Wi-Fi libero in Italia? Tutto da rifare

Troppi obblighi insensati stanno affossando la speranza di avere finalmente connessioni wireless libere anche nel nostro Paese.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 22-07-2013]

M wifi libero addio

Quando il Governo presentò il cosiddetto Decreto del Fare, la parte relativa alla liberalizzazione del Wi-Fi fece gioire molti: sembrava che finalmente fosse terminato il tempo delle complicazioni burocratiche e che l'Italia potesse finalmente riuscire a offrire quel servizio semplice che altrove è considerato normale.

In seguito, però, nacquero le prime perplessità, alimentate anche dal Ministero dello Sviluppo Economico e sottolineate dal Garante della Privacy.

Ora, con la conversione in legge in corso, tali perplessità non stanno facendo altro che aumentare a causa delle imprecisioni che i legislatori stanno inserendo nel testo a colpi di emendamenti, problemi che paiono dettati dalla scarsa conoscenza della materia che vorrebbero regolamentare.

Il problema principale, rilevato anche dal deputato e noto informatico Stefano Quintarelli, è che il primo degli emendamenti proposti ribadisce «l'obbligo del gestore di garantire la tracciabilità del collegamento attraverso l'assegnazione temporanea di un indirizzo IP e il mantenimento di un registro informatico dell'associazione temporanea di tale indirizzo IP al MAC address del terminale utilizzato per l'accesso alla rete Internet».

Tale norma rasenta la mostruosità perché, come ha rilevato anche il Garante della Privacy, anziché far fare passi in avanti verso la liberalizzazione riporta indietro ai tempi del decreto Pisanu, o addirittura in una situazione ancora peggiore.

Infatti, non solo costringerebbe qualunque fornitore di Wi-Fi (a partire dai piccoli bar) a dotarsi di un server syslog per registrare l'associazione tra IP e MAC (pratica non eccessivamente costosa né complicata, ma antipatica e certamente poco in linea con il concetto di liberalizzazione), ma provocherebbe problemi sul fronte della privacy.

L'indirizzo MAC è infatti univoco per ogni dispositivo, e potrebbe quindi configurarsi come un dato personale poiché facilmente associabile all'identità del proprietario di detto dispositivo: sebbene quindi il comma 2 affermi il contrario («La registrazione della traccia delle sessioni, ove non associata all'identità dell'utilizzatore, non costituisce trattamento dei dati personali e non richiede adempimenti giuridici»), le questioni sulla riservatezza sorgerebbero immediatamente.

Sondaggio
Da casa, come ti colleghi a Internet e a quale velocità?
Confronta i risultati con quelli del 2014
Modem 56K - 2.1%
Adsl a bassa velocità (fino a 2 Mega) - 11.8%
Adsl da 4 a 7 Mega - 49.2%
Adsl da 8 a 20+ Mega - 21.6%
Fibra ottica - 5.0%
Telefonino o chiavetta Gprs - 0.5%
Telefonino o chiavetta Umts - 2.0%
Telefonino o chiavetta Hspa - 5.2%
Telefonino o chiavetta Lte - 0.4%
Tramite Wi-Fi su una rete aperta - 2.1%
  Voti totali: 12540
 
Leggi i commenti (7)

C'è poi il fatto che un utente "smaliziato" è in grado di modificare l'indirizzo MAC del proprio dispositivo, vanificando così il motivo per cui la norma ne obbliga la registrazione.

Sorge infine un'ulteriore difficoltà, segnalata ancora da Quintarelli. Il comma parla di tracciabilità e di indirizzi IP, ma probabilmente il legislatore non si è reso conto che nei locali che offrono accesso Wi-Fi vengono ovviamente assegnati indirizzi di rete privati, non certo pubblici, ossia informazioni che non servono a tracciare alcunché.

«Quella frase» - scrive Quintarelli nel proprio blog - «ha senso solo se si pensa che ogni utente connesso riceve un IP address pubblico (che, nel mondo, sono praticamente esauriti)»; ma, anche volendo giustificare il legislatore affermando che di indirizzi IPv6 ce n'è in abbondanza, sorgerebbe un nuovo problema, poiché un bar che offra indirizzi pubblici si trasforma di colpo in un Internet Service Provider.

Insomma, pare che la liberalizzazione del Wi-Fi abbia preso ancora una volta una direzione sbagliata, e l'impressione chiara è che ciò avvenga perché a stendere le norme non vengono chiamate persone che hanno una chiara e precisa conoscenza tecnica di quanto si sta chiedendo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Riscritto il decreto sul Wi-Fi, arriva la liberalizzazione
Liberalizzazione del Wi-Fi, decreto da riscrivere
Decreto del Fare, il Wi-Fi è finalmente libero

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 11)

quest'estate sono andato in grecia in macchina passando per l'albania dove abbiamo fatto un paio di tappe in albania si siamo fermati a pranzare ho chiesto se avevano il wi-fi e mi hanno guardato come gli avessi chiesto se aveva due gambe !! morale: ho corretto un programma seduto ad un bar dell' albania con una connessione che non ho... Leggi tutto
18-8-2015 15:29

[img:ab1205fb2a]http://www.aaanything.net/wp-content/gallery/best-photos-of-the-week-35-2012/thumbs/thumbs_homer_on_the_internet_and_capslock.jpg[/img:ab1205fb2a] :lol:
24-7-2013 20:59

Ma perchè urli? :? Quì nessuno è sordo e molti, come me, sono anche d'accordo con te. Leggi tutto
24-7-2013 16:28

@franz: In una rete privata ogni device ha un ip locale, mentre tutti i dispositivi su internet vengono identificati da un unico dispositivo pubblico. Ad esempio se Pippo, Pluto e Napoleone sono nella stessa rete locale e guardano rispettivamente zeus news, youtube e youporn, i dati tra questi 3 siti e i 3 sono indirizzati con... Leggi tutto
23-7-2013 10:46

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te quale di queste previsioni si realizzerà per prima?
La maggior parte degli acquisti avverrà attraverso il web.
Ci sarà in media uno smartphone per ogni abitante del pianeta.
Le aziende utilizzeranno Facebook e Twitter come mezzo principale di assistenza ai clienti.
La maggior parte dei nostri dati saranno sul cloud, non sui nostri Pc.
La maggior parte degli utenti accederanno al web tramite rete mobile.

Mostra i risultati (2192 voti)
Luglio 2021
Nuovo digitale terrestre, tutto rimandato
Rinunciare allo smartphone
Windows 10, svelato l'aggiornamento 21H2
Zitto zitto, il Parlamento Europeo vara la sorveglianza di massa di tutte le email
La UE ci riprova col caricabatterie unico
Stuxnet, il virus informatico più distruttivo della storia
Windows 11, niente update da Windows 7 e 8.1
Falla critica nel sistema di stampa di Windows, e la patch ancora non c'è
Un assaggio del nuovo Office, riprogettato per Windows 11
Giugno 2021
Windows 11, il mio PC riuscirà a eseguirlo?
Windows 11, non abbiate fretta di installarlo
Un blackout informatico molto, molto canadese
Windows 11 sarà più veloce di Windows 10
Windows 11, l'update da Windows 7 e 8 sarà gratis
Windows 11, l'ISO del sistema finisce in Rete
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 2 agosto


web metrics