Bernabè lascia, forse Sarmi al suo posto

Bernabè probabilmente lascerà l'incarico il 3 ottobre. Al suo posto si fa il nome di Massimo Sarmi, oggi amministratore delegato di Poste Italiane.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-09-2013]

massimo sarmi

Franco Bernabè starà rimuginando su cosa abbia sbagliato nel rapporto con Alierta di Telefónica.

Quello con Alierta era un rapporto che Bernabè aveva voluto, coinvolgendo Telefónica in Telecom a suo tempo, e poi vantando sempre in tutte le occasioni pubbliche un eccellente rapporto con gli spagnoli.

Bernabè ha avuto ragione nel 1998 a prevedere che l'Opa di Colaninno avrebbe affossato Telecom Italia. Ma poi, rientrato alla guida del colosso telefonico, non ha saputo ridurre il debito cedendo alle richieste degli azionisti maggiori, Telefónica compresa, di forti dividendi.

Se l'aumento di capitale (che si appresta troppo tardivamente a chiedere nel prossimo consiglio di amministrazione del 3 ottobre) come è probabile verrà respinto, provocherà le sue dimissioni, che potrebbero portargli intorno ai dieci milioni di trattamento di fine rapporto e una pensione d'oro come quelle di Sentinelli e Gamberale.

Sondaggio
A quali condizioni lavoreresti da casa anziché in ufficio?
Accetterei uno stipendio inferiore perché risparmierei sui trasporti e in tempo.
Vorrei uno stipendio maggiore perché l'azienda risparmierebbe su locali, strumenti, sicurezza.
Allo stesso stipendio.
Non rinuncerei al lavoro in ufficio per nulla al mondo.

Mostra i risultati (2564 voti)
Leggi i commenti (7)

Per sostituirlo si fa sempre più forte anche il nome di Massimo Sarmi: per dieci anni amministratore delegato della Tim, e poi ininterrottamente alla guida di Poste Italiane, dove ha dimostrato buone capacità manageriali e soprattutto un'ottima capacità di relazionarsi con il mondo della politica e dei sindacati, anche superiore a quella di Bernabè.

Un uomo come Sarmi, da sempre in ottimi rapporti con la Cassa Depositi e Prestiti, potrebbe fare il miracolo dello scorporo della Rete e portare con sé Claudio Picucci, attuale capo del personale delle Poste ma con molti anni all'attivo in Telecom Italia.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Approfondimenti
Gamberale potrebbe rinunciare a stipendio presidente Telecom
Patuano congela scorporo rete e separazione call center
M5S insieme a Cub e Cobas per ri-nazionalizzare Telecom
Modello Atento per Telecom Italia?
Telecom Italia: bye bye, Italia
Pensioni d'oro di Gamberale e Sentinelli, ecco il perché
Le poste sul cellulare
Gasparri, Sarmi e Telekom Serbia
Sabelli e Colaninno: attenti a quei due
Il dissenso degli uomini Telecom Italia

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)


@mda Questa è una delle ragioni per cui le privatizzazioni in Italia sono state praticamente tutte dei fallimenti e, in generale, anche il motivo per cui a quelle privatizzazioni si è dovuti arrivare. In questo paese c'è sempre il "furbetto" (magari anche del quartierino) che credendo di fare l'interesse proprio ha creato le... Leggi tutto
1-10-2013 18:49

@Gladiator Discussione, VERA, al bar: lui: compero le Telecom io: Ma è in fortissimo indebitamento!!! lui: Che centra? io: Insomma non sarebbe una azienda sana da comperare azioni! lui: Ma danno il 12% (all'epoca) io: Cosa te ne fai se va in rovina di quel 12%??? lui: Ma, ah,ah, ah :lol: , non può andare in rovina una azienda di... Leggi tutto
30-9-2013 19:51

Comunque in una sana politica industriale se l'azienda è in forte passivo non si danno dividendi da nababbi agli azionisti per ingraziarseli incrementando a dismisura l'indebitamento, degna fine di un leccaculo di stato fallito. :twisted:
30-9-2013 19:02

Notare che la Telefónica. è piena di debiti, ma visto che sono soci in Telecom-Italia hanno deciso di ridurre le perdite italiane assumendosi l controllo della società! Logico che daranno un calcio in C. al Bernabè!!! Chiunque è meglio di lui, anche Peppino ò meccanico. La Telecom-Italia NON è in mani straniere in quanto Telefónica. è... Leggi tutto
29-9-2013 19:51

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1300 voti)
Gennaio 2022
Iliad e Vodafone, fusione in vista
Video porno interrompe convegno online del Senato
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Il nuovo, vecchio e doppio laptop di Cassandra
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 25 gennaio


web metrics