USA, così il governo spia gli utenti di Facebook, Google e Microsoft

Google, Facebook, Microsoft, Apple, Yahoo e altri colossi del web avrebbero consegnato le chiavi dei server coi dati degli utenti all'amministrazione Obama.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-06-2013]

george w obama

Il governo americano ha accesso ai server di nove giganti di Internet, tra cui Google, Facebook, Microsoft, Apple , Skype e Yahoo.

A sostenerlo è il Washington Post con la pubblicazione di una serie di slide che stanno mettendo in serio imbarazzo sia l'amministrazione Obama che le aziende coinvolte.

Meno di un mese fa, un ex agente dell'FBI aveva sostenuto che ogni comunicazione, negli USA, viene registrata per scopi che riguardano la sicurezza nazionale.

Le affermazioni, fatte durante un'intervista alla CNN dopo gli attentati alla maratona di Boston, aveva suscitato reazioni contrastanti: qualcuno l'aveva etichettata semplicemente come una farneticazione, qualcun altro aveva trovato conferma di quanto aveva sempre sospettato. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Secondo te Internet...
E' stata la pi¨ importante innovazione tecnologica degli ultimi anni.
Ha reso le relazioni umane troppo impersonali.
Ha reso pi¨ facile la vita di tutti i giorni.
E' stata un toccasana per l'economia mondiale.
E' riuscita a facilitare le relazioni umane.
Ha contribuito a confondere le identitÓ dei popoli.

Mostra i risultati (2641 voti)
Leggi i commenti (12)
Ora la situazione si fa più seria. Ad aprire le danze, appena ieri, è stato il Guardian, rivelando che a Verizon - un operatore telefonico e provider tra i più importanti sul suolo americano - è stato ordinato di fornire per tre mesi alla National Security Agency l'accesso a tutti i dati sulle telefonata che gestisce.

A confermare la notizia, il Guardian ha pubblicato una copia dell'ordine, emesso da un tribunale riservato, la Foreign Intelligence Surveillance Court. L'obiettivo - come specificato da fonti anonime della Casa Bianca - sarebbe «proteggere la nazione dalle minacce terroristiche» tramite i metadati così raccolti (numeri di telefono chiamati, durata e via di seguito): l'ordine non contempla la registrazione delle telefonate.

Tale situazione, che ha già fatto preoccupare le associazioni dei diritti civili, viene a peggiorare con le rivelazioni fatte dal Washington Post e di cui parlavamo all'inizio.

prism slide 1

Nel dettaglio, pare che a partire dal 2007 l'amministrazione americana si sia dotata di un programma - chiamato Prism e sviluppato insieme a Microsoft - che le permette di estrarre «massicci quantitativi di dati compresi audio, video, foto, email, documenti e connessioni» dai «server centrali di nove grandi società Internet USA» cui ha «accesso diretto».

Un'affermazione del genere fa decisamente scomparire lo scandalo Verizon e getta una luce sinistra sul governo Obama che, come ha scritto il comitato editoriale del New York Times (finora generalmente un sostenitore dell'amministrazione), «ha perso ogni credibilità» ed è già stato paragonato a quello di George W. Bush, finora considerato il peggiore nel campo della violazione della privacy dei cittadini.

Per il giornale si tratta di un «abuso di potere che richiede spiegazioni vere» e non le «solite banalità usate ogni volta che il presidente Obama è stato sorpreso a eccedere nell'uso dei propri poteri».

prism slide 2

L'elenco completo delle aziende comprende: Microsoft (con i suoi servizi di posta, come Hotmail e il suo attuale successore, Outlook), Google, Yahoo, Facebook, PalTalk, YouTube, Skype, AOL e Apple.

L'apparizione dell'articolo sul Washington Post ha scatenato la reazione immediata di quasi tutte le aziende che sarebbero coinvolte (e che sarebbero entrate a far parte della cosa in anni successivi), le quali si sono affrettate a smentire tutto quanto.

Microsoft ha dichiarato di non aver mai partecipato a niente del genere e di aver risposto unicamente «a ordini per richieste su specifici account»; Google ha smentito muovendosi nella stessa linea di Microsoft; Facebook ha negato l'esistenza di un accesso diretto da parte del governo americano e ha riferito che «chiunque lo richiedesse avrebbe bisogno di un'ordinanza del tribunale».

prism slide 4

Yahoo, invece, ha spiegato che «prendiamo molto sul serio la privacy degli utenti; non forniamo al governo accesso diretto ai nostri server, sistemi o reti».

Apple è caduta dalle nuvole: ha affermato di non avere nemmeno idea di che cosa sia Prism e ribadito che nessuna agenzia governativa ha accesso ai suoi server.

Quanto alla Casa Bianca, nessuna dichiarazione ufficiale è ancora pervenuta. Una fonte anonima ha cercato, per quanto possibile, di ridimensionare la questione, affermando che è vero che Prism permette alle agenzie di intelligence di accedere ai dati degli account registrati presso le maggiori aziende che operano in Internet, ma solo a quelli sottoscritti da utenti non americani o che risiedono al di fuori degli Stati Uniti: non sarebbero quindi gli statunitensi a doversi preoccupare; saremmo noi.

prism slide 5

Per la NSA, che nella tarda serata di ieri ha rilasciato una nota ufficiale, ormai la frittata è fatta e non c'è ragione di nascondere l'esistenza di Prism ma «le informazioni raccolte grazie a questo programma sono tra le più importanti informazioni di intelligence ottenute e vengono usate per proteggere la nostra nazione da una grande varietà di minacce. La diffusione non autorizzata di informazioni su questo programma importante e interamente legale mette a rischio tutele essenziali per la sicurezza degli americani».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Microsoft ammette: abbiamo spiato posta privata
NSA: Google e Facebook sapevano tutto
Skype, hacker violano il blog e l'account Twitter
eChirp, il network segreto dell'intelligence americana
Gmail, la posta elettronica più amata dai terroristi
La NSA può violare ogni crittografia
Skype al lavoro sulle videochiamate in 3D
Skype preinstallato su Windows 8.1
Chiude Lavabit, l'email usata da Snowden
Microsoft collaborava con i servizi segreti USA
Skype, i nuovi supernodi non servono a spiare
Ex agente FBI: gli USA registrano tutte le telefonate
Attentato a Boston, il meglio e il peggio di Internet

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 26)


I tanti irragionevoli, o disinformati, o che altro sono, che pigiano quel tasto finiscono con il creare un grosso problema a tutti, compresi quelli accorti che non lo pigiano. La libera scelta di creare un problema a tutti non mi pare per niente una cosa bella e desiderabile. Io sono favorevole al massimo ad eliminare libertÓ di questo... Leggi tutto
11-6-2013 21:26

Pi¨ che buffo, io direi che Ŕ logico. Ad una tale offensiva controrivoluzionaria, Ŕ logico desiderare nuove rivoluzioni, possibilmente in versione riveduta, aggiornata e migliorata. I popoli credo che siano stati rincretiniti a forza di "caramelle e TV". @W3C Sono daccordo, ma cosa sono quelle lettere? Sono presenti su... Leggi tutto
11-6-2013 21:17

@mda Forse non sono stato del tutto chiaro nell'esprimermi, intendevo dire che le rivoluzioni non sono favorite o suggerite dai Partiti Politici ufficialmente costituiti anzi, quando sono espressione di un movimento popolare generalmente si originano da movimenti clandestini o semi clandestini e, comunque, da gruppi che si possono... Leggi tutto
11-6-2013 19:06

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te gli scanner aeroportuali...
Contribuiscono efficacemente a combattere il terrorismo.
Violano la privacy senza migliorare la sicurezza.

Mostra i risultati (2567 voti)
Settembre 2019
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Il bug di Windows 10 che tinge di rosso gli screenshot
Antibufala: le foto di raggi spaziali che causano incendi nei boschi
Lo smartphone etico attento alle persone e al pianeta
Storie di hacker, campeggi e libertà
USB 4 è ufficiale e raggiunge i 40 Gbit/s
5 consigli (più uno) per non farsi lasciare a piedi dal PC
La lotta al ransomware procede silenziosa ma con successo
La maledizione dei connettori USB
Agosto 2019
GIMP è un insulto: sviluppatori ribelli fondano il fork Glimpse
Sextortion, il malware che registra davvero chi guarda video a luci rosse
Misteriosa malattia colpisce i fumatori di sigarette elettroniche
L'analisi del sangue che predice quando moriremo
Bug negli iPhone, ritorna il jailbreaking
Tutti gli Arretrati


web metrics