Bernabè pretende che lo Stato paghi lo scorporo della Rete

Il presidente di Telecom Italia chiede che lo Stato intervenga economicamente a favore dello scorporo della Rete.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 25-07-2013]

Nel momento in cui Franco Bernabè ha presentato a investitori, azionisti e dipendenti la separazione della Rete fissa da Telecom Italia, neanche due mesi fa, aveva quantificato in circa cento milioni di euro i costi vivi della separazione.

Oggi, Bernabè parla di un costo fortissimo e insostenibile da parte di Telecom Italia per lo stesso scorporo e chiede che lo Stato venga incontro ai costi di Telecom.

Sondaggio
A inizio millennio per lavorare nella new economy bisognava trasferirsi nelle grandi città, soprattutto Milano. Oggi la banda larga si è diffusa, ci sono nuove piattaforme di collaborazione ed è cambiato l'approccio al lavoro. Alla luce di questo...
Abito in una grande città e qui rimarrò.
Abito in una grande città ma sto valutando di trasferirmi in provincia.
Abito in provincia e non mi sposterò di certo.
Abito in provincia ma sto valutando di trasferirmi in una grande città.
Abitavo in una grande città ma mi sono trasferito in provincia.
Abitavo in provincia ma mi sono trasferito in una grande città.
Città o provincia non fa grande differenza, ma mi sono trasferito (o sto valutando di trasferirmi) all'estero.

Mostra i risultati (1582 voti)
Leggi i commenti (21)

Non si capisce quali possano essere questi costi. Non si capisce nemmeno perché, se Telecom decide di separare la Rete, debba essere lo Stato a sopportarne i costi: costi ulteriori a quelli che già lo Stato sostiene affinché Telecom Italua si faccia carico del servizio universale.

C'è una richiesta implicita di bonus fiscali miliardari, come quelli già goduti da Telecom Italia in passato, e di nuovi ammortizzatori sociali per smaltire le possibili migliaia di dipendenti in esubero dopo lo scorporo.

E' una richiesta che un Paese costretto a tagliare anche i fondi per la banda larga difficilmente potrà soddisfare.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Approfondimenti
Tim, lo scorporo della rete è imminente ma minaccia la trattativa per gli esuberi
Patuano congela scorporo rete e separazione call center
Italia Connessa, un concorso per cablare il Comune gratis
Telecom Italia: bye bye, Italia

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 12)

{beppe}
fine telefonia italiana.attenzione telecom a fare cassa sui 22 mila dipendenti sara' caos ecc...
12-8-2013 21:55

Concordo con Zievatron e Roberto1960, soprattutto sul seguente passaggio: Cosa che mi sembra se non certamente provata assai credibile tanto da meritare i dovuti accertamenti. Leggi tutto
29-7-2013 19:18

Sono molto d'accordo! La nazionalizzazione, bisogna ricordarlo, così come tutte le forme di esproprio per pubblica utilità, sono di fatto un acquisto coatto da parte dello Stato di una proprietà privata. In sostanza lo Stato compra un bene privato laddove al proprietario è negato il diritto di rifiutare la vendita. In altre parole, se... Leggi tutto
28-7-2013 10:28

Veramente era già privatizzata anni prima! Comunque mai con i conti in ordine.... Ciao Leggi tutto
28-7-2013 01:52

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è lo strumento di informazione di cui ti avvali di più?
I media tradizioniali (Tv, radio, stampa, ecc.)
Internet, soprattutto i siti autorevoli (Repubblica, Corriere, ecc.)
Internet, soprattutto i siti indipendenti o di controinformazione
Internet, soprattutto i social network (Twitter, Facebook, ecc.)
Non mi fido di nessun media e credo solo a quello che vedo

Mostra i risultati (3130 voti)
Ottobre 2021
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Pesa di più una chiavetta USB piena di dati o una vuota?
Settembre 2021
iPhone 14: un progetto completamente nuovo
Microsoft cede: Windows 11 si installa anche su hardware incompatibile
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Agosto 2021
La barra di Windows 11 è di proposito peggiore di quella di Windows 10
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 18 ottobre


web metrics