Una legge per l'accessibilità del Web

Lo scopo è rendere Internet più accessibile ai disabili, soprattutto nei siti delle pubbliche amministrazioni e dei servizi.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-01-2003]

Un'interessante proposta di legge arriva da un deputato di Forza Italia, Antonio Palmieri, che è anche il responsabile del sito web del suo partito.

Palmieri, insieme al collega Cesare Campa, ha presentato un progetto di legge volto a garantire "il diritto di accesso con qualsiasi tipo di tecnologia ai servizi informatici e telematici della Pa e ai servizi di pubblica utilità da parte dei cittadini diversamente abili". Poiché si basa fondamentalmente sul principio di uguaglianza stabilito dalla Costituzione Italiana (e segue le linee guida del W3C), questo progetto di legge dovrebbe raccogliere un consenso trasversale tra tutte le forze politiche.

Esso sarebbe studiato in modo tale che "qualsiasi gara di fornitura di servizi o prodotti info-telematici" tenga conto dei criteri di usabilità del Web e che le aziende di pubblica utilità godano di una defiscalizzazione pari al 30% dell'investimento di sviluppo. Inoltre le aziende - si parla di tutte le società che gestiscono servizi come luce, gas, acqua, telefoni oltre che ministeri ed enti locali - dovrebbero procedere a un adeguamento dei siti. Se non operano in tal senso - entro 6 mesi dall'entrata in vigore della legge - riceveranno sanzioni da 500 a 3 mila euro.

Il principio che non debbano esistere "barriere architettoniche" nemmeno sul Web è particolarmente importante in Italia dove i disabili sono circa il 5% della popolazione, nel 60% dei casi donne. Secondo Maurizio Trezzi di Superabile, il portale italiano sulla disabilità, nel 70% dei casi i siti di pubblica utilità risulterebbero inaccessibili ai disabili.

In altre parole non rispettano le linee guida del World Wide Web Consortium (W3C), l'ente che "sviluppa tecnologie che garantiscono l'interoperabilità per guidare il World Wide Web fino al massimo del suo potenziale". Si tratta di utilizzare reader (cioè software) che riconoscano e leggano il testo delle pagine Web per non vedenti, di non utilizzare le animazioni in Flash, di accompagnare le foto del sito con didascalie che riportino una descrizione leggibile da un reader. Sono soluzioni non costose all'atto dell'implementazione del sito ma che possono diventarlo nei casi di siti già realizzati senza tener conto di questi criteri.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (3)

DM
corretto Leggi tutto
16-2-2003 20:09

Patrizia
usabilità vs accessibilità Leggi tutto
14-2-2003 14:30

popi
Follia pura. Anche se oramai la follia, in Italia è all'ordine del giorno. Dubito fortemente che questo governo si preoccupi dei disabili non se ne è mai occupato. Forse bisognerebbe pensare a porblemi più concreti che hanno i disabili, forse il prendere informazioni via web per loro non è la principael... Leggi tutto
12-2-2003 11:40

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te quale di questi scienziati avrebbe meritato il premio Nobel?
Andrew Benson, per la scoperta del Ciclo di Calvin della fotosintesi clorofilliana.
Dmitri Mendeleev, per l'ideazione della tavola periodica degli elementi.
Fred Hoyle, per gli studi sulla nucleosintesi stellare.
Jocelyn Bell Burnell, per la scoperta delle pulsar.
Nikola Tesla, per i suoi lavori sulla trasmissione delle onde radio.
Albert Schatz, per la scoperta della streptomicina (rimedio contro la tubercolosi).
Chien-Shiung Wu, per i lavori sulla legge di conservazione della parità.
Oswald Avery, per gli studi sulla trasmissione dei caratteri ereditari tramite DNA.
Douglas Prasher, per la scoperta della proteina fluorescente verde.
Lise Meitner, per il contributo ai lavori sulla fissione nucleare.

Mostra i risultati (1803 voti)
Gennaio 2022
Iliad smentisce le voci di fusione e lancia la fibra
Iliad e Vodafone, fusione in vista
Video porno interrompe convegno online del Senato
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Windows 11 sbaglia a mostrare i colori
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 28 gennaio


web metrics