Software libero nella PA, adozione a rischio

Divisioni sull'interpretazione di una norma rischiano di bloccare chissà per quanto l'ingresso dell'open source nella pubblica amministrazione.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-05-2013]

software libero pa

La questione dell'adozione del software libero nella pubblica amministrazione è annosa: sono anni che se ne parla ma i progressi ancora non si vedono.

Ora, poi, la situazione pare peggiorata: il tavolo di lavoro costituito per discutere proprio di questo tema presso l'Agenzia per l'Italia digitale è diviso sull'interpretazione di una norma, e ciò rischia di condurre a uno stallo che blocchi - per quanto tempo non si sa - i lavori, come sottolinea l'avvocato Ernesto Belisario su Agenda Digitale, sito diretto da Gildo Campesato e il cui responsabile editoriale è Alessandro Longo.

Negli anni, si sono susseguiti numerosi progetti di legge statali e le leggi regionali in materia, gruppi di lavoro e – addirittura – una Commissione costituita dall’allora ministro per l'Innovazione e le Tecnologie Lucio Stanca e guidata da un’illustre personalità (il prof. Angelo Raffaele Meo).

Nella sua versione originaria, il Codice dell'Amministrazione Digitale (CAD) (D. Lgs. n. 82/2005) prevedeva una disciplina specifica in materia di acquisizione di programmi informatici.

L’articolo 68, infatti, disponeva che le Amministrazioni procedessero ad acquisire i software necessari allo svolgimento della propria attività dopo aver effettuato una valutazione comparativa di tipo tecnico ed economico tra le differenti soluzioni.

La norma era chiara: la valutazione su caratteristiche e prezzo doveva essere fatta di volta in volta, in considerazione della situazione di partenza e delle esigenze di ogni ufficio, soppesandone la convenienza anche in termini economici, al fine di evitare inutili sprechi di denaro pubblico.

Poi detto articolo venne modificato, introducendo un criterio di preferenzialità per il software libero o a sorgente aperto,oltre che per il riuso. La parte interessante si trova nel comma 1-ter, al punto in cui si dice che «ove dalla valutazione comparativa di tipo tecnico ed economico, secondo i criteri di cui al comma 1-bis, risulti motivatamente l’impossibilità di accedere a soluzioni già disponibili all’interno della pubblica amministrazione, o a software liberi o a codici sorgente aperto, adeguati alle esigenze da soddisfare, è consentita l’acquisizione di programmi informatici di tipo proprietario mediante ricorso a licenza d’uso».

È proprio questo comma ad aver creato le divisioni all'interno del tavolo di lavoro incaricato dall'Agenzia per l'Italia Digitale di elaborare le linee guida da seguire per la valutazione comparativa.

Sondaggio
Che cosa ti trattiene dall'installare Linux?
Tutti quelli che conosco hanno Windows: con chi potrei scambiare dati e software?
Non ho voglia di imparare un nuovo sistema operativo e dei nuovi programmi.
Alcuni miei componenti hardware non vengono riconosciuti.
Ci sono alcuni software che utilizzo sotto Windows che mi sono indispensabili.
Semplicemente non sento l'esigenza di passare a Linux.
Ho intenzione di farlo nel prossimo futuro.
Nessun motivo mi impedisce di passare a Linux, infatti già lo utilizzo con soddisfazione.

Mostra i risultati (11537 voti)
Leggi i commenti (123)

Infatti, le interpretazioni di questo comma sono due.

Da un lato vi è chi ritiene il CAD abbia espresso una preferenza per le soluzioni di riuso e di software libero o a sorgente aperto, demandando all'Agenzia il compito di stabilire criteri e metodi per decidere, all'interno della valutazione comparativa di cui all'articolo 68 comma 1 bis, quando l'adozione tali soluzioni espressamente menzionate siano "impossibili".

Dall'altro vi è chi pensa che il CAD non esprima alcuna preferenza e che tutte le soluzioni menzionate dall'articolo 68 comma 1 debbano essere valutate in base al semplice valore tecnico/economico.

Francamente, la seconda interpretazione appare sorprendente e, oltre a non trovare rispondenza nel dettato normativo, non tiene conto delle motivazioni delle modifiche legislative. Certo, si può discutere se si tratti della soluzione ideale, ma non è possibile cambiaria in via interpretativa.

Ma la cosa più grave è che la difformità di opinioni (cosa tutto sommato frequente nei gruppi di lavoro) rischia di creare una impasse nei lavori del gruppo e, soprattutto, non viene data risposta alle esigenze degli Enti (che hanno bisogno di meno discussioni teoriche e di più spunti pratici).

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Privacy, il Garante vara le nuove regole per la PA
Il Partito Pirata alle elezioni comunali di Roma
Dodicesimo LinuxDay: il software libero nella PMI
L'Agenda Digitale punterà sul software libero
Lo Stato userà il software libero per risparmiare
Chiusura in vista per la scuola paladina del software libero
Puglia e software libero, il punto di vista di Red Hat

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

{utente anonimo}
purtroppo penso che sia anche una questione di sicurezza ,di dati sensibili (v.ospedali, enti ricerca,..) che non sembrano tutelati dal o.s.
10-8-2014 12:31

La cosa che mi preoccupa maggiormente - ne sei sicuro MaXXX? - è che le caratteristiche di un SW per le PA debbano essere definite per legge. :shock:
5-6-2013 16:00

Raga per una legge i software java per la Pubblica amministrazione devono ancora essere compatibili con la java di microsoft che ormai è defunta...con win 98..... Cioè ma ci si rende conto dei tempi per revisionare le leggi???
5-6-2013 14:09

Anche se il mio "padre" putativo è recentemente scomparso... pensa pur male perché ci indovini. Speriamo che anche le Procure si degnino di raccogliere il pensiero del "Senatore". Leggi tutto
30-5-2013 12:27

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Completa la frase con quella che ritieni più opportuna, oppure aggiungi una risposta nei commenti. Secondo te, il networking online attraverso i siti social...
Serve a costruirsi un'efficiente rete professionale.
E' particolarmente utile per cercare opportunità di lavoro.
Serve a comunicare la qualità di saper lavorare in team.
E' un'opportunità che sfruttano soprattutto i più giovani.
Elimina le barriere geografiche.
Accorcia le distanze tra amici e famigliari.
Serve a tenersi sempre aggiornati.
Permette di stabilire relazioni rilevanti.
E' lo strumento per eccellenza per creare solide relazioni professionali.
Consente di comunicare i propri successi lavorativi.
E' utile per chiedere una raccomandazione.

Mostra i risultati (863 voti)
Settembre 2020
Veicolo autonomo investe e uccide; guidatore accusato di omicidio colposo
Il bug più serio mai scoperto in Windows
Bug in Immuni vanifica l'efficacia dell'app
Facebook ti paga se disattivi l'account
Amazon cancella 20.000 recensioni fake
Samsung brevetta lo smartphone completamente trasparente
L'app che abilita il God Mode in Windows 10
Intel, i Core di undicesima generazione sorpassano Amd
Windows 10 e il bug che deframmenta di continuo gli Ssd
Agosto 2020
Windows 10 rimuoverà automaticamente le app meno utilizzate
Malware negli smartphone a basso costo ruba dati e denaro
Duplicare una chiave col microfono dello smartphone
Chrome, Url troncati per combattere il phishing
Tim e Wind Tre, crescono le tariffe
Il chip nel cervello di Elon Musk
Tutti gli Arretrati


web metrics