Lexmark, addio alle ink-jet

Si stampa sempre meno e molti preferiscono le laser. Più di 1.700 persone perderanno il lavoro.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-08-2012]

Lexmark addio inkjet

La diffusione di dispositivi mobili (smartphone e tablet in primis) che consentono di accedere ai dati da pressoché ogni luogo e il prezzo in discesa delle stampanti laser a quanto pare sta condannando a morte le stampanti a getto d'inchiostro.

La prima azienda a testimoniare questa situazione è Lexmark, la quale ha deciso di optare per una soluzione drastica: sospendere completamente la progettazione e la produzione di stampanti a getto d'inchiostro.

La decisione è stata presa a seguito di un trimestre che ha visto calare le vendite di questo tipo di prodotti del 35% e ha fatto registrare una diminuzione degli introiti pari al 61%.

Fino al 2015 l'azienda continuerà a fornire servizi, supporto e componenti per le ink-jet, ma già dal 2013 farà cessare la progettazione.

L'intento - a detta del CEO Paul Rooke - è focalizzarsi «su soluzioni software di valore più alto, e sinergie interne al'azienda continueranno a sostenere la crescita del gruppo».

Sondaggio
La sopravvivenza di alcune tecnologie "da ufficio" sarà messa a dura prova. Secondo te, quale tra queste non sopravviverà?
Le calcolatrici
Gli scanner
Gli schedari
I telefoni da scrivania
Le bacheche
I compact disc
I boccioni dell'acqua
I post-it
Le chiavette USB

Mostra i risultati (4775 voti)
Leggi i commenti (18)

Ovviamente la dismissione di un'intera divisione non è un'operazione indolore: infatti oltre 1.700 persone (pari a circa il 13% della forza lavoro complessiva di Lexmark) in tutto il mondo perderanno il lavoro, e lo stabilimento di Cebu, nelle Filippine, verrà chiuso.

Esiste ancora, tuttavia, la possibilità che posti di lavoro e prodotti si possano salvare almeno in parte: l'azienda sta infatti cercando acquirenti interessati all'intero ramo.

L'operazione dovrebbe portare Lexmark a risparmiare 85 milioni di dollari il prossimo anno, cifra che salirà a 95 milioni di 2015; ciò andrà a bilanciare i costi della dismissione, calcolati in 160 milioni di dollari per i prossimi tre anni.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
La stampante ad acqua, economica ed ecologica

Commenti all'articolo (1)

Non sono d'accordo che tablet e smarphone abbiano soppiantato la carta (d'altronde è duro a morire persino il fax..) semmai in certe aziende ne hanno ridotto l'uso ma soppiantare l'inkjet secondo me è prematuro. Le stampanti laser a colori (sul b/n ovvio che vince la laser già adesso) sono ancora costose, inoltre chi deve fare lavoro... Leggi tutto
5-9-2012 21:36

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale di questi consigli ritieni più importante per una vacanza all'insegna della sicurezza?
Aggiornare il sistema operativo, i programmi installati e le applicazioni, eliminando così eventuali falle di sicurezza già scoperte.
Evitare di usare WLAN pubbliche (in hotel, Internet Café, aeroporto...): solitamente sono protette in maniera inadeguata e i dati possono essere spiati. Meglio utilizzare una connessione mobile UMTS.
Evitare di fare online banking in vacanza e non scaricare o salvare dati personali e sensibili su Pc pubblici.
Creare un indirizzo ad hoc per inviare cartoline elettroniche via email, da disattivare al rientro qualora venisse compromesso.
Impostare una password all'accensione su smartphone e tablet e un PIN per lo sblocco della tastiera.
Fare il backup del notebook o del netbook che si porta in vacanza, crittografando i dati per limitare i danni in caso di furto.

Mostra i risultati (1696 voti)
Ottobre 2019
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Antibufala: la Tesla della polizia rimasta a secco durante un inseguimento
Esplode lo smartphone in carica, muore ragazzina
Settembre 2019
Windows, l'aggiornamento di ottobre mette il turbo al Pc
Tutta la verità sul caso del dominio Italia Viva
Ecco perché gli aggiornamenti Windows hanno così tanti bug
A che età dare lo smartphone ai propri figli?
Usa NULL come targa pensando di beffare il sistema informatico delle multe
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Tutti gli Arretrati


web metrics