Foxconn, l'iPhone 5 è prodotto in condizioni disumane

Nonostante le promesse gli operai vivono ancora in dormitori sporchi e affollati, fanno turni massacranti e sono pagati una miseria.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-09-2012]

foxconn

«Le condizioni dei lavoratori miglioreranno» aveva promesso a marzo l'azienda cinese Foxconn, che produce per diverse aziende tra cui la più nota è forse Apple ma tra le quali ci sono anche Microsoft, HP, Dell e altre.

Proprio nei giorni in cui viene presentato e sta per essere lanciato l'iPhone 5, l'inchiesta condotta da un giornalista cinese mostra che le condizioni non sono affatto migliorate.

Il giornalista in questione si chiama Wang Yu e, facendosi passare per un operaio, ha trascorso 10 giorni all'interno di una delle fabbriche di Foxconn, lavorando proprio sull'iPhone 5.

Ha così potuto provare di persona, e quindi raccontare, le miserevoli condizioni in cui sono costretti a vivere e lavorare i dipendenti dell'azienda.

Suo compito - del quale, a sentire i supervisori, avrebbe dovuto andare fiero - era assemblare la parte posteriore dello smartphone di Apple; l'obiettivo era produrne cinque ogni minuto per un turno di 10 ore.

Prima di entrare nella fabbrica, però, Wang ha dovuto compilare un questionario per la valutazione della sua salute mentale (onde stimare la propensione al suicidio), e quindi firmare un contratto in base al quale sollevava l'azienda da ogni responsabilità per eventuali conseguenze negative (come gli effetti derivanti dall'uso di componenti tossici).

A quel punto gli è stato assegnato un posto in un dormitorio buio, affollato, sporco e decisamente malsano; le finestre sono sbarrate quando non sprangate, e scarafaggi e parassiti prosperano tra l'immondizia e fin dentro gli armadi.

I servizi pubblicizzati - piscine, palestre e via di seguito - o non funzionano o, quando va bene, si riducono a una biblioteca e a una sorta di festival settimanale che funga da distrazione.

Sondaggio
In quale modo la Rete ti assiste di più per risparmiare?
Trovare gli stessi prodotti disponibili offline, ma a un prezzo inferiore
Accedere a beni introvabili nei negozi solitamente frequentati
Acquistare prodotti altrimenti inaccessibili senza sconti e promozioni online

Mostra i risultati (1809 voti)
Leggi i commenti (5)

Dopo il corso di addestramento e la visita da parte dell'unico dottore, il giornalista ha potuto iniziare il lavoro, da svolgere nel turno di notte e senza poter mai lasciare il proprio posto.

«Dopo aver ripetuto la medesima azione per ore» - scrive Wang - «avevo un dolore terribile al collo e al braccio. Un nuovo assunto davanti a me era esausto e si è seduto per un momento. Il supervisore lo ha visto e l'ha punito obbligandolo a stare in piedi in un angolo per dieci minuti».

Dopo le rivelazioni, Foxconn s'è impegnata ad approfondire le indagini sulle condizioni interne e sulla condotta dei supervisori. Ciò che lascia perplessi è che si tratta di affermazioni già sentite pochi mesi or sono, e che evidentemente non devono aver avuto molto seguito.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
I dispositivi Alexa? Li fabbricano ragazzini cinesi di notte
Foxconn, operaie si prostituiscono per arrotondare
A giugno l'iPhone 5S e un iPhone low cost

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 13)

@ fuocogreco Sicuramente hai azzeccato uno dei punti focali del problema Italia. Aggiungo che l'atteggiamento che stigmatizzi è stato per anni favorito e anche promosso dalla nostra classe politica in parte attivamente ed in parte anche passivamente, purtroppo ancora oggi, nonostante qualche pallido tentativo, nemmeno in questo governo... Leggi tutto
18-9-2012 08:15

In Italia ultimamente più che vedere al modello cinese( che si basa sullo sfruttamento umiliante degli operai) si dovrebbe copiare il modello tedesco: prodotti di alta qualità, un sindacato forte, stipendi elevati: i tedeschi non per niente sono la locomotiva dell' Europa. Unico problema che i tedeschi pagano tutti le tasse e hanno un... Leggi tutto
17-9-2012 22:56

La globalizzazione, la globalizzazione, la globalizzazione... a un certo punto è "accaduta" questa cosa... per dire, negli anni '80 per uscire dai confini italiani con una somma di denaro di un certo significato (come quando si va in vacanza, ad esempio) era necessario dichiarare, giustificare, chiedere permesso... ora siamo... Leggi tutto
17-9-2012 21:45

Chi crede e ha creduto finora che la globalizzazione servisse a migliorare le condizioni di vita di chi stava peggio a mio parere vive i9n un mondo tutto suo: è ovvio che aprire i mercati serve solo a sfruttare chi sta peggio a tutto vantaggio di chi soldi ne ha già per sfamare generazioni e generazioni di parenti: io che vivo del mio... Leggi tutto
16-9-2012 20:27

Sono d'accordo però a patto che non tornino mai indietro altrimenti ci applicano subito la lezione appresa e lo statuto dei lavoratori lo smantellano ancora prima di quanto crediamo. Leggi tutto
16-9-2012 19:53

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Stai installando un'applicazione. Cosa fai quanto compare il contratto di licenza?
Lo leggo attentamente e poi faccio click su “Accetto”
Do un sguardo al testo e poi accetto
Dipende dall'applicazione. A volte leggo il contratto di licenza
Non leggo mai il contratto di licenza. È davvero indispensabile?
Leggo il contratto di licenza dopo aver installato l'applicazione

Mostra i risultati (1145 voti)
Settembre 2019
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Il bug di Windows 10 che tinge di rosso gli screenshot
Antibufala: le foto di raggi spaziali che causano incendi nei boschi
Lo smartphone etico attento alle persone e al pianeta
Storie di hacker, campeggi e libertà
USB 4 è ufficiale e raggiunge i 40 Gbit/s
5 consigli (più uno) per non farsi lasciare a piedi dal PC
La lotta al ransomware procede silenziosa ma con successo
La maledizione dei connettori USB
Agosto 2019
GIMP è un insulto: sviluppatori ribelli fondano il fork Glimpse
Sextortion, il malware che registra davvero chi guarda video a luci rosse
Misteriosa malattia colpisce i fumatori di sigarette elettroniche
L'analisi del sangue che predice quando moriremo
Bug negli iPhone, ritorna il jailbreaking
Tutti gli Arretrati


web metrics