Quando il bucato purifica l'aria

Uno speciale additivo da aggiungere a ogni lavaggio è in grado di risolvere l'inquinamento da ossidi di azoto.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-10-2012]

catclo

Ricercatori dell'Università di Sheffield e del London College of Fashion hanno creato un additivo che, aggiunto al bucato, aiuta a purificare l'aria.

Se buona parte dell'inquinamento atmosferico deriva dalla presenza degli ossidi di azoto (NOx) - hanno ragionato i ricercatori - una buona idea per combattere tale inquinamento sarebbe trovare un sistema diffuso per eliminare quell'elemento, e che cosa c'è di più diffuso dei panni stesi ad asciugare?

È nato grazie a questa intuizione CatClo (Cataltic Clothing), un additivo liquido che contiene nanoparticelle di biossido di titanio in grado, grazie all'azione della luce solare, di ossidare i NOx con cui vengono in contatto.

In questo modo la pericolosità degli ossidi viene neutralizzata; ciò che resta (inodore, incolore e innocuo) viene poi eliminato in maniera innocua tramite il sudore di chi indosserà i vestiti o nel lavaggio successivo.

I ricercatori affermano che ovviamente l'additivo è assolutamente innocuo; inoltre, poiché le nanoparticelle di biossido di titanio si legano saldamente al tessuto, è sufficiente lavare i vestiti con l'additivo perché l'effetto poi si verifichi continuamente, anche mentre i vestiti sono indossati.

Sondaggio
La cosiddetta green economy genera nuova ricchezza e aumenta sempre di più. Secondo te:
E' un sintomo di vera innovazione.
Significa che bisogna ripensare il concetto di sviluppo.
Lo sviluppo economico non può fare a meno dello sfruttamento ambientale.
E' la prova che economia e ambiente possono andare di pari passo.
E' solo una speculazione temporanea.

Mostra i risultati (3865 voti)
Leggi i commenti (6)

Un capo d'abbigliamento trattato con il CatClo - sono sempre i ricercatori ad affermarlo - è in grado di rimuovere dall'aria 5 grammi di ossidi di azoto, ossia l'equivalente di quanto emesso da un'auto usata da una famiglia media ogni giorno.

«Se migliaia di persone in una tipica cittadina utilizzassero questo additivo, il risultato sarebbe un aumento significativo della qualità dell'aria locale» sostiene il professor Anthony John Ryan. «A Sheffield, per esempio, se tutti lavassero i propri vestiti con l'additivo, non ci sarebbe alcun problema di inquinamento da ossidi di azoto».

Pare che CatClo funzioni particolarmente bene con gli abiti di jeans: per questo motivo, una dimostrazione con dei jeans è in programma dal 27 ottobre al 4 novembre presso il Festival della Scienza di Manchester.

Al momento, CatClo non è ancora sul mercato, ma i ricercatori stanno cercando un'azienda proprio a questo scopo; secondo il professor Ryan, per ogni aggiunta di additivo al lavaggio il costo sarebbe di 10 pence (circa 0,12 euro).

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Antibufala: Diossido di cloro (tossico) usato come “rimedio” fai da te
RepAir, la maglietta tutta italiana che ripulisce l'aria intrappolando l'inquinamento
Il satellite NASA che sorveglia l'anidride carbonica
A Milano il cemento che assorbe lo smog
Il tessuto che non teme le macchie
Lo zainetto che misura l'inquinamento
UE, niente aumenti al prezzo della CO2
Meduse volanti per combattere piogge acide e produrre acqua potabile

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

Per fare il figo ecologista! :twisted: Ciao Leggi tutto
8-10-2012 19:27

IL bucato che purifica l' aria? FANTASTICO :complimenti: Adesso lo dico subito a mia moglie! :lol:
8-10-2012 18:00

Calandomi -senza troppa difficolta'- nei panni dell'italiano medio mi viene un ragionamento fra il miope e l'egoista: Perche' dovrei spendere in piu' (*) per un addittivo che risolve i problemi di inquinamento generato da altri? :?: (*) potrei anche aggiungere "oltretutto rischiando chissa' quali malattie generate dai... Leggi tutto
8-10-2012 17:21

io non sarei così sicuro che le nanoparticelle di TiO2 siano innocue come affermano. anche le sostanze meno reattive (es. silice) quando sono in forma molto suddivisa sono pericolose
8-10-2012 10:49

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale di queste professioni obsolete secondo te ha ancora un futuro?
Agente di viaggio. C'è ancora qualcuno che prenota le vacanze in agenzia? (Parrebbe di sì)
Cassiera di supermercato. Sostituita dalle casse automatiche e dalla spesa online. (Ma i clienti rimangono affezionati al vecchio sistema)
Centralinista. Sostituito dai centralini digitali. (Eppure resiste in molte aziende)
Data entry. Mai sentito parlare di scanner e OCR? (Invece c'è chi inserisce ancora tutto a mano)
Dattilografo. I dirigenti moderni gestiscono il proprio blog, non dettano più gli appunti a una segretaria; al massimo usano il riconoscimento vocale. (Ma esistono davvero dirigenti... moderni?)
Impiegato di banca allo sportello. Con i conti online è una figura sempre meno utile. (Però in banca tutti lo cercano)
Giornalista. Con Google News, Facebook, Twitter e i blog, c'è ancora bisogno di loro? (Almeno dei migliori, evidentemente sì)
Postino. Con la posta elettronica, la posta tradizionale va diminuendo sempre più. (Ma ci vuole sempre qualcuno che la consegni)

Mostra i risultati (2532 voti)
Marzo 2021
Hard disk a confronto con SSD nei data center
Sciami di router nelle nostre case conoscono la nostra posizione
Febbraio 2021
Nuovi Mac, gli SSD durano pochissimo
Elettrodomestici, A+++ può diventare B o C
Se non accetti le nuove condizioni, WhatsApp ti cancella l'account
Come perdere mezzo miliardo: non serve smarrire la password del wallet Bitcoin
Sms svuota conto corrente: occhio alla truffa
Vendere o comprare una casa online all'asta (senza Tribunale)
Hacking e caffeina: 167.772 euro da spendere in caffè
Arriva LibreOffice 7.1 Community ma è importante non usarlo in azienda
Didattica a distanza, genio su Zoom
La Stampa, L’Espresso, il Corriere e il metodo redazionale: nessuno rilegge
Sgominato Emotet, la madre di tutti i malware
Gennaio 2021
iPhone 12 e pacemaker, meglio che stiano lontani
Minori su Tik Tok, accesso con Spid?
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 7 marzo


web metrics