Bitcoin, la bolla sta per scoppiare?

La moneta virtuale nata nel 2009 e attualmente ai vertici delle transazioni di cambio monetario sarebbe nel mirino dei pirati informatici. Gli economisti ne prevedono la conflagrazione deflattiva.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-04-2013]

bitcoin

L'indice di capitalizzazione del Bitcoin, la moneta digitale, ideata qualche anno addietro da Satoshi Nakamoto, qualche giorno fa ha raggiunto e sorpassato il miliardo di dollari.

Ma la sospensione a tempo indeterminato di uno dei servizi di cambio Instawallet colpisce come una mazzata tutti quelli che vi hanno affidato i propri risparmi.

Secondo la definizione dell'economia classica, la moneta è "il metro dei valori e l'intermediario degli scambi"; sorprende perciò il picco raggiunto da un succedaneo, fatto interamente di bit, che non si basa cioè su alcuna autorità finanziaria o istituto di emissione che ne garantisca il valore.

Il meccanismo è noto e assai semplice: infatti chiunque può inviare a un qualsiasi corrispondente estero un tot in moneta nazionale, convertendolo di comune accordo in "n" Bitcoin su uno qualsiasi dei mercati finanziari su avvengono gli scambi monetari. Ricevuto l'accreditamento, il destinatario potrà a sua volta riconvertirlo nella valuta convenuta.

La validità dell'innovazione consiste nell'evoluzione del cambio traiettizio che pur in epoca di operazioni bancarie in tempo reale appare farraginoso e soprattutto fin troppo trasparente a un fisco sempre più occhiuto e invasivo. Si basa infatti sulla decentralizzazione degli operatori e sulla crittografia avanzata delle transazioni in un periodo in cui sembra periglioso l'affidarsi alle classiche istituzioni finanziarie.

Sondaggio
Sei favorevole a tassare l'uso del denaro contante per diffondere l'uso della moneta elettronica?
Totalmente favorevole.
Favorevole, ma timoroso della sicurezza delle transazioni.
Favorevole, ma bisogna tutelare chi non vuole o non sa usare la moneta elettronica.
Totalmente contrario.
Basterebbe abolire i costi bancari sulle transazioni elettroniche.

Mostra i risultati (6098 voti)
Leggi i commenti (93)

La crisi di Cipro ha insegnato come ai risparmiatori sia agevole sfuggire ai prelievi tributari forzosi e al blocco dei prelievi presso le banche affidatarie, indipendentemente dai divieti, dalle confische e dai paletti posti dalle autorità politiche e finanziarie di una qualsivoglia nazione, per trasferire agevolmente moneta anche all'altro capo del mondo.

In teoria, il Bitcoin si presenterebbe quindi come il nuovo valore-rifugio al posto (o a fianco) dell'oro, nonostante i costi e l'incompetenza spesso messi di traverso da alcune banche, anche perché è impossibile crearlo dal nulla mediante la semplice stampa di cartamoneta o l'emissione di titoli di credito, ambedue tra l'altro generanti inflazione e quindi deprezzamento in valore d'acquisto del valore edittale portato dal titolo.

Tuttavia alcuni economisti hanno fatto notare che lo stato del Bitcoin è assai ambiguo, metà moneta e metà "materia prima" in quanto oggetto (virtuale) utile allo scambio.

Il valore di qualsiasi materia prima è soggetto alla quantità disponibile sul mercato e per di più è vittima delle solite manovre speculative; e il volume giornaliero di scambio dei bitcoin raramente supera i 20 milioni di dollari mentre il totale del valore dello scambio giornaliero mondiale è stimato superiore alle 200.000 volte tale cifra.

Se abbiamo in ipotesi un lingotto d'oro del valore di 100.000 euro, mentre il Bitcoin ha il valore internazionale di 10 euro, il valore di scambio sarà di 1 a 10, cioè di 10.000 Bitcoin. Pertanto, se il valore del bitcoin salisse a 100 euro, il lingotto d'oro scenderebbe a 1.000 Bitcoin; e viceversa.

Pare tuttavia che i possibili effetti deflazionistici in area Bitcoin sarebbero assai remoti, in confronto al pericolo creato dai pirati informatici da tempo in agguato.

Da alcuni giorni Instawallet, uno dei siti di scambio Bitcoin, a causa di una falla di sicurezza è stato messo offline a tempo indeterminato, creando effervescenza tra gli utenti che valutano attentamente la possibilità di conversioni a brevissimo termine.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)


@ercole69 A) Infatti non è più in controllo societario (lo scrissi prima) ma direttamente come controllo giuridico o di commissione. Il caso dei prestiti alla Grecia è lampante: La stessa Merkel impose al proprio governatore della Banca Centrale tedesca che esso votò contro il prestito se non era seguito da condizioni di risanamento. ... Leggi tutto
10-4-2013 06:39

No, ma le opinioni sono opinioni :wink: Leggi tutto
9-4-2013 19:17

Puoi inventarti terminologia per dare un senso alle tue idee ma io seguo i libri e certi termini non esistono. 1) La BCE, che possiede molti meno potere delle Banche Centrali e non è indipendente dalla UE. I proprietari (che poi in comune accordo con le commissioni UE) sono le Banche Centrali che sono tutte dipendenti dai rispettivi... Leggi tutto
9-4-2013 18:20

No il vantaggio più grande è l'indipendenza dalle banche e la libertà di uso, anonimato e esenzione fiscale sono un "sottoprodotto" ma puoi pagare le tasse se incassi in bitcoin tanto come se incassi in € e rendere totalmente pubbliche le tue transazioni se vuoi Leggi tutto
9-4-2013 15:09

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
A Milano l'Ecopass si è trasformato in congestion charge: si paga per accedere al centro anche se si ha un'auto poco inquinante. Sei d'accordo?
Sono favorevole a questo modello, per le grandi città: bisogna usare meno l'auto.
Sono contrario in generale: non serve, è solo una tassa per spillare quattrini ai cittadini.
Era meglio il vecchio modello, in cui le auto meno inquinanti non pagavano (o pagavano di meno).
Il problema non mi tocca: non vivo e non vado mai né a Milano né in altre grandi città.

Mostra i risultati (2445 voti)
Agosto 2022
Le chiavi dell'auto? Al sicuro nel microonde
Intel, 5 miliardi per costruire uno stabilimento in Italia
E Spot prese il fucile
Gmail, la nuova interfaccia adesso è per tutti
Luglio 2022
Istruzioni per il voto: la busta
Il Tribunale di Milano ordina a Cloudflare di censurare tre siti
Microsoft, un nuovo Windows ogni tre anni
TIM: 9.000 esuberi e un ultimatum al Governo
L'algoritmo che predice i crimini con una settimana d'anticipo
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 11 agosto


web metrics