Netbook, Acer e Asus dicono addio

Uscito di produzione l'ultimo pezzo di un PC senza storia.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-01-2013]

asus2

Il 3 gennaio Acer e Asus hanno chiuso definitivamente la linea di produzione dei netbook.

Il "fratello minore" dei notebook venne introdotto verso la fine del 2007 con il modello Eee PC 700 di Asus, presentato il 16 ottobre al Computex e introdotto in Italia il gennaio successivo.

Il netbook vide immediatamente, quell'anno e il successivo, un interessante boom di vendite, proprio come alternativa dei più pesanti laptop. Si gridò alla rivoluzione, con un successo che probabilmente neppure i produttori avevano previsto.

Agli inizi del 2009 le vendite superarono gli 80 milioni di pezzi, riportando molta vivacità nelle vendite dei computer portatili che, in quel periodo, avevano subito una forte decrescita.

Ma già alla fine dell'anno per il netbook ebbe inizio un declino inarrestabile, parallelo al successo inarrestabile dei tablet che, nel 2011, raddoppiarono le vendite rispetto ai netbook.

Citiamo il Guardian che in quel periodo riferisce: "Per il 2011 si stima che i tablet venduti saranno oltre 120 milioni mentre le vendite dei netbook non valgono neppure una stima". Nella stessa pagina si legge: "Per il 2013 si può essere già certi che i pezzi venduti saranno pari a zero, a parte qualche fondo di magazzino".

Sondaggio
Hai sostituito il tuo notebook (o netbook) con un tablet?
Sì, e riesco a lavorarci perfettamente.
Non l'ho ancora fatto, ma ci sto pensando.
Niente affatto, mi serve un vero notebook.
Li ho entrambi.
Non ne ho nessuno dei due.

Mostra i risultati (4104 voti)
Leggi i commenti (7)

Con il senno di poi, occorre riconoscere che i difetti di questo prodotto superavano di molto i pregi; fortemente penalizzati nelle prestazioni e difficilmente personalizzabili, furono comprati, nella maggior parte dei casi, da chi desiderava un piccolo oggetto per viaggiare su Internet, molto più leggero dei notebook.

L'unico vantaggio, rispetto dei tablet oggi imperanti, era di disporre di una vera tastiera, ancorché di piccole dimensioni.

Un prodotto del genere nel 2013 non avrebbe senso; tablet e smartphone hanno oscurato qualunque sua possibilità di successo, ma resta pur sempre una tappa nella storia senza fine dell'informatica.

Come sempre accade quando sparisce un protagonista, non possiamo che dire: il netbook è morto, viva il netbook!

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Eee PC, Asus ci riprova
Da Acer il primo smartphone che fa filmati 4K
Arriva in Italia il portatile a basso costo di Asus

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 31)


Sai quella cosa lunga che si tiene sulle dita di nome penna che riga quell'altra cosa chiamata carta... :lol: Ciao Leggi tutto
8-1-2013 02:30

Secondo me Zeus voleva intendere che è il mercato che detta legge. Leggi tutto
7-1-2013 23:06

Ci coalizziamo e costruiamo netbook in proprio... rigorosamente "made in Italy" :wink: Leggi tutto
7-1-2013 21:17

{carla}
mi sa che sono d'accordo con etabeta, la gente compra dei gadget, ma per chi ci lavora le due realtà al momento non mi sembrano comparabili... Io viaggio spesso, e il netbook mi ha permesso di farlo portando avanti il lavoro in modo umano. Mioddio, e ora se c'è un guasto al proprio netbook che succede???
7-1-2013 19:49

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'Italia e gli italiani sono pronti per il (video)gioco online?
I giocatori sarebbero anche pronti, ma il problema è il digital divide. Senza una connessione broadband il gioco online è una chimera.
In Italia più che in altri paesi ha ampia diffusione la pirateria. Il fatto che buona parte dei giocatori utilizzi prodotti contraffatti limiterà la crescita dell'online gaming.
Barriere linguistiche e ritardi nella diffusione di giochi e tecnologie online ci hanno penalizzato nel passato, ma oggi le possibilità di sviluppo sono rosee.
Non ci sono barriere tecniche, ma solo culturali. Il videogioco è tradizionalmente visto come un prodotto da fruire individualmente o in compagnia di amici.
La comunità di giocatori online italiana non ha nulla da invidiare per qualità e quantità a quelle degli altri paesi.

Mostra i risultati (722 voti)
Luglio 2020
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Hai installato Immuni?
Windows 10 rinnova il menu Start
Arriva Edge, e i computer rallentano
Giugno 2020
Favicon sfruttate per rubare i dati delle carte di credito
Windows 10, dov'è finita l'opzione per rimandare gli aggiornamenti?
Windows 10, l'ultimo aggiornamento riavvia i Pc a forza
La Casa Bianca e il video delle cataste di mattoni
Pornografia, il Parlamento prepara un filtro al web
La foto che paralizza alcuni smartphone Android
Il trucco che elimina la pubblicità da YouTube
L'Italia censura il progetto Gutenberg
Immuni, chiedete e vi sarà dato
Altro che Immuni: il Bluetooth va tenuto spento!
Tutti gli Arretrati


web metrics