Il Regno Unito dichiara guerra al porno online

Ogni connessione avrà filtri controllati dallo Stato che bloccheranno la pornografia e i motori di ricerca dovranno censurare le ricerche scabrose.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 22-07-2013]

David Cameron

È una dichiarazione estremamente agguerrita quelle che David Cameron, Primo Ministro del Regno Unito, ha rivolto contro i motori di ricerca e che riguarda la lotta alla pornografia nel web.

Cameron ha infatti dichiarato alla BBC che le grandi aziende di Internet - primi fra tutti i motori di ricerca come Google, Bing e Yahoo - hanno l'obbligo morale di darsi da fare per eliminare i risultati «depravati e disgustosi».

«Se non avremo ciò che chiederemo dovremo modificare la legge» ha spiegato il primo ministro, lasciando così intendere ai motori di ricerca che la loro collaborazione non è opzionale.

La principale preoccupazione di David Cameron è la pedopornografia, ma c'è anche l'esposizione alla pornografia "normale" che si può facilmente incontrare nel web e avere una cattiva influenza su bambini.

I piani del governo inglese sono articolati. Innanzitutto il Child Exploitation and Online Protection Center fornirà ai motori una "lista nera" di termini: chi effettuerà una ricerca comprendente una di queste parole verrà portato su una pagina che mostrerà le conseguenze di tale operato, «dalla perdita del lavoro a quella della famiglia sino all'impossibilità di rivedere i figli».

Qualora le aziende muovano obiezioni tecniche, Cameron ha già pronta la risposta: «Se ci sono ostacoli tecnici, non restate lì fermi a dire che non si può fare; usate i vostri cervelloni e superateli».

Dal 2014, poi, grazie alla collaborazione degli ISP, partirà una sorta di parental control nazionale: su ogni connessione verrà installato un filtro che impedirà di accedere ai contenuti pornografici; per la disattivazione occorrerà fare richiesta esplicita al provider, ma il filtro resterà disattivato solo per un giorno: dopo 24 ore la richiesta andrà ripetuta.

Sondaggio
In Islanda, paese protestante con 320.000 abitanti tutti on line, nei mesi scorsi si è molto parlato di una legge che proibisca completamente la pornografia on line (quella stampata è già proibita) attraverso filtri centralizzati. Secondo te...
E' giusto. Anche in Italia si dovrebbe fare lo stesso.
Non è giusto, perché limita la libertà.
E' giusto, ma tanto ci sarà chi riuscirà ugualmente a scaricare materiale pornografico.
Ci sono problemi molto più importanti.
Aumenteranno ancora di più i suicidi e gli alcolizzati

Mostra i risultati (5170 voti)
Leggi i commenti (41)

L'obiettivo è aiutare quelle famiglie che non sono esperte di tecnologia ma vorrebbero imporre limiti all'uso di Internet da parte dei figli, eppure la scelta di una politica dell'opt-out e l'installazione di filtri a monte della connessione, che i singoli utenti non possono controllare, passa di fatto l'intero controllo nella mani dello Stato senza che i cittadini possano fare alcunché o sappiano se la censura si estenda anche al di fuori di quanto dichiarato ufficialmente.

Non tutti, nel Regno Unito, sono d'accordo coi metodi del Primo Ministro. L'opposizione fa notare come la vera arma per combattere gli abusi sui bambini sia finanziare la polizia e le agenzie, ma il governo ha tagliato del 10% i finanziamenti alla Child Exploitation and Online Protection Agency.

«Anche se credo che David Cameron sia mosso dalle migliori intenzioni» - ha dichiarato Jim Killock dell'Open Rights Group - «e ovviamente tutti vogliamo che questo tipo di materiale [quello pedopornografico] sparisca, non abbiamo vere prove del fatto che i motori di ricerca siano il sistema principale con il quale la gente cerca di trovare questo materiale; dato che è estremamente illegale, chi lo cerca tende a essere molto circospetto».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Google fa arrestare il pedofilo che usava Gmail
Filtro antiporno blocca migliaia di siti legittimi
Pornodipendenti come per alcol e droga
Google, un super-database per combattere la pornografia infantile
Google Glass, arrivano le app porno
Pinterest, via libera al nudo
L'Europa blocca la protesta contro la censura del porno
Niente copyright sul porno

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 37)

@Brio Nulla di strano che possano essere fuori di cervello e pericolosi. Tutti quelli decisi a farsi il proprio mondo, anche non più grande di un'isola, possono andare fuori di cervello ed essere pericolosi. :krueger: Tu vuoi il tuo mondo e più fossi deciso a fartelo più rischieresti di andare fuori di cervello e diventare... Leggi tutto
31-7-2013 14:44

Ma Cameron lo sa che con 20$ ogni famiglia può istallare un Parental Control su la totalità dei propri pc di casa con una facilità demenziale? Senza rompere le palle al resto del regno unito e del mondo, dal momento che quacuno che gli andrà dietro prendendolo ad esempio ci sarà senz'altro.. Aggiungo: verrà portato su una pagina che... Leggi tutto
30-7-2013 21:53

Chiedo scusa per questo trattato. A volte non resisto proprio. :oops: Appunto, come dicevo. Siccome questa non è la tua omologazione, allora conta come non-omologazione. Ma soprattutto, ribadisce il primo discorso della paura di essere omologati dagli altri che porta a voler omologare gli altri. Il principio del "conquista o... Leggi tutto
27-7-2013 04:32

Lapalissiano. :roll: Leggi tutto
27-7-2013 00:10

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quanto usi il tablet?
Molto. Ce l'ho sempre con me.
Almeno una volta al giorno.
Non tutti i giorni.
Raramente.
Non lo uso quasi mai.
Non ho un tablet.

Mostra i risultati (2112 voti)
Agosto 2020
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Hai installato Immuni?
Windows 10 rinnova il menu Start
Tutti gli Arretrati


web metrics