Fatti smart! Il Garante privacy spiega come usare lo smartphone

Un videotutorial mostra come fare per proteggere i dati personali di cui tablet e smartphone sono sempre più ricchi.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 16-04-2013]

fatti smart garante privacy smartphone tablet

«Fatti smart!»: non è lo slogan di una pubblicità di telefonini ma l'invito che il Garante della Privacy rivolge a tutti i possessori di smartphone e tablet.

In una sezione apposita del proprio sito, infatti, il Garante elargisce tutta una serie di consigli per proteggere i dati personali di cui i dispositivi mobili sono sempre più ricchi, pubblicando anche un video-tutorial (che riportiamo più sotto). L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
A partire da quale etÓ Ŕ utile un telefono cellulare?
Prima degli 8 anni
Da 8 a 10 anni
Da 10 a 12 anni
Da 12 a 14 anni
Da 14 a 16 anni
Da 16 a 18 anni
Dopo i 18 anni

Mostra i risultati (3301 voti)
Leggi i commenti (15)
«Smartphone e tablet ci accompagnano ovunque e custodiscono parti importanti e spesso delicate delle nostre vite, sotto forma di foto, filmati, messaggi e dati telematici. E noi stiamo sempre attenti a proteggere adeguatamente queste informazioni con piccole ma utili precauzioni?» chiede il Garante.

I destinatari del tutorial sembrano essere soprattutto i più giovani, ma i consigli sono naturalmente validi per tutti.

Si va dall'invito a non conservare informazioni troppo personali (come password o codici di accesso, magari alla banca) su dispositivi che - per quanto sia triste - possono essere rubati o persi al consiglio di riportare alle impostazioni di fabbrica uno smartphone vecchio prima di buttarlo. L'articolo continua dopo il video.

Il Garante invita poi ad adoperare PIN e password sufficientemente complicate e anche a far sì che il dispositivo blocchi automaticamente l'accesso dopo un certo periodo di inattività.

Le attenzioni vanno rivolte anche ai software utilizzati (rivolgersi sempre ai market ufficiali e verificare a quali dati le app installate abbiano accesso); infine, il Garante raccomanda di controllare sempre le impostazioni di geolocalizzazione, che possono rappresentare un rischio per la privacy quando rendono nota al mondo, magari tramite social network, sempre e constantemente la nostra posizione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Privacy, sei Paesi europei contro Google
Tim Berners-Lee: privacy necessaria per democrazia digitale
Il Garante Privacy indaga su WhatsApp
Dieci consigli da Google per navigare sicuri in Rete

Commenti all'articolo (1)

Tutti suggerimenti basilari ma sensati. Rispetto a un desktop ma anche al portatile, con lo smartphone si fa un utilizzo appunto molto pi¨ smart avendo accesso contemporaneamente a vari settori della nostra e altrui vita (non solo telefonate e messaggi ma email, foto, video, social network, ecc.ecc.) A ogni mezzo sarebbe richiesto un... Leggi tutto
25-4-2013 13:41

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Con quale di queste affermazioni concordi maggiormente?
Il Governo sta facendo troppo poco per portare la banda larga anche nelle zone pi¨ remote.
Il Governo riuscirÓ a migliorare la diffusione della banda larga.
Il Governo vorrebbe fare di pi¨ per la diffusione della banda larga, ma mancano le risorse.
Il Governo non sta facendo abbastanza per reperire risorse per la banda larga.
Al Governo non frega nulla della banda larga a meno che qualche lobby o qualche gruppo finanziario o industriale gliela chieda; a quel punto troverÓ il modo di mettere una nuova tassa ai pensionati o ai lavoratori dipendenti per reperire i fondi.

Mostra i risultati (3295 voti)
Gennaio 2020
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Il water inclinato che impedisce ai dipendenti di stare troppo in bagno
Se i poliziotti vendono nel dark web l'accesso alle telecamere di sicurezza
Il preservativo per i dispositivi USB
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Il malware fileless che attacca i Mac
Tutti gli Arretrati


web metrics