesso: sebbene i sistemi per aggirare la censura esistano e non siano pochi «ci sono prove che mostrano come l'uso delle tecniche di aggiramento siamo limitato (tra il 3% e il 5%)».

ifpijigsaw

Il rapporto della IFPI si chiude con una riflessione sull'importanza della collaborazione con le forze dell'ordine e la magistratura per «fornire un addestramento imperniato su esperienze e sfide affrontate "nel mondo reale" anziché concentrarsi sulla teoria».

Per il futuro, il piano prevede un ritocco alla legislazione in materia di copyright; nell'attesa che cià diventi realtà, si suggerisce di adottare, con terminologia sportiva tipicamente americana, «"palle curve e veloci" per avere effetto su operazioni complesse in aiuto alle investigazioni a lungo termine»

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
I dieci siti di torrent più popolari
Il ritorno di Demonoid

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quanto impieghi per andare al lavoro? (one-way, ovvero: sola andata)
Da 1 a 15 minuti
Da 15 a 30 minuti
Da 30 a 45 minuti
Da 45 a 60 minuti
Più di 60 minuti

Mostra i risultati (2095 voti)
Settembre 2020
Attacco ransomware mette in ginocchio Luxottica
Ransomware blocca ospedale, muore una paziente
Veicolo autonomo investe e uccide; guidatore accusato di omicidio colposo
Il bug più serio mai scoperto in Windows
Bug in Immuni vanifica l'efficacia dell'app
Facebook ti paga se disattivi l'account
Amazon cancella 20.000 recensioni fake
Samsung brevetta lo smartphone completamente trasparente
L'app che abilita il God Mode in Windows 10
Intel, i Core di undicesima generazione sorpassano Amd
Windows 10 e il bug che deframmenta di continuo gli Ssd
Agosto 2020
Windows 10 rimuoverà automaticamente le app meno utilizzate
Malware negli smartphone a basso costo ruba dati e denaro
Duplicare una chiave col microfono dello smartphone
Chrome, Url troncati per combattere il phishing
Tutti gli Arretrati


web metrics